Realpolitik

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png

La citazione

«Il cinema è come un uomo a cavallo che arriva in una cittadina del West, e noi non sappiamo niente di lui. (Jean-Claude Carrière)»

scelta da
Marianna Cappi

cinerama
10208
servizi
4852
cineteca
3636
opinionisti
2443
serialminds
1245
locandine
1152
scanners
531

Editoriale


Pubblicato su FilmTv 44/2020

Realpolitik

Lo sapete: con il DPCM del 24 ottobre scorso, cinema e teatri sono stati costretti nuovamente a chiudere, per diminuire la mobilità delle persone e ridurre i rischi di contagio. Si sono sollevate polemiche, sono state raccolte firme, sono state indette manifestazioni di protesta. E giustamente. Non si tratta di far venir meno quello che Pier Aldo Rovatti, filosofo, definisce «il senso di responsabilità che abbiamo guadagnato durante l’isolamento, quel minimo di etica di cui siamo dotati» durante il primo lockdown. No. E non serve riempirsi la bocca di parole poetiche, cose come «la cultura è il nutrimento dell’anima», raggiri che ammorbano da giorni le pagine dei giornali di retorica e ipocrisia. È semplice come quella cosa oscena che è la realpolitik: tra la prima serrata generale e la seconda prossima ventura, si è deliberatamente (e sì, ministro Franceschini: gerarchicamente) scelto di chiudere i luoghi di cultura, che sono luoghi sicuri, dove sono state rispettate rigorosamente le norme (e i risultati si sono visti anche ai piani alti: Mostra del cinema di Venezia, in primis). Non c’è altro: si è scelto di sacrificare la cultura, mentre numeri e curve dicevano che tutto era sacrificabile. Si è scelto di punire una parte di paese responsabile che è stata in grado di applicare alla lettera le dovute misure, in un periodo in cui il governo non è stato capace di governare la venuta di una seconda ondata tanto terribile (è evidente no? Real...). Così, mentre aspettiamo come Totò la livella di una chiusura generale, è ovvio che questa evitabile scelta di transito appaia, e sia di fatto, iniqua. Stupirsene e risentirsene, come Dario Franceschini nel suo video-messaggio (cercatelo online), è indice di una serie di storture (non solo politiche, ma anche comunicative), che non è utile nemmeno commentare. Il fatto poi che questa chiusura, a fronte degli incassi scarsi del periodo di riapertura, convenga ai grandi gruppi e non alle sale indipendenti sorrette da un pubblico fidato, ne dice altre. 

Torniamo a noi, a Film Tv. Scegliamo di dedicare questo nuovo primo numero in assenza di sale (ancora, come se fossimo in un time loop movie) a François Truffaut. Perché per noi, semplicemente, è il regista dell’amore per il cinema. E anche se, lo sosteniamo da sempre, la casa del cinema è e deve essere la sala, i film continuano a esserci. E non lo nascondiamo: era da tempo che non potevamo contare su questa qualità, una qualità che ha scelto (prima per questioni economiche, poi per questioni ovvie) la via delle piattaforme e dell’on demand. Sfogliando le pagine della rivista, ve ne accorgerete: per fare le nostre scelte qui a fianco, avevamo l’imbarazzo della scelta. E mentre continuo a chiedermi (e a chiedere ai miei collaboratori) come sia possibile non riconoscere, nel vuoto dell’On the Rocks di Sofia Coppola, un talento per il cinema (c’è quasi solo questo, nel suo film, come in certi registi del comico che oggi non fanno ridere) con pochissimi eguali, vi consiglio due opere online che fanno della visione collettiva una questione politica: Le streghe di Robert Zemeckis e Labyrinth of Cinema di Nobuhiko Ôbayashi (venuto a mancare lo scorso aprile). Due esempi (uno dentro l’industria hollywoodiana, l’altro fuori da ogni buon senso, canone e misura) di sperimentalismo digitale che restituisce alla sala, al cinema, un mandato sociale centrale (per non dire rivoluzionario: ci eravamo detti, oggi, di sottostare alla realpolitik). 

Una postilla. C’è un dettaglio interessante che unisce Borat: Seguito di film cinema e Lo speciale pandemia di South Park, due ottime opere di satira sui tempi del COVID-19: la causa primaria della diffusione del virus, in entrambi questi micromondi narrativi, è di uno dei protagonisti. È tutta colpa nostra. Certo, in Borat, con maggior acume politico, c’entra un governo. Ma questo farsi carico, letteralmente, personalmente, della catastrofe coglie perfettamente la filosofia del mondo neoliberista che abitiamo, in cui ognuno è costretto a essere imprenditore di se stesso, libero, e dunque solo, abbandonato da ogni padre simbolico, che sia lo Stato o sia il padrone: ognuno è la causa della propria vittoria o del proprio fallimento, il successo dipende dalla nostra capacità di confrontarci col libero mercato, la pandemia dalla nostra responsabilità nel non diffonderla. Ah, mes chéris: c’est la realpolitik...

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy