Scanners - Caccia all'inedito

970x250.JPG

Scanners /// Raccolta di invisibili dimenticati dalla distribuzione italiana.

Laurence Anyways

Regia: Xavier Dolan

Anno: 2012
Genere: Mélo
Produzione: Canada/Francia
Durata: 168 minuti

Cast: Melvil Poupaud, Suzanne Clément, Nathalie Baye, Monia Chokri, Susan Almgren, Yves Jacques, Sophie Faucher, Magalie Lépine Blondeau, Catherine Bégin, Emmanuel Schwartz

Laurence ha 35 anni, scrive romanzi e poesie, insegna letteratura francese al liceo. Interroga gli alunni, ma soprattutto le parole: ne rilegge la storia, mette in questione la fama di Céline, demistifica la prosa di Proust, considera il talento degli uomini al cospetto del tempo. Riconsidera l’uno, nella società. Sino a che non riconsidera se stesso, sino a che un giorno, nell’isterica foga, nella gioia d’amore con Fredérique detta Fred, le dice d’un tratto «io muoio». Come a inverare quel «se solo potessimo suicidarci, nella mente, per rinascere ancora» che sussurrava l’adolescente Dolan in J’ai tué ma mère, questo fa Laurence: morire per rinascere. Donna. E i frammenti di questo film, lungo 168 minuti e 15 anni, sono la storia di questo passaggio, sono l’essere transessuale nei propri occhi e in quelli di Montréal negli anni 80, sono le tempeste familiari, le discriminazioni e le aggressioni, sono i riconoscimenti. Sono la seconda metà d’esistenza di una donna che non ha mai vissuto la prima. E sono la cronaca dell’amore di Laurence e Fred, le andate e i ritorni, le cadute e le resistenze, le morti apparenti e le sopravvivenze del rapporto tra lui che donna continua ad amarla, a farne la propria A, la propria Z, e lei che continua a ricambiare, mentre cerca di allontanarlo, mentre cerca di ricostruire se stessa. Sono loro, sono il furore e il gelo, il loro sentimento esclusivo, la guerra identitaria d’ognuno per un posto nel mondo. Sono la loro separazione che è solo un altro atto d’amore, sono il tempo che li ha cambiati, sono quella bugia e quella verità pronunciata nell’aurora del sentimento: perché è vero e non è vero che Laurence Alia (“l’altro”, nel nome) è Laurence comunque, è Laurence Anyways. Dolan raggiunge la giusta misura della sua urgenza espressiva in un mélo smisurato, il suo Un anno con 13 lune, un film che tra camp e pop non sceglie il grottesco, ma cura l’umano. Come un Truffaut d’oggi, racconta con il lessico di biografia, film e letture, immagini e feticci: c’è spettacolo ovunque, c’è una drammaturgia finemente teatrale, c’è il gusto per il design che arde sotto il sole cocente delle brutture del mondo, c’è l’estetica da videoclip che si fa lirica kitsch e struggente. Ci sono attori in stato di grazia, persone vere su schermo. E c’è un autore che sa bruciar la bellezza e contemplarne le ceneri. In dvd e Blu-ray, a partire da 13,50.

Comment je me suis disputé... (ma vie sexuelle) (1996)

Regia di Arnaud Desplechin

Devoir de mémoire. Ovvero il dovere  morale di uno stato di conservare le tracce della sofferenza inflitta dalla storia ai suoi oppressi, una cura per l’oblio. In La sentinelle...

FilmTv n° 03 / 2016

The Station (2013)

Regia di Marvin Kren

Scuola Fémis, sceneggiatrice per Ozon e Bonitzer, Marina de Van passa dal delegittimare tabù nelle satire dei primi lavori (le lezioni incestuose del corto Bien sous tous rapports, la...

FilmTv n° 31 / 2014

Keyhole (2011)

Regia di Guy Maddin

Primo Guy Maddin in digitale. Cosa che non sarebbe così rilevante se Guy Maddin non fosse Guy Maddin, ovvero un rigoroso feticista del cinema muto, cultore della pellicola come principale materia...

FilmTv n° 31 / 2013

Dharma Guns (2010)

Regia di F.J. Ossang

«An injury to one is an injury to all». Il motto è quello celebre di un sindacato, l’Industrial Workers of the World. L’IWW. Il film è di Travis Wilkerson, uno che s’è visto per bene le opere di...

FilmTv n° 31 / 2017

Wu xia (2011)

Regia di Peter Ho-sun Chan

Ritorno a un progetto personale per Fruit Chan, autore che con film come Made in Hong Kong, The Longest Summer, Little Cheung è stato in grado di dare forma...

FilmTv n° 07 / 2015

Archivio Scanners

Titolo Regia Autore FilmTv n°
The Invader Nicolas Provost Giulio Sangiorgio 16 / 2014
Todos tenemos un plan Ana Piterbarg Mauro Gervasini 16 / 2014
Livide Alexandre Bustillo, Julien Maury Claudio Bartolini 15 / 2014
Grand Central Rebecca Zlotowski Ilaria Feole 13 / 2014
I Wish Hirokazu Koreeda Roberto Manassero 13 / 2014
Yesterday Never Ends Isabel Coixet Chiara Bruno 13 / 2014
Hit & Miss Alice Cucchetti 12 / 2014
Nobody's Daughter Haewon Sang-soo Hong Chiara Bruno 12 / 2014
Un été brulant Philippe Garrel Giulio Sangiorgio 12 / 2014
The Iceman Ariel Vromen Ilaria Feole 11 / 2014
The Selfish Giant - Il gigante egoista Clio Barnard Roberto Manassero 11 / 2014
The Slut Hagar Ben-Asher Giulio Sangiorgio 11 / 2014
Camille Claudel 1915 Bruno Dumont Giulio Sangiorgio 10 / 2014
Flandres Bruno Dumont Giulio Sangiorgio 10 / 2014
Hors Satan Bruno Dumont Giulio Sangiorgio 10 / 2014
11.6 Philippe Godeau Mauro Gervasini 09 / 2014
Crystal Fairy Sebastián Silva Roberto Manassero 09 / 2014
Paris Countdown Edgar Marie Mauro Gervasini 09 / 2014
La marque des anges - Miserere Sylvain White Mauro Gervasini 08 / 2014
The Myth of the American Sleepover David Robert Mitchell Chiara Bruno 08 / 2014
Weekend Andrew Haigh Alice Cucchetti 08 / 2014
Kapringen Tobias Lindholm Claudio Bartolini 06 / 2014
R Tobias Lindholm, Michael Noer Giulio Sangiorgio 06 / 2014
Submarino Thomas Vinterberg Roberto Manassero 06 / 2014
Keep the Lights On Ira Sachs Alice Cucchetti 05 / 2014
Tape Richard Linklater Roberto Manassero 05 / 2014
Tokyo Family Yoji Yamada Roberto Manassero 05 / 2014
Code Red Valeri Milev Giulio Sangiorgio 04 / 2014
Ecce Ubu Luca Ferri Giulio Sangiorgio 04 / 2014
Mr. Nobody Jaco Van Dormael Fiaba Di Martino 04 / 2014

Pagine

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy