Bone Tomahawk di S. Craig Zahler

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che Music Box - Prova d'accusa è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 14:40.

Nello stesso giorno, il 12 aprile, partono negli Usa la terza stagione di Killing Eve e la prima della nuova serie in cui è coinvolta Phoebe Waller-Bridge: Run . Quando arriveranno da noi? Nell'attesa, riproponiamo la recensione della seconda stagione della serie incentrata sul rapporto di odio-amore tra Villanelle e Eve Polastri.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

Un ricordo di Emir Kusturica e di un equivoco lungo un festival e oltre.

La citazione

«Guardatevi da tutte le imprese che richiedono vestiti nuovi (H.D. Thoreau)»

scelta da
Carolina Crespi

cinerama
9212
servizi
3647
cineteca
3122
opinionisti
2157
locandine
1080
serialminds
962
scanners
508
Scanners pubblicato su FilmTv 05/2016

Bone Tomahawk


Regia di S. Craig Zahler

1850: nella città di Bright Hope, tra il Texas e il New Mexico, una misteriosa tribù di indiani rapisce tre persone. Lo sceriffo locale organizza una spedizione per tentare di salvarle. La missione, sempre più accidentata e pericolosa, si rivela un’escalation tragica che, conducendo i protagonisti dritti all’inferno, porta questo western anomalo a convertirsi in un cannibal movie di rara efferatezza gore (la scena dello scuoiamento è di atrocità quasi insostenibile). Operazione di stilizzazione quasi tarantiniana che, nella piena padronanza dei repertori, ibrida il western con il pulp del B movie, Bone Tomahawk strizza l’occhio ai classici (Sentieri selvaggi), non disdegna la citazione alta (l’Odissea, l’episodio di Polifemo), cura maniacalmente l’ambientazione, mette in scena personaggi ultra-caratterizzati che agiscono per contrasto (tra gli interpreti, un maestoso Kurt Russell che ostenta gli stessi baffoni di The Hateful Eight) e, sfoderando dialoghi appuntiti e pregni di umorismo nero, apre squarci esistenzialisti di ammiccante maniera. Primo film dello scrittore-musicista S. Craig Zahler, costato poco meno di due milioni di dollari, ha ottenuto il premio alla regia al Festival di Sitges 2015. In dvd da $ 14,99. 

il Focus di questo numero: Naturalismo e fantasmi

Autore cresciuto sotto l’egida di Nicolás Sarquís, che è stato regista di film di lenta contemplazione e programmatore di opere sperimentali al Mar del Plata Film Festival, Lisandro Alonso  possiede un senso per il cinema che è figlio di Antonioni e Tsai Ming-Liang, di Bruno Dumont e Sharunas Bartas. Fantasma (2006), è il suo film-manifesto, un cosmo asfissiante di spettri analogici, di strutture in disfacimento e sale cinematografiche defunte, il suo Goodbye, Dragon Inn: nel film si muovono i protagonisti dei due precedenti lavori del regista, La libertad (2001) e Los muertos (2004), Argentino e Misael, che sono insieme i nomi degli attori e dei loro ruoli. Per Alonso - regista non frontalmente politico in un cinema d’autore che fa della politica una questione di genere cinematografico (si veda Pablo Trapero, a cui abbiamo dedicato uno Scanners sul n. 40/2015) - fare film è prima di tutto fare un’etnografia dell’immaginario. Osservare il mondo, per lui, è contemplare tutte le storie che quel mondo ha raccontato. Capire che un soldatino di legno è un soldatino di legno, ma anche tutto quello a cui rimanda, tutto quello che può evocare. Per Alonso il protagonista di Jauja è Viggo Mortensen e tutti i personaggi interpretati dal divo, è un soldato dell’Ottocento e un attore in divisa militare. E tutto il suo lavoro si muove tra questi poli, tra «immagini che sono solo immagini» («un singolo uomo non può essere tutti gli uomini», si dice nel suo ultimo film) e l’infinita capacità di racconto di ogni singolo segno, di ogni corpo, di ogni dettaglio. Filmare è un gesto di rispetto per il reale e, insieme, un atto sciamanico, una convocazione di fantasmi. 

Bone Tomahawk (2015)
Titolo originale: Bone Tomahawk
Regia: S. Craig Zahler
Genere: Western - Produzione: Usa - Durata: 132'
Cast: Kurt Russell, Patrick Wilson, Matthew Fox, Richard Jenkins, Lili Simmons, Evan Jonigkeit, David Arquette, Fred Melamed, Sid Haig, Maestro Harrell

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Articoli consigliati


Viaggio all'inferno (andata e...» Interviste (n° 21/2020)

Luca Pacilio

Posseduto dalla diabolica Torino, vicedirettore della rivista cinematografica online Gli Spietati, per Film TV cura la sua malattia (la videomusica) e (dunque) la rubrica Videostar, dedicata agli autori e ai protagonisti del video musicale contemporaneo. Amando perdere, e non seguendo il calcio, coltiva le enciclopedie fallimentari di Peter Greenaway.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy