Il giro nei cinema n° 29/2019

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Giulio Sangiorgio dice che A Dangerous Method è il film da salvare oggi in TV.
Su Cielo alle ore 23:00.

Quando Filippo Mazzarella incontrò David Lynch, qualche parola, del silenzio.

Julie Andrews, una voce leggendaria e una serie di ruoli iconici scolpiti nella storia del cinema, ha ricevuto il Leone d'oro alla carriera a Venezia76. Riproponiamo qui la locandina di Victor Victoria .

Esattamente un anno fa esordiva su Netflix l'attesa serie creata da Matt Groening. A breve sarà disponibile la seconda stagione. Possibile competere con I Simpson e Futurama ? Dobbiamo proprio farlo?

Tra i registi che amiamo quest'anno la Mostra del cinema di Venezia ospita in concorso Olivier Assayas, con Wasp Network . Riproponiamo qui la recensione di un suo film ancora invisibile, segnalato tra gli Scanners nel 2014.

Nel 2011, in occasione dell’uscita in sala del film di Jean-Jacques Annaud Il principe del deserto , con Antonio Banderas e Tahar Rahim, avevamo voluto ripercorrere la storia del Sahara al cinema. Vi riproponiamo oggi questo percorso.

La citazione

«What happened to Gary Cooper? The strong, silent type. That was an American. He wasn’t in touch with his feelings. He just did what he had to do. (David Chase - The Sopranos)»

cinerama
8838
servizi
3242
cineteca
2894
opinionisti
1981
locandine
1043
serialminds
853
scanners
494
Servizio pubblicato su FilmTv 29/2019

Il giro nei cinema n° 29/2019


Il Cinemino: prima tappa del Giro dei cinema del 2019, a Milano, nel vivace quartiere di Porta Romana. Nata nel febbraio del 2018, questa sala è diventata velocemente un punto di riferimento per i cinefili milanesi, nonostante una chiusura forzata di oltre tre mesi. Agata e Alberto, due dei nove soci fondatori, ci accolgono nel suggestivo bar, decorato con carta da parati a tema Shining e Twin Peaks, rielaborazioni grafiche di poster di film e mobili vintage.

Il Cinemino: prima tappa del Giro dei cinema del 2019, a Milano, nel vivace quartiere di Porta Romana. Nata nel febbraio del 2018, questa sala è diventata velocemente un punto di riferimento per i cinefili milanesi, nonostante una chiusura forzata di oltre tre mesi. Agata e Alberto, due dei nove soci fondatori, ci accolgono nel suggestivo bar, decorato con carta da parati a tema Shining e Twin Peaks, rielaborazioni grafiche di poster di film e mobili vintage. L’ambiente è caloroso e accogliente: un “terzo luogo” frequentato per mangiare/bere qualcosa, o semplicemente per fare quattro chiacchiere. Al piano interrato si trovano la biglietteria e la sala (da 75 posti), raggiungibili tramite una scalinata con alcune locandine di film appese alle pareti: acquistando due biglietti si può letteralmente «portare a casa un pezzo di cinema». Trattandosi di un cineclub, le proiezioni sono accessibili solo con tessera associativa, e questo contribuisce a creare un ambiente ancora più famigliare. La programmazione è «non troppo snob: la scelta di ogni film» ci spiega Alberto, che si occupa della programmazione, «ha sempre un motivo dietro» e tiene conto del gusto del team e del pubblico. Dai documentari ai cortometraggi del Sundance Film Festival, dai film indipendenti a Bohemian Rhapsody, in una settimana si arriva anche a 40 proiezioni! Nel primo pomeriggio il Cinemino è frequentato soprattutto da abitanti del quartiere, mentre alla sera la proiezione viene spesso abbinata a incontri con registi o attori, presentazioni di libri, dibattiti, che attirano un target più giovane. Vera chicca la sostenibilità: nel bar sono serviti piatti biologici provenienti da piccoli produttori, un erogatore di acqua è a disposizione all’ingresso e le sole cannucce ammesse sono quelle di carta! 

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy