S. Craig Zahler

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che Music Box - Prova d'accusa è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 14:40.

Nello stesso giorno, il 12 aprile, partono negli Usa la terza stagione di Killing Eve e la prima della nuova serie in cui è coinvolta Phoebe Waller-Bridge: Run . Quando arriveranno da noi? Nell'attesa, riproponiamo la recensione della seconda stagione della serie incentrata sul rapporto di odio-amore tra Villanelle e Eve Polastri.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

Un ricordo di Emir Kusturica e di un equivoco lungo un festival e oltre.

La citazione

«We want our film to be beautiful, not realistic.»

cinerama
9212
servizi
3647
cineteca
3122
opinionisti
2157
locandine
1080
serialminds
962
scanners
508

Piombo, sangue & rock'n'roll


Poco noto alle nostre latitudini, S. Craig Zahler è un cineasta eccentrico. Classe 1973, newyorkese originario della Florida, ha scritto qualche romanzo western e il primo, A Congregation of Jackals (2010), è stato subito nominato agli Spur Awards (spur = sperone), il massimo riconoscimento americano assegnato agli scrittori delle storie di frontiera. Ha suonato in due formazioni heavy metal con il nome d'arte Czar e fondato un ensemble di musica elettronica chiamato Binary Reptile. Esordisce al cinema come sceneggiatore di un horror inedito in Italia, Asylum Blackout (2011), poi finalmente dietro la macchina da presa per Bone Tomahawk (2015). Interpretato da un imperativo Kurt Russell, è un horror-western come non se ne sono visti molti, nella storia, perché i tentativi di contaminazione del genere sovrano del cinema Usa, vedi il micidiale Cowboys & Aliens (2011), sono sempre stati un fallimento. Bone Tomahawk no, è animato dal sacro fuoco dei B movie, lo spirito selvaggio che predispone alla massima sospensione di credulità e al divertimento viscerale. Ora di Zahler sono finalmente visibili i due noir, Cell Block 99 - Nessuno può fermarmi (Netflix) e il più recente Dragged Across Concrete - Poliziotti al limite (Sky GO). Per l'occasione vi proponiamo un'inedita intervista in esclusiva al regista e qualche spunto di riflessione sui singoli film, che vale davvero la pena recuperare. Buona lettura. E soprattutto: buona visione!

S. Craig Zahler - regista di culto, scrittore western e musicista hard rock - svela i segreti del suo cinema e in particolare del suo ultimo film Dragged Across Concrete - Poliziotti al limite (disponibile su Sky GO). Dal rapporto con gli attori alla ricerca di uno stile unico nel suo genere (e nel genere). Intervista esclusiva!

Inedito in Italia, e da qualche settimana presente sul catalogo di Sky, Dragged Across Concrete - Poliziotti al limite di S. Craig Zahler è un ottimo poliziesco, mesto e un po’ di destra, lento e avvolgente, strano e brutale, dove le attese superano i momenti d’azione. Durante un appostamento notturno Vince Vaughn, mentre il compagno Mel Gibson parla al suo fianco nell’abitacolo dell’auto, con gesto rapido e gentile gli passa un contenitore pieno di mentine e gli consiglia di prenderne almeno due.

Il titolo originale dell’opera seconda di S. Craig Zahler, fuori concorso a Venezia 2017, fa eco a Siegel e al suo Rivolta al blocco 11, ma ha molto più da spartire con John Carpenter, Eli Roth, Walter Hill e Joe R. Lansdale: tutti in una volta.

1850: nella città di Bright Hope, tra il Texas e il New Mexico, una misteriosa tribù di indiani rapisce tre persone. Lo sceriffo locale organizza una spedizione per tentare di salvarle. La missione, sempre più accidentata e pericolosa, si rivela un’escalation tragica che, conducendo i protagonisti dritti all’inferno, porta questo western anomalo a convertirsi in un cannibal movie di rara efferatezza gore (la scena dello scuoiamento è di atrocità quasi insostenibile).

cinerama

Ci sono due poliziotti, un po' diversi tra loro, che si beccano pur rispettandosi, uno italoamericano (Vince Vaughn lo è in effetti da parte di madre, mentre il padre è originario di Belfast, città alla quale lui e la sorella Valeri Vaughn hanno dedicato nel 2012 un documentario molto bello, The Art of Conflict), l'altro più yankee (Mel Gibson), e fin qui ci siamo, ne abbiamo visti tanti.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy