Venezia a Napoli: non l'acqua alta in trasferta, bensì il cinema esteso

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che I cancelli del cielo è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 21:10.

Avventure da vedere e rivedere, capolavori dell’animazione e lezioni sul rapporto tra uomo e natura: sono i film dello Studio Ghibli, (quasi) tutti disponibili su Netflix.

È una questione di intesa. Lo sguardo di Jonah Hill su Stevie è simile a quello di Jodie Foster su Fred in Il mio piccolo genio . Entrambi con lo stesso provvisorio smarrimento, la stessa solitudine. Con una differenza: l’attrice, nel suo esordio nella regia, era anche protagonista. Jonah Hill no: si affida anima e corpo al bravissimo protagonista, Sunny Suljic, già sorprendente in Il sacrificio del cervo sacro . E poi ancora strani incroci: Scott Rudin, tra i produttori di Mid90s e anche di Il mio piccolo genio .

Il miglior film hollywoodiano dell’anno l’ha fatto la HBO, naturalmente è una miniserie e non un film, ma della Hollywood perduta (non necessariamente quella classica) riprende l’impostazione e la tradizione di trarre da un bestseller un’opera d’autore colta e insieme popolare, come un tempo erano film quali Ragtime , La scelta di Sophie o Il colore viola .

«Continuare a vivere significa continuare a fare film» dice Máximo Espejo, il regista di Légami! È paralizzato sulla sedia a rotelle, in preda a pulsioni fisiche voraci e inappagabili per la bella protagonista, ma non importa: importa il cinema, che si fa «con il cuore e con i coglioni», e quelli funzionano. Il cinema si deve , anche se non si vede : il cinema si fa anche da ciechi, ed è il caso di Mateo Blanco, che perde la vista e l’amore in un incidente ma torna alla celluloide per ricomporre Gli abbracci spezzati .

Sperimentatore eccentrico con l’umiltà del mestierante o dell’artigiano, Nobuhiko Ôbayashi è divenuto un culto per caso, per la sua instancabile volontà di immaginare, al di fuori da ogni schema. Al nome del regista giapponese in genere viene associato un solo titolo: House (1977). Un caso difficilmente superabile di follia su pellicola, in cui l’immaginazione sale al potere senza che nessun limite - di budget, buon gusto o buon senso - la possa rallentare.

La citazione

«Solo chi lascia il labirinto può essere felice, ma solo chi è felice può uscirne (Michael Ende - Lo specchio nello specchio)»

cinerama
9602
servizi
4189
cineteca
3364
opinionisti
2297
locandine
1114
serialminds
1093
scanners
521
Articolo pubblicato esclusivamente su questo sito

Venezia a Napoli: non l'acqua alta in trasferta, bensì il cinema esteso


Inaugura (online) la decima edizione della rassegna che porta la Mostra del cinema di Venezia (e non solo) a Napoli.

Detta così suona scientifica e tecnicamente precisa, ma piuttosto riduttiva: la rassegna Il cinema esteso, diretta da Antonella Di Nocera e organizzata da Parallelo 41 Produzioni con il contributo di Mibact e Regione Campania, è quella manifestazione che presenta a Napoli una selezione tra le migliori opere mostrate all'ultima Mostra internazionale del cinema di Venezia, e che quest'anno festeggia - in ritardo rispetto al solito, dal 14 al 20 dicembre, e con l'ormai classico contributo della piattaforma MyMovies ai festival pandemici - un bell'anniversario a cifra tonda, quello della decima edizione. Ecco, a dire il vero Il cinema esteso è molto, molto di più.

c_TSAI MING LIANG_ok.jpg

Basti pensare che quest'anno, con un accredito unico venduto a 9 euro e 90, la rassegna napoletana propone una serie di incontri, presentazioni, masterclass e proiezioni dedicate da far invidia alla stessa Mostra del cinema di Venezia. Per festeggiare il decennale, due maestri come Shinya Tsukamoto e Tsai Ming-liang terranno altrettante masterclass online, un'occasione unica per sbirciare nella testa di due fra i registi contemporanei più interessanti e fuori dagli schemi; a loro si unirà anche una figura eclettica e affascinante come l'artista, musicista d'avanguardia e narratrice newyorchese Laurie Anderson - la data del suo incontro è ancora da fissarsi, ma basta tenersi aggiornati sulle pagine social della manifestazione. Senza contare tutti i protagonisti dei film in programma nell'edizione 2020, che presenteranno i loro rispettivi film collegandosi alle proiezioni. A partire da Frederick Wiseman, a cui sarà dedicata l'intera giornata d'apertura della rassegna, che apparirà (in dialogo con Antonella Di Nocera e con l'autore di Fuori orario Donatello Fumarola) per introdurre il suo ultimo film City Hall. Nel corso della settimana, faranno i loro interventi a presentazione dei rispettivi lavori anche autori come Gianluca e Massimiliano De Serio, Jasmine Trinca, Alice Rohrwacher e Alessandro Rossellini, Kamir Aïnouz, Azra Deniz Okyay, Hilal Baydarov, Merawi Gerima e molti altri ancora. A tal proposito segnaliamo l'appuntamento giornaliero con il Live delle 19, con cui la rassegna tenta di restituire allo spettatore l'esperienza della sala: il pubblico, collegato su Facebook, avrà la possibilità di interagire con gli ospiti e fare domande in tempo reale.

d_SHYNIA TSUKAMOTO.jpg

Per qualsiasi altra informazione sul folto programma, sulle modalità di abbonamento e su quelle di prenotazione per le masterclass (che sono a numero chiuso), rimandiamo al sito della manifestazione.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy