Scanners - Caccia all'inedito

970x250.JPG

Scanners /// Raccolta di invisibili dimenticati dalla distribuzione italiana.

Réalité

Regia: Quentin Dupieux

Anno: 2014
Genere: Commedia
Produzione: Francia/Belgio/Usa
Durata: 95 minuti

Cast: Alain Chabat, Jonathan Lambert, Elodie Bouchez, Kyla Kenedy, Jon Heder, Eric Wareheim, John Glover, Lola Delon, Matt Battaglia, Susan Diol

Quentin Dupieux, “the artist also known as Mr. Oizo”, come qualche tempo fa gli piaceva farsi chiamare, regista, sceneggiatore, dj, autore di musica elettronica, magnifico professionista del cazzeggio che un po’ ci fa e un po’ ci è, realizza film a immagine e somiglianza della sua figura mediatica abilmente costruita nell’ambito del cinema d’autore e della cultura alternativa: film, cioè, surreali, buffi, spesso comici a tutti gli effetti, politicamente (ma anche narrativamente ed esteticamente) scorretti, inafferrabili e inspiegabili. Réalité, fra tutti (ne ha girati sei), è senza dubbio il più inafferrabile e ambizioso, costruito come un doppio, triplice, anzi infinito sogno e modellato sul continuo gioco di rimandi, rimbalzi e ambiguità del metacinema. Il set è ovviamente la città di Los Angeles, che Dupieux (anche direttore della fotografia e montatore) trasforma con una luce slavata e piatta in un luogo anonimo e sciatto, privo di qualsiasi forma di memoria o immaginario. Tra case, cinema e studi televisivi, vi si intrecciano, mescolano e confondono tre storie: quella di una bambina che trova una VHS nelle viscere di un cinghiale e comincia a guardare un film horror; quella di un operatore televisivo che ottiene da un produttore il via libera per il suo primo film fanta-horror, a patto di registrare l’audio del ruggito perfetto; e quella di un attore televisivo che soffre di un eczema immaginario. Forse sono tre storie separate, o forse sono le tre spirali di una stessa, ingarbugliata trama onirica: sta di fatto che Dupieux toglie progressivamente razionalità e logicità ai passaggi narrativi, fonde, intreccia, dissolve personaggi e situazioni, lasciando che lo spettatore sia parte del gioco e che i personaggi stessi siano osservatori osservati (la bambina si chiama non a caso Réalité...) di una realtà onirica, e dunque anche cinematografica. «Non voglio mica che me lo analizzi, voglio solo che lo ascolti!», dice a un certo punto alla ex moglie psicanalista l’operatore-regista a proposito di un suo sogno: e Réalité (come forse l’intero cinema buñueliano, lynchano, inventivo e dissacrante, come il lavoro di un patafisico, di Dupieux) sta tutto in questa frase, tutto nella dimensione magnificamente illogica - e per questo anche inquietante e vagamente spaventosa - di un sogno perduto nella notte, che quando lo racconti o lo spieghi un poco lo trasformi in un racconto, e un poco lo uccidi.

Amour fou (2014)

Regia di Jessica Hausner

Il poeta romantico Heinrich von Kleist vive a Berlino all’inizio del XIX secolo: è giovane, pallido, tormentato. Nei salotti aristocratici che frequenta si muove impacciato, immobile e impiccato...

FilmTv n° 32 / 2015

Tokyo Family (2013)

Regia di Yoji Yamada

Un’operazione impossibile, un caso di lesa maestà: il remake di Viaggio a Tokyo di Yasujiro Ozu, uno dei più grandi film della storia del cinema, nel 50° anniversario della sua...

FilmTv n° 05 / 2014

The Forbidden Room (2015)

Regia di Guy Maddin, Evan Johnson

A Winnipeg, dice la voce narrante dello stesso Maddin, «tutto ciò che accade è un eufemismo», cioè la sostituzione di un’espressione con un’altra più attenuata e mascherata. Ogni cosa, a Winnipeg...

FilmTv n° 17 / 2016

The Broken Tower (2011)

Regia di James Franco

La carriera da regista di James Franco è ancora tutta da raccontare. Icona del nuovo mainstream hollywoodiano, quando passa dietro la macchina da presa Franco sa mettersi in gioco in maniera...

FilmTv n° 34 / 2013

La plaga (2013)

Regia di Neus Ballús

C’è una cosa che rende La plaga qualcosa in più del solito film corale ambientato alla periferia del capitalismo, con immigrati in cerca di una vita migliore: l’empatia. I corpi e gli...

FilmTv n° 15 / 2016

Archivio Scanners

Titolo Regia Autore FilmTv n°
The Great Buddha + Hsin-yao Huang Emanuele Sacchi 40 / 2018
Zama Lucrecia Martel Roberto Manassero 38 / 2018
A fábrica de nada Pedro Pinho Matteo Marelli 32 / 2018
Golden Exits Alex Ross Perry Emanuele Sacchi 30 / 2018
Borderline Olivier Marchal Alessandro Baratti 27 / 2018
Columbus Kogonada Emanuele Sacchi 25 / 2018
La chatte à deux têtes Jacques Nolot Alessandro Baratti 23 / 2018
Happy hour Ryûsuke Hamaguchi Emanuele Sacchi 20 / 2018
Laissez bronzer les cadavres Hélène Cattet, Bruno Forzani Alessandro Baratti 17 / 2018
Cameraperson Kirsten Johnson Alice Cucchetti 15 / 2018
Beach Rats Eliza Hittman Giulio Sangiorgio 11 / 2018
Journey to the West: Demon Chapter Hark Tsui Emanuele Sacchi 07 / 2018
The Monkey King 2 Soi Cheang Emanuele Sacchi 07 / 2018
Wu Kong Chi-kin Kwok Emanuele Sacchi 07 / 2018
L'amant d'un jour Philippe Garrel Rinaldo Censi 05 / 2018
A Ghost Story David Lowery Fiaba Di Martino 03 / 2018
Le parc Damien Manivel Giulio Sangiorgio 01 / 2018
A Quiet Passion Terence Davies Luca Pacilio 51 / 2017
Before I Disappear Shawn Christensen Fiaba Di Martino 49 / 2017
La jeune fille sans mains Sébastien Laudenbach Giulio Sangiorgio 47 / 2017
Le Grand Méchant Renard et autres contes... Patrick Imbert, Benjamin Renner Ilaria Feole 47 / 2017
Napping Princess - The Story of the Unknown Me Kenji Kamiyama Alice Cucchetti 47 / 2017
La Region Salvaje Amat Escalante Ilaria Feole 45 / 2017
Prevenge Alice Lowe Fiaba Di Martino 45 / 2017
The Lure Agnieszka Smoczynska Emanuele Sacchi 45 / 2017
Comme un avion Bruno Podalydès Ilaria Feole 43 / 2017
La loi de la jungle Antonin Peretjatko Fiaba Di Martino 43 / 2017
Problemos Eric Judor Giulio Sangiorgio 43 / 2017
Boro in the Box Bertrand Mandico Alberto Pezzotta 41 / 2017
Love & Peace Sion Sono Fiaba Di Martino 41 / 2017

Pagine

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy