Restiamo umani

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che I giovani leoni è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 07:20.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Non solo Dio non esiste, ma provate a trovare un idraulico durante il week end! (Woody Allen)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
8291
servizi
2833
cineteca
2663
opinionisti
1780
locandine
1001
serialminds
758
scanners
477

Editoriale


Pubblicato su FilmTv 25/2018

Restiamo umani

La notizia è questa. La settimana scorsa negli Stati Uniti sono scesi in sciopero i baristi di tutti i casinò del paese. Tra Las Vegas, Atlantic City, Reno e le riserve indiane, parliamo di 50 mila persone. Era stata annunciata una loro futura sostituzione con “bracci meccanici” che rispondono alle comande degli avventori, e versano da bere. Fra l’altro, arti robotici brevettati a Torino, quindi la cosa un poco ci riguarda. Non sappiamo come finirà, ma certo il segnale è allarmante. Anche per l’immaginario. Cosa sarebbe il cinema americano senza i barman? In ben due generi - western e commedia - hanno o hanno avuto il ruolo dello psicologo, qualche volta attivo (interagisce, dà consigli, all’occorrenza manda al diavolo) altre semplice ascoltatore indaffarato. In Sfida infernale di John Ford il dialogo relativo forse più bello. «Mec» chiede Wyatt Earp «sei mai stato innamorato?». «No, ho fatto il barista tutta la vita». Ecco, appunto. Ma tralasciando almeno un altro centinaio di esempi memorabili (uno però non riesco a evitarlo: una barista da saloon, Linda Hunt in Silverado di Lawrence Kasdan, personaggio magnifico) credo di poter eleggere a rappresentante di tutta la categoria il leggendario Vincent Gardenia di Skin Deep - Il piacere è tutto mio di Blake Edwards, al quale il protagonista erotomane John Ritter chiede esplicitamente: «Posso essere curato?». La risposta la trovate anche su YouTube; possiamo però ricordare che la medicina prescritta non è, per dire, il bromuro, ma lo scotch whisky J & B. Pare funzioni. La sera prima di scrivere questo pezzo incontro Mariuccia Ciotta e Roberto Silvestri, ai quali anticipo il contenuto dell’editoriale. «Dovresti vedere Passengers con Jennifer Lawrence» sostengono, titolo che non mi dice niente, così come il nome oscuro del regista norvegese Morten Tyldum. E invece li ringrazio, perché nel film c’è un’astronave che trasporta la protagonista e Chris Pratt verso una meta dove non arriveranno mai vivi, sulla quale oltre a loro è sveglio solo un barista interpretato dall’inglese Michael Sheen. Si chiama Arthur, richiama un po’ il Lloyd di Shining ma è più affabile, non è un fantasma ma un androide, benché senziente e dotato di libero arbitrio. Splendida figura. Tra l’altro, Mariuccia e Roberto mi dicono del film mentre siamo seduti sul patio di un bar, intorno a noi solo esseri umani. Meglio così.


Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.


Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy