Selma Blair

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che Le conseguenze dell'amore è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 13:00.

Storie di streghe, da Angela Lansbury a Bella Ramsey.

Su FilmTv n° 34 Ilaria Feole racconta la passione/fissazione/nostalgia per gli anni '80 di cinema e serialità. Tra gli 8 horror che non muoiono mai è citato La casa di Sam Raimi, di cui vi raccontiamo la storia con questa locandina del 2008.

Hirokazu Kore-eda torna a Venezia dopo due anni: il suo La vérité aprirà infatti #Venezia76. Il film presentato in concorso a Venezia 74 era stato The Third Murder, tuttora inedito in Italia, fatta eccezione per una proiezione allo Spazio Oberdan di Milano del mese di febbraio 2019. Ne riproponiamo qui la recensione.

Nel 2011, in occasione dell’uscita in sala del film di Jean-Jacques Annaud Il principe del deserto , con Antonio Banderas e Tahar Rahim, avevamo voluto ripercorrere la storia del Sahara al cinema. Vi riproponiamo oggi questo percorso.

Il 21 agosto arriva su Sky Atlantic la settima e ultima stagione di Veep . Riprendiamo il filo con la recensione della stagione 6.

La citazione

«Povero pensiero... finisce sempre per sfracellarsi contro il muro dei fatti. (Lev Troskij)»

scelta da
Adriano Aiello

cinerama
8787
servizi
3215
cineteca
2884
opinionisti
1971
locandine
1040
serialminds
850
scanners
494
Servizio pubblicato su FilmTv 32/2019

Selma Blair


Un post al sole n° 32/2019

Il 16 ottobre del 2018 Selma Blair condivideva sul suo account Instagram un fotogramma di A Dirty Shame di John Waters, dove il suo personaggio sfoggia un reggiseno rosa che contiene a stento le mostruose protesi mammarie: un’immagine iconica del cinema del “papa del trash”, che l’attrice, allora quarantaseienne, rievocava ironizzando sulla taglia minuta dei suoi seni nella vita reale. Quattro giorni dopo, il 20 ottobre, Blair pubblica una foto molto più ordinaria: un selfie in camerino, dietro le quinte della serie Netflix Another Life, la cui lunga didascalia sintetizza mesi di paure, esami e dolore, chiusi da una diagnosi, quella di sclerosi multipla. Da allora, l’account dell’attrice, splendida musa del cinema weird (da Waters a Todd Solondz, da Ryan Murphy a una delle sue ultime, feroci e spassose prove, nella commedia horror Mom and Dad), è divenuto uno dei più seguiti, con 1,7 milioni di follower e post fittissimi, a cadenza quotidiana: piccole cronache di vita con la malattia, intrise di inscalfibile ironia e di luminosa consapevolezza, capaci di sensibilizzare i seguaci sul tema della sclerosi multipla senza edulcorare, né enfatizzare retoricamente, i durissimi ostacoli che la malattia degenerativa costringe ad affrontare. Blair alterna momenti di pace domestica a fieri red carpet dove sfila, magnifica, con l’aiuto di un bastone; post dall’ospedale a post dal bordo piscina; documentando senza filtri la perdita dei capelli causata dalle cure per la sclerosi multipla (e il taglio a zero con cui ha risolto), la disfonia spasmodica che le ha reso difficile articolare le parole, la gioia per la speciale bicicletta che l’ha aiutata a mantenere la mobilità. Dosi quotidiane di lucidità, coraggio e intelligenza: merce rara sui social network. 

,

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy