Il servizio pubblico di Ezio Bosso

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che Ballerine è il film da salvare oggi in TV.
Su Rai3 alle ore 01:55.

La Berlinale conferma: il suo fondatore è stato un consigliere nazista

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«Un ingenuo e stupido film americano può insegnarci qualcosa “per mezzo” della sua scempiaggine. Ma non ho imparato mai niente da uno scaltrito film inglese. (Ludwig Wittgenstein)»

cinerama
9502
servizi
3974
cineteca
3277
opinionisti
2242
locandine
1102
serialminds
1043
scanners
517
Articolo pubblicato esclusivamente su questo sito

Il servizio pubblico di Ezio Bosso


Vincenzo Rossini omaggia con affetto Ezio Bosso, ricordando la sua partecipazione a Sanremo 2016 e soprattutto Che storia è la musica, puro servizio pubblico.

10 febbraio 2016, seconda serata del secondo Festival di Sanremo griffato Carlo Conti. Ezio Bosso entra sulla sua carrozzella, visibilmente emozionato, scambia qualche parola con il conduttore, in un clima di pacifica tensione. Molte, moltissime persone davanti al video non l’hanno mai visto, non sanno chi sia. Gli bastano poche parole a creare un clima di sospensione fortissima, a suscitare una curiosità magnetica, incrementata anche dal disinvolto sense of humour con cui spezza la sua evidente sensazione di trovarsi fuori posto su quel palco. Poi siede al piano, esegue pochi minuti della sua Following a Bird in preda a un rapimento fiero e liberatorio, che la regia tv raccoglie come fosse essa stessa invischiata nel suo godimento, come fosse rapita anch’essa. La standing ovation è vibrante ed epocale, di quelle reali e non affettate, di quelle che non si vedevano dai tempi di Ray Charles in coppia con Toto Cutugno nel 1990.

È il picco di ascolti della serata e uno dei momenti più trascendenti dell’intera storia del Festival recente. È la rivelazione accecante di Bosso, che in tv non voleva proprio andarci, a un Paese che finora lo aveva sobriamente ignorato (anche se tra teatro, numerose colonne sonore – Io non ho paura su tutte - e un’attività concertistica di assoluto pregio Bosso in realtà era dentro lo spettacolo da più di vent’anni, nella tipica condizione di ennesimo figlio d’Italia laureato oltreconfine). È anche il trionfo dello stesso Conti, trattato con fastidiosa quanto ingiusta spocchia da tanti osservatori della musica (gli stessi che ignoravano chi fosse Bosso); lo stesso Conti che, visto retrospettivamente, in quel festival selezionò nei giovani Francesco Gabbani, Ermal Meta e Mahmood, cioè in sequenza i tre futuri vincitori della categoria Big e tre delle popstar più rilevanti emerse nell’ultima parte degli anni Dieci. Ci vollero quattro mesi di lavorio e trattative per donarci l’apertura di Bosso al mezzo televisivo, con la complicità determinante della giornalista e autrice Paola Severini Melograni, che da anni dedicava la sua attività alla proposta di un racconto originale sui temi dell’inclusività per le persone diversamente abili. La sequenza è tutta online e parla da sola: l’assoluta assenza di qualsiasi tipo di sfruttamento retorico della presenza di Bosso è anche merito della profondità di campo richiesta dalla Severini.

Due anni dopo, sulla Rai 3 di Stefano Coletta (oggi direttore di Rai1), va in onda Che storia è la musica, per chi scrive il miglior format a tema musicale visto da anni in Rai. Due sole puntate, ma dense come due stagioni: la prima con le Sinfonie n° 5 e n° 7 di Beethoven dal Teatro Verdi di Busseto, la seconda, andata in onda a Natale 2019 dal Teatro dell’Unione di Viterbo, sulla Patetica di Tchaikovsky. Esecuzioni integrali, l’unico diktat di Bosso per fare lo show: e già questo è incredibile.

Ma tutto emana un’aura di eccezionalità: Bosso scompone le sinfonie isolando e radiografandone le melodie, coinvolge gli orchestrali in una miracolosa comunione di intenti (l’opposto esatto di Prova d’orchestra di Fellini) e persino gli ospiti, irrimediabile concessione al linguaggio tv, da un emozionato Enrico Mentana all’appassionato melomane Alfonso Signorini fino a Gino Strada, non stonano e danno il meglio di loro stessi, evidentemente gratificati di essere lì.

Con Bosso non è possibile scindere il compositore dal comunicatore: chi vive questa fusione completa come una “sporcatura pop” di chissà quale ideale dell’artista contemporaneo non ha capito nulla, e chissà dove pensa di vivere. L’artista che trasfigura la sua abilità creativa nella comunicazione della stessa attività è un tratto naturalmente distintivo di questo tempo: la differenza tra la pura vanità egoriferita e il reale desiderio di scavare all’interno dei segreti di quest’astrazione che è la musica la fa il carisma, un fattore che Bosso emanava in quantità contagiose, abnormi; è proprio la “scoperta” della tv, la rivelazione della potenza del “racconto popolare della musica”, a partire da quella temuta serata al fianco di Carlo Conti, che gli ha consentito di trasformare in atto completo, in componente integrante e centrale del suo mondo espressivo. Tant’è che nei suoi ultimi concerti sinfonici, quando già non poteva più eseguire personalmente le sue composizioni, Bosso ha in qualche modo trasferito quel formato nei teatri, creando uno spettacolo unico, in cui le parole ossigenano la musica che raccontano, riuscendo – in una catarsi che moltissimi suoi grandi predecessori potevano solo sognare – a far arrivare davvero Mozart, Tchaikovsky e il signor Beethoven a una miriade di persone che mai avrebbero pensato di poterne essere tanto travolti. Servizio pubblico puro, e per di più immerso nel godimento.

Che storia è la musica indica una via perfetta e miracolosa per comunicare la musica mentre la musica stessa si genera e si ri-ossigena, saltellando disinvolta e fiera oltre mille recinti. Bosso è come il Piero Angela dell’era gloriosa di Superquark: immerso in un progetto divulgativo dalle intenzioni grandi come la vita e rapito da una passione creativa così vulcanica da essere irraggiungibile, osservabile soltanto a distanza nella sua maestosità ma al contempo inclusiva e ammaliante. Il rimpianto, ora che sappiamo che questa serie è finita per sempre, è abissale.

Se non l’avete visto, è qui.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy