Rifondazione cinema

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che Fermata d'autobus è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 12:10.

Ma quanto era comico Alfred Hitchcock? Roy Menarini racconta. Di aule universitarie, cadute nel vuoto, vendette "trasversali".

Arrivano in sala Ilegitim e Fixeur di Adrian Sitaru, espressione di un cinema rumeno a cui spesso abbiamo dato spazio. Un esempio? Cristi Puiu.

Noah Hawley debutterà alla regia. Cosa ci possiamo aspettare? Intanto vi riproponiamo la recensione di una delle sue creazioni migliori.

Dal 22 marzo nelle sale Pacific Rim 2 - La rivolta , seguito di Pacific Rim 3D di Guillermo Del Toro che riportò in auge il genere dei “robottoni”. Ecco una piccola galleria dei più celebri e indimenticabili automi animati del piccolo schermo...

16 marzo 1978. Ricordiamo Aldo Moro con Buongiorno, notte .

La citazione

«La televisione è meglio del cinema. Sai sempre dov'è la toilette. (Dino Risi)»

scelta da
Pedro Armocida

cinerama
7822
cineteca
2504
servizi
2502
opinionisti
1616
locandine
972
serialminds
688
scanners
463
Servizio pubblicato su FilmTv 01/2015

Rifondazione cinema


Anche se già riproposta in precedenza, non poteva mancare nel nuovo speciale questa ricognizione dell'opera di Christopher Nolan, per scoprire quanto i film realizzati prima di Dunkirk in qualche modo "si parlino", e già rimandino alla sintesi magificamente espressa nel film di guerra. Un cinema letteralmente rifondato. 

Sentenze
memento.png
Sentenziosamente. Con David Fincher, il britannico Christopher Nolan è il regista hollywoodiano che meglio è riuscito a cogliere e dare forma allo spirito del tempo. Con film in grado di parlare alla massa, produttivamente via via più pesanti eppure pensanti (massa? ricordiamoci che «i nomi collettivi servono a fare confusione: popolo, pubblico... Un bel giorno ti accorgi che siamo noi, invece credevi che fossero gli altri», scriveva Ennio Flaiano), fino al blockbuster d’autore (chi l’avrebbe detto), macchina da incasso, popcorn ed esercizio d’intelletto. Si prenda Memento, il film che l’ha consacrato. Nero indipendente, confezione da B movie e ambizione da filmcervello, con la struttura à rebourse re-start che s’inventa una mimesi con la percezione del mondo del protagonista, con la sua memoria a tempo brevissimo e determinato, con la sua indagine nel ricostruire la propria storia e le cause del lutto che l’ha colpito. Nolan gioca con il sapere dello spettatore, lo modula per farlo aderire al sapere lacunoso del protagonista, offre chiaramente le coordinate per orientarsi nel disorientamento, racconta una parte per poi stupire con il tutto. L’Hitchcock teorico di McGuffin e suspense sarebbe fiero di lui (e di chi altri? I primi Shyamalan? Fincher? Soderbergh?), nel piattume narratologico del cinema americano d'oggi.

Memento è un buon luogo d'osservazione poetica, per mappare i luoghi comuni del cinema di Nolan: un protagonista teso tra il tragico e il patologico, il senso soffocante di paranoia e la melanconia per un'assenza (femminile), un action che è prima di tutto e soprattutto interiore, e il riflesso di questo interiore sulle forme del cinema, l'invito per chi guarda a mettere alla prova le regole (didascalicamente sciorinate) del gioco, le leggi con cui si struttura la visione. Inception, anni dopo, è la migliore delle conferme. Cinema tra la sociologia e il videogame, tra l'esistenzialismo e il massimalismo. Cinema che racconta di identità e memoria, nell'era dell'identità iperframmentata e della memoria fragilissima. Per noi, per me, probabilmente, non è il miglior cinema possibile. Ma è di sicuro un cinema epocale, in ogni senso.

Memorie
spotless.jpg
Memorie che s'inceppano, ricordi che scompaiono. Resnais è lontano, ma i suoi lasciti si leggono nel blockbuster come nei film da galleria. Per il cinema di oggi, la memoria è un'ossessione: dai rovelli di Charlie Kaufman (che vanno da Se mi lasci ti cancello a Synecdoche, New York) passando per le messe in scena dell'Alzheimer (Away from Her - Lontano da lei, Alice), il passato è una terra (oggi) straniera, difficilmente riconquistabile, la mente è labile, la storia mobile. E ci sono eroi che tentano addirittura di riscriverla, visto che Bastardi senza gloria c'è riuscito, in glorioso nome del cinema, certo, ma anche del relativismo. In Source Code e nel suo cripto-remake/blockbuster triviale Edge of Tomorrow, ma anche nella prurigine puberale di Io vengo ogni giorno, si ritorna indietro nei giorni per correggerli. E il viaggio nel tempo è ritornato a essere ricorrente nella sci-fi, con tanto di consulenze di fisici, come in Prlmere in Looper, in Men in Black 3 e, ovviamente, nell Interstellar del nostro. E cosa sta alla base della Trilogia del Cavaliere Oscuro, quel Batman che (Beglnsl) ricomincia da capo, se non il tentativo di rifondare un Mito e la storia? Nel cinema di Nolan ricorre la debolissima memoria del contemporaneo. E viene messa alla prova, riattivata, nello spettatore: in Memento e Inception quel che bisogna ricordare, mentre i ricordi dei protagonisti si disfanno, s'ingarbugliano, sfioriscono, sono le regole del gioco, l'accumulo di indizi, la bussola dei livelli. E in The Prestlge («osserva attentamente») e in Il Cavaliere oscuro - Il ritorno la verità è sotto i nostri occhi sin dal principio, ma poi no, non ce ne ricordiamo sino alla fine e al suo scioglimento. Quel che ci interessa di Nolan è quel che chiede allo spettatore, lo spettatore che si sceglie, e come lo educa alla visione: i suoi film non sono ottusi ottovolanti da cui lasciarsi muovere, sono labirinti (basti vedere il logo della sua casa di produzione, la Syncopy Film) in cui è necessario orientarsi, indagini sulle immagini, sul loro proliferare, sul loro essere traccia di pensieri non conformi al vero, patologici, aberranti (Doodlebug, Following, Insomnia che altro sono?). Nolan pretende uno spettatore attivo, ancora una volta, pensante. La logica del videogame, nel mind game movie. Se Shyamalan, da II sesto senso al capolavoro The Village, s'è inventato la necessità della revisione di quel che è stato visto, un gesto che racconta dell'inattendibilità dell'immagine e di un narratore subdolo per raccontare la fragilità dell'America e dei suoi miti un film come Inception, per esempio, funziona diversamente: dà le coordinate per la comprensione e poi le mette in dubbio, chiede allo spettatore di sciogliere il cruccio sull'appartenenza delle immagini a un determinato livello di realtà, chiede di verificare le regole messe in gioco. Quella trottola che gira, che gira, che gira, sul finale del film cos’è se non un tragico dilemma sullo statuto di realtà delle immagini? Sul finale di II Cavaliere oscuro - Il ritorno, in uno sfacciato, clamorosamente autoriale, rimando al proprio cinema, ci lascia nella medesima situazione: quel che stiamo vedendo è Bruce Wayne sopravvissuto o è la visione sognante del fido Alfred? E avremmo mai avuto questo dubbio se non avessimo visto Inception? Cos’è quell’immagine? Giusto un’immagine? La memoria, in Nolan, è anche cinematografica, persino autoriale. E il suo cinema, così, continua a rimandare ad altro cinema (l’enciclopedismo sci-fi di Interstellar non è che la summa di questa pratica), ma non ne è mai dipendente. Lo spettatore costruito da Nolan è uno spettatore chiamato a esplorare e dubitare: l'esatto contrario dell'uomo costruito dai guardiani di Interstellar, a cui sono stati tolti l'incerto e il possibile.

Eroi
skyfall.jpg
Che l'America ferita del post 9/11 avesse bisogno d'eroi, è stato chiaro sin da subito. Di supereroi, per la precisione. Il nuovo Batman è però lontanissimo dall'ironia demistificante dei condottieri Marvel, non cerca alleggerimenti, porta su di sé tutto il peso, la gravitas, del proprio ruolo. E il dolore, incommensurabile, della perdita. I protagonisti dei film di Nolan sono dilaniati nell'animo, tesi tra il loro essere qui e ora e il loro desiderio inappagato, gravati da un lutto o da un'assenza, consumati dal tarlo del ricordo. Batman conferma, pienamente. C'è il senso della tragedia, nel cinema di Nolan, una tragedia che è prima di tutto identitaria. E per capirlo, basterebbe guardare come ha influito sul cambiamento di un'icona del contemporaneo: Skyfall, parte della rifondazione del mito di 007, dichiaratamente ispirato alla rilettura del Cavaliere oscuro di Nolan, è una tragedia shakespeariana spuria, un jeu de massacre dell'identità, un assalto furente e disperato alle radici. Ma la trilogia dedicata all'Uomo pipistrello restituisce il cupo sentimento di un'America trafitta anche perché si fa forum in cui si dibattono le tensioni del presente: ed è facile leggere i conflitti in gioco come battaglie, guerre, guerriglie tra una nazione e il terrorismo, tra valori nobili e politica corrotta, ma anche tra 1% e il 99% di Occupy Wall Street. Il conflitto non è manicheo. Stiamo dalla parte di Batman, ammiriamo il suo sacrificio, ma Nolan indaga anche le ragioni dell'altro, lega il Bene al Male (e al Bane), figlia l'uno dall'altro, ne legge i collegamenti. C'è di che dubitare, perché la morale non è limpida. E nemmeno la percezione del mondo: l'eroe di Nolan è debole anche perché la nostra adesione ai suoi crucci è faticosa, affaticata dall'eccesso di stimoli a rotta di collo, allo strabordio d'informazioni, dalla dispersione dell'attenzione nel maelstróm degli eventi. È un difetto solo se si guarda al cinema con occhi stanchi e retrogradi: perché è invece una forma mimetica del mondo di oggi, il precipitato dello Zeitgeist. Una sfida, mind game: anche per seguire i supereroi è necessario concentrarsi, attivare la memoria. Di nuovo: pensare. 

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy