MACCARTISTA - Intervista a Paul McCartney

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Maria Sole Colombo dice che Zanna Bianca è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 17:00.

Parigi brucia. Bruciano centri del potere economico e politico. Bruciano simboli della Storia. Tutti insieme. Contemporaneamente. I primi minuti di Nocturama sono la complessa coreografia degli attentati, il pedinamento dei terroristi, il balletto preparatorio di giovani d’ogni classe ed etnia e di un’unica nazione. La Francia. Nei minuti prima del fuoco, il tempo non scorre linearmente: le ore sono scritte dalle sovraimpressioni. L’ambiente principale è un non-luogo: la metropolitana.

Scoprire che Umberto Lenzi ha scritto per FilmTv. Lo avreste mai pensato?

Chicago, Nairobi, Seul, Londra, Città del Messico, San Francisco, Berlino, Mumbai. Sono otto, sono collegati. Da recuperare senza porsi domande.

Nel 2010 usciva nelle sale Saw 3D, sottotitolo "Il capitolo finale". Il prossimo 31 ottobre, giusto per festeggiare degnamente Halloween, sarà distribuito Saw: Legacy , a dimostrazione che di "finale", in verità, non c'era nulla. La saga di Jigsaw continua, la ripercorriamo a ritroso in attesa del nuovo film...

C'è tutto un cinema che non passa per le sale ma che merita di essere visto, sostenuto, cercato. Due libri per voi che sono anche due inviti a guardare oltre.

La citazione

«Quando chiesero a Marx cos’è la dittatura del proletariato rispose: ”la Comune di Parigi, perché ha abolito l’esercito e la polizia”. Poi vennero i Soviet e Solidarnosc. Questo è il movimento. Non nacquero per caso. (C.L.R. James)»

cinerama
7447
cineteca
2370
servizi
2183
opinionisti
1480
locandine
946
serialminds
615
scanners
445
Servizio pubblicato su FilmTv 42/2013

MACCARTISTA - Intervista a Paul McCartney


In occasione dell'uscita dell'album New, dalla copertina al neon, l'ex Beatle ha illustrato a John Vignola i temi di un percorso creativo complesso eppure lineare, rispettoso delle regole del pop ma ancora capace di innovare. Parla di sé, Sir Paul, del passato, dei classici come Love Me Do, della propria musica oggi e di quando ancora girava insieme agli altri tre.

«Paul McCartney non è un museo vivente!»...
...sbotta uno dei musicisti più famosi del mondo del rock, quando gli si chiede conto del suo nuovo cd; a lui in realtà piacerebbe «essere ascoltato senza attenzioni particolari, solo se le mie nuove canzoni valgono davvero». Gusto del paradosso, o semplice amore per la musica? In ogni caso, New (Concord Music/Universal) arriva in questi giorni nei negozi, a sei anni da Memory Almost Full, il suo ultimo disco con pezzi totalmente originali (Kisses on the Bottom, circa un anno fa, raccoglieva per lo più standard degli anni 30 e 40 americani): se non è una sorpresa, - e sarebbe stato comunque impossibile - è almeno una radiosa testimonianza di grande curiosità artistica, messa assieme da un settantunenne che ha visto e sentito tutto quello che si doveva, nell’ambito del pop, e ancora, come dice lui, ha «voglia di fare qualche scoperta, di dimenticarsi di ciò che è stato, di ritrovare gli occhi del bambino». L’album è anche un pretesto per affrontare con il diretto interessato un po’ di questioni retrospettive: un ritratto in movimento di uno dei migliori songwriter di sempre, attraverso una serie di temi ricorrenti.

NEW
«Il mio nuovo disco non ha una direzione precisa; ne ha moltissime, a partire dalla produzione, che ho condiviso con altre persone, dagli studi di registrazione, dalle parole che ho usato, dal modo in cui ho pensato ogni singolo brano. Se gli ultimi album facevano i conti con il mio passato, qui ci sono molte istantanee, scattate fra ieri e oggi. Ieri c’era Paul, a diciott’anni, che andava a lavorare come chiunque altro (On My Way to Work), oggi c’è un nuovo amore, una spiritualità (Hosanna) che da diciottenne non avrei mai immaginato. Ho smesso di vedermi come una sola persona, mi immagino come una moltitudine, per citare qualcosa di alto. L’unico limite che mi sono dato è stato quello del linguaggio: rimanere su canzoni che avessero un inizio e una fine, che potessero sembrare classiche, magari, e poi minarne le fondamenta. È stato divertente. Qualche mese fa ho portato un demo a una festa di amici, ho fatto sentire i pezzi meno immediati e nessuno ha pensato che fossero i miei. Un episodio dedicato a chi pensa che il suono alla McCartney sia riconoscibilissimo, magari prevedibile».

RICORDI
«A una certa età, finisci per convivere con i ricordi, per accettarli. Magari prima li volevi distruggere; poi, in un certo momento, diventano preziosi, come fossero àncore che ti rendono più comprensibile la vita. Col tempo, ho capito di aver scritto Yesterday per mia madre, che era morta cinque o sei anni prima; col tempo, ho capito che John Lennon è stato uno dei miei migliori amici; col tempo, ho realizzato che insieme abbiamo vissuto una storia che è stata anche quella di tanti altri giovani, che forse abbiamo reso migliori. Mica male. Mi dà invece un po’ di fastidio che qualcuno ricostruisca la mia vita, o quella dei Beatles, inventando i fatti, o, peggio ancora, tradendo i nostri veri caratteri. Il ritratto di un John Lennon a tutti i costi irascibile e di una zia Mimi molto dura con lui è una stupidaggine. Gli alti motivi (amore per il rock’n’roll, senso dell’avventura) per cui avremmo formato un gruppo, quando eravamo ragazzi, offuscano la vera ragione: volevamo soldi e donne, come tutti i giovani di sempre, e li volevamo in fretta. Poi è arrivato il resto, ed è stato bellissimo».

ANNIVERSARI
«Raramente ricordo con esattezza l’uscita di un mio disco o un anniversario da celebrare. Faccio fatica a collocare Love Me Do nel tempo; ci pensano gli altri, e va bene così. Gli anniversari, soprattutto quelli della scomparsa delle persone care, per me sono penosissimi. Li rendo innocui con una canzone, con qualche idea creativa che riesce ogni volta a risanarmi. Scrivere aiuta a vivere. Sempre».

CANZONI
«Alla chi mi chiedeva quali fossero le migliori canzoni del pop, una volta, ho risposto “le mie”. Volevo essere ironico, dico la verità, perché al momento non mi veniva in mente un pezzo memorabile di qualcun altro. Era un periodo di grande povertà creativa, intorno a me, e pensavo costantemente a come i Beatles fossero il contrario di quello che mi girava intorno. Quindi fu una risposta polemica, rispetto ai “bei vecchi tempi”, anche se confesso che alcune cose che ho scritto mi piacciono davvero tanto: mi rendono orgoglioso del lavoro che faccio e non mi sembra proprio un male. Il resto, ovvero la notorietà, il denaro, i litigi, scompaiono di fronte a questo sentimento: dopo i Beatles ci sono stato io, ci sono stati i Wings e sono successe altre vicende artistiche che ricordo con molto piacere e con quasi nessun risentimento, New compreso».

 

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy