Max Bunker e le nozze d'oro con Alan Ford

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Alberto Pezzotta dice che La moglie più bella è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 12:20.

Ma siamo sicuri che Roma di Alfonso Cuaron meriti il successo che ha avuto? Il sassolino di Giona A. Nazzaro

In autunno dovrebbe arrivare anche in Italia la piattaforma streaming Disney+. Come funzionerà? Quante cose saranno già disponibili? Alice Cucchetti se lo chiede su FilmTv n° 12. Qui ci chiediamo: ci saranno quelli che voglion fare il jazz ?

Arriva una nuova rubrica dedicata alla stand-up comedy: su FilmTv n° 12 Nicola Cupperi inaugura Funny People , dedicata ai comedian e ai loro spettacoli reperibili in streaming. Vi proponiamo una panoramica di questo mondo, realizzata da Alice Cucchetti nel 2015.

Venerdì 22 marzo su Sky Atlantic comincia la quarta stagione di Gomorra - La serie . Su FilmTv n° 12 abbiamo intervistato Marco D'Amore, che in questa stagione è passato alla regia. Ricapitoliamo la terza stagione con questa recensione (e attenzione agli spoiler!).

La mia vita con John F. Donovan è l'ultimo film di Xavier Dolan, in arrivo (speriamo) a breve nelle nostre sale per Lucky Red. A lungo i film di Dolan sono stati invisibili in Italia, ma poi hanno cominciato ad avere una distribuzione in sala, homevideo e streaming. Oggi vi consigliamo di recuperare Laurence Anyways .

La citazione

«sarà mica la maniera di lavorare… non si lavora così dai… ogni lavoro anche il più banale necessita di un minimo di regia»

scelta da
Andrea Bellavita

cinerama
8520
servizi
3012
cineteca
2761
opinionisti
1865
locandine
1019
serialminds
797
scanners
484
Articolo pubblicato esclusivamente su questo sito

Max Bunker e le nozze d'oro con Alan Ford


Cartoomics 2019 celebra i primi 50 anni di Alan Ford, la creatura più famosa di Max Bunker

Cartoomics è un evento in apparenza caotico, che vuole concentrarsi su talmente tante cose interessanti da dover aggiungere al logo dell'edizione di quest'anno, la ventiseiesima, altri tre sottotitoli, raddoppiando il totale degli scorsi anni. Non più solo Movies, Comics e Games, ma anche Pop, Tech e un generico, sempre ben accetto Fun. Ma se Cartoomics, negli ultimi, sta vedendo salire esponenzialmente i numeri dei visitatori, è anche perché in realtà si tratta di una manifestazione che ha una missione ben precisa: essere una fiera di tutto ciò che è intrattenimento pop. Un'ambizione enorme, che guarda ai modelli americani (il Comic-Con di San Diego su tutti) e persino complessa, in un paese dove i linguaggi popolari non sono mai stati trattati con la dignità che meritano, ma sempre con una certa dose di puzza sotto al naso.
Omaggiare Max Bunker per i primi 50 anni di vita della sua più celebre creatura, Alan Ford, sembra un ottimo modo per ricordare quanto sono stati fondamentali i fumetti popolari dagli anni '60 in avanti, con l'incredibile successo di vendite della generazione che ha anticipato l'arrivo dei supereroi Marvel e della nuova infornata di personaggi Bonelli. Un fumetto popolare all'italiana è sempre esistito, vendeva centinaia di migliaia di copie al mese, ed era condotto in pompa magna dal generale Max Bunker, figura fondamentale di quegli anni sia come direttore dell'Editoriale Corno – grazie a lui, che le ha tradotte e ha convinto l'editore, sono arrivate in Italia le prime storie de L'Uomo Ragno – sia come prolifico sceneggiatore e creatore di personaggi. Bunker, all'anagrafe Luciano Secchi, esordisce come autore a 23 anni con Maschera Nera. Ottiene il successo due anni dopo con Kriminal e Satanik, che prendono abbrivio dalla rivoluzione Diabolik, ma scelgono una strada molto più matura e violenta. Abbastanza da convincere Bunker, dopo i primi burrascosi anni di sequestri e censure, ad abbassare i toni e smettere così di pagare avvocati su avvocati negli innumerevoli processi per delitti contro la morale pubblica e il buon costume.
Proprio come il suo amico Stan Lee, anche Bunker è un vulcano di idee all'apparenza senza fine, oltre ad avere un'idea perfettamente chiara dell'editoria del fumetto. Un artista con i piedi ben piantati per terra e la disciplina di un milanese d'altri tempi, di quelli che scrivono quasi 600 albi di una serie per 50 anni ininterrotti. Un'incompleta lista delle sue creazioni, nel corso degli ultimi cinque decenni e oltre ai titoli già citati, comprende Dennis Cobb, Agente SS018, El Gringo, Gesebel, Maxmagnus, Fouché, Daniel, Cliff, Beverly Kerr, Pepper Russel. E proprio come Lee, anche Bunker ha avuto il suo Jack Kirby: il sodalizio artistico e personale dello sceneggiatore italiano con il coetaneo Magnus è durato un intenso decennio, concludendosi in amicizia nel 1975. A metà della loro collaborazione, nel 1969, nasce Alan Ford, l'eroe che l'Italia si merita. Una serie che prende la rincorsa dalle precedenti Maxmagnus e Agente SS018, e sul tratto riconoscibilissimo di Magnus e sulle storie dissacranti e ciniche di Bunker costruisce una rivoluzione del fumetto popolare italiano, portando il serioso fumetto nero (da cui prende anche l'impaginazione) sui piani del grottesco e della parodia, creando personaggi e situazioni fuori dai gangheri. Alan Ford e la sua faccia da Peter O'Toole ci mettono qualche numero a ingranare. Poi, nel 1971, arriva il personaggio di Superciuk, l'imprendibile Robin Hood al contrario – uno spazzino che ruba ai poveri, che sono sporchi e buttano le carte per terra, per dare ai pulitissimi ricchi – armato di alito alla cipolla, nemesi della cialtrona e sgangherata squadra di spie, il Gruppo T.N.T., di cui fa parte il biondo protagonista.
Sabato 9 marzo, alle ore 16 e presso la Sala Eventi Multimedia di Fiera Milano Rho, Cartoomics celebra i primi 50 anni di un reperto storico, miracolosamente sempre rimasto fedele a se stesso e ancora in grado di pungere con il suo sguardo cinico e cattivo, ironico e deformato. Max Bunker prenderà il palco per condividere gli innumerevoli ricordi e parlare del futuro della serie, presentato dal direttore artistico della fiera Filippo Mazzarella e accompagnato dal disegnatore Dario Perucca, uno dei successori di Magnus sulle tavole di Alan Ford, da Moreno Burattini, autore della biografia professionale di Bunker da poco pubblicata, e dall'editrice Raffaella Secchi.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy