Shonda Rhimes parla di Netflix e della diversity

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Claudio Bartolini dice che Una sull'altra è il film da salvare oggi in TV.
Su Rete4 alle ore 02:05.

Nel 2010 usciva nelle sale Saw 3D, sottotitolo "Il capitolo finale". Il prossimo 31 ottobre, giusto per festeggiare degnamente Halloween, sarà distribuito Saw: Legacy , a dimostrazione che di "finale", in verità, non c'era nulla. La saga di Jigsaw continua, la ripercorriamo a ritroso in attesa del nuovo film...

Parigi brucia. Bruciano centri del potere economico e politico. Bruciano simboli della Storia. Tutti insieme. È Nocturama di Bertrand Bonello un invisibile caldamente consigliato da Giulio Sangiorgio e diventato visibile a sorpresa in streaming su Netflix.

C'è tutto un cinema che non passa per le sale ma che merita di essere visto, sostenuto, cercato. Due libri per voi che sono anche due inviti a guardare oltre.

Una serie horror prodotta da Guillermo del Toro e tratta dai suoi stessi romanzi. Cosa volete di più?

La leggenda dell'El Dorado, la follia di Klaus Kinski, il capolavoro di Werner Herzog.

La citazione

«Noi siamo orfani della Rivoluzione. E spesso pensiamo che non c'è più una vittoria possibile, che il mondo è disincantato e alla fine ci rassegniamo. Il cinema, al contrario, ci dice, a suo modo, che ci sono vittorie possibili anche nel mondo peggiore.... Non bisogna disperarsi. È quel che il cinema ci racconta, io credo. Ed è per questo che dobbiamo amarlo. (Alain Badiou)»

scelta da
Mariuccia Ciotta

cinerama
7431
cineteca
2364
servizi
2167
opinionisti
1476
locandine
945
serialminds
612
scanners
442
Articolo pubblicato esclusivamente su questo sito

Shonda Rhimes parla di Netflix e della diversity


Shonda Rhimes ha rilasciato a Variety diverse dichiarazioni sulla sua nuova avventura con il colosso streaming Netflix, sul suo nuovo sito Internet e sulla questione della diversity celebrata agli Oscar e agli Emmy.

A convincerla a firmare un contratto con Netflix dopo 15 anni con ABC è stata la promessa di una «strada totalmente aperta» per la sua compagnia di produzione Shondaland, ha detto la potente autrice televisiva americana. Aggiungendo che con Netflix: «Ho uno scenario aperto per fare qualsiasi cosa io voglia». Una libertà creativa cui, dopo 15 anni di restrizioni sui contenuti e sul tipo di programmi possibili sui network, le è risultata irresistibile. 

Il contratto, che si dice abbia un valore di 25 milioni di dollari all'anno, non è tra le cose che Rhimes ha voluto discutere, ma ha specificato che crede di non essere stata sufficientemente valorizzata, come molti altri artisti, dagli studios: «La Disney ha fatto 2 miliardi di dollari con Grey’s Anatomy. Io non ho due miliardi. Ho dovuto imparare come non essere fregata. Grey's è stata la mia prima serie e potete immaginarvi i termini del contratto del vostro primo Tv show»

grey.jpg

Con la sua compagnia Shondaland ha lanciato il mese scorso anche un sito Internet per riflettere su argomenti importanti di varia natura. Non è un sito dove si troveranno consigli di bellezza o altre frivolezze: «Non siamo interessati agli stili di vita: vogliamo parlare della vita». Il sito già ospita le sue videointerviste alla tennista Billie Jean King e alla ex first lady Michelle Obama.

«Amo che non sia una pagina solo per i fan delle mie serie, ma per la gente che vive pensando alle cose che succedono nel mondo in modo inclusivo. È un modo perché si divertano, leggano e partecipino a una conversazione. L'obiettivo è di dare una voce alla gente e avere un voce a disposizione che sia rilevante, affidabile e originale»

Rhimes ha poi espresso la sua frustrazione per il modo in cui il mondo dell'entertainment affronta il tema della diversity, sostenendo che se pur c'è più consapevolezza la mentalità deve ancora cambiare. Cosa che per Rhimes diventa evidente ogni volta che una persona di colore o una donna ha successo: «Oh mio dio! Ci sono neri in Tv e la gente li guarda!», ha esclamato sarcasticamente aggiungendo poi che siamo ancora in una situazione in cui un blockbuster come Wonder Woman viene definito un film da donne, per via della sua star e della sua regista Patty Jenkins. «Un film è un film è un film, ma deve avere un aggettivo davanti se non è per uomini bianchi».

Nel suo lavoro, dice: «La diversità tra attori, scrittori, registi e produttori è naturale perché questo è il mondo in cui vivo. Il mio mondo non funziona intorno allo stare attenti che tutti siano inclusi, perché l'inclusione è una conseguenza del fatto che c'è sempre gente di colore nel mio ufficio».

Infine le è stato chiesto se ha mai pensato di candidarsi in politica, e lei ha dato una risposta piuttosto definitiva: «No. Non si può scrivere mentre si fa campagna elettorale».

shonda interno.jpg


Articoli consigliati


Grey's Anatomy» Serial Minds (n° 24/2012)
50 sfumature di Grey» Serial Graffiti (n° 26/2015)
Il sostituto - Intervista a Martin...» Interviste (n° 45/2016)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy