Serial Minds - recensioni di serie TV

Serial Minds /// Le nostre recensioni delle serie, in TV e in streaming.

Disincanto


Stagione: 1

A pensarci bene, il problema più grosso di Disincanto è il bagaglio contestuale che si porta appresso. È la terza serie animata creata da Matt Groening, uno che poteva andare serenamente in pensione nel dicembre del 1989 - quando Fox trasmise la prima puntata di I Simpson nel loro formato più o meno definitivo - e invece ha preferito addentare (dieci anni dopo) la fantascienza, inventandosi Futurama e facendo felici molte altre persone. Altri 19 anni più tardi e Groening rimanda ancora la villeggiatura in Florida realizzando un altro sogno personale, quello di addentrarsi a modo suo nel mondo del fantasy. Disincanto, dunque, è un nipote che agli occhi dello spettatore dovrebbe rispondere ai miracoli di babbo e nonno ripetendone pedissequamente il percorso; e dovrebbe anche ergersi a campione di parodia di tutto il fantasy che occupa il piccolo schermo - leggi: Il trono di spade. Un contesto di pregiudizi ingombrante e che funziona da ingiusta zavorra. La storia è quella di Tiabeanie, per quasi tutti Bean, principessa ancora adolescente di Sognolandia, orfana dell’amata madre e universalmente riconosciuta come un’indegna degenerata con i dentoni, tanta è la sua passione per alcol e gioco d’azzardo e tanto è l’ingombro dei suoi incisivi. Le fanno compagnia - prima nella lotta per evitare i matrimoni politici organizzati dal buzzurro padre Zøg, poi nella ricerca di uno scopo nella vita, quindi nel risolvere il mistero dell’elisir di lunga vita che minaccia le sorti di Sognolandia - il suo demone personale (più spesso scambiato per un gatto) Luci e un elfo di nome Elfo, grande più o meno quanto tre quarti di procione morto e in fuga dall’obbligatoria felicità del suo regno magico, un posto che sa di cocco, caramello e conformità. Nella prime dieci puntate di Disincanto, Groening e compagnia sembrano prendere confidenza con una libertà di scrittura inedita - garantita da Netflix, che molto semplicemente non ha pause pubblicitarie ogni sette minuti - e che si risolve in un tentativo, non banale e per molti versi riuscito, di unire la struttura fatta di ripetizioni, tormentoni e familiarità di una sitcom con lo svolgersi di una trama orizzontale che si sviluppa lungo tutta la stagione, a volte avanzando anche solo grazie a dettagli. L’anarchia dell’universo narrativo di Disincanto - dove può succedere tutto e il contrario di tutto, come segnala gentilmente anche un personaggio senza nome prima di essere infilzato da una freccia infuocata scoccata da un vichingo - è aggiornata alla rivoluzione animata di Rick and Morty e va oltre a quella di I Simpson o Futurama. E i suoi rimandi fantasy hanno radici più vicine al surreale di Monty Python e il Sacro Graal che a quelle di una semplice parodia di Il trono di spade. Inoltre, se deve citare, preferisce omaggiare Buster Keaton e il celebre stunt della finestra di Io... e il ciclone, trasformando la facciata della casa in un gigante con un foro in pancia, a sua volta memore di La morte ti fa bella. Il segreto per godersi l’opera terza di Groening, dunque, è dimenticarsi di Groening, armarsi di pazienza e fiducia e concentrarsi sulle doti ubique del tuttofare Chazz.

Anno: 2018
Genere: Animazione
Produzione: Usa
2014 - Storico

Manhattan è un nome in codice: il nome che l’esercito americano diede al programma di ricerca che avrebbe portato alla costruzione della bomba atomica durante la Seconda guerra mondiale. A Los...

Roberto Manassero
2018 - Drammatico - Netflix

Se per voi ...

Alice Cucchetti
2011 - Drammatico

Bel titolo dal duplice significato Suits, che molto comprende dei contenuti del legal drama di Aaron Korsh: da una parte il termine sta a indicare gli azzimati e costosi completi (e per...

Adriana Marmiroli
2017 - Biografico/Drammatico

Ennesima serie Usa ambientata negli anni 70 dopo titoli come Vinyl, Mindhunter e The Deuce, I’m Dying Up Here è liberamente tratta da un omonimo libro di non...

Andrea Fornasiero
2010 - Poliziesco

La presentazione è invidiabile: protagonista Idris Elba, ossia Stringer Bell in The Wire; Paradise Circus dei Massive Attack come sigla; alto budget e regia del promettente...

Andrea Fornasiero

Archivio Serial Minds

Titolo Genere Piattaforma Stagione FilmTv n°
Search Party Commedia/Giallo - 1 25 / 2018
ES17, Dio non manderà nessuno a salvarci Webserie Repubblica Webserie (stagione 1) 24 / 2018
The Generi Comico/Fantasy NowTV 1 24 / 2018
Trust Biografico - 1 24 / 2018
Bosch Poliziesco AmazonPrime 4 23 / 2018
Homeland Spionaggio - 7 23 / 2018
Il miracolo Drammatico - 1 23 / 2018
È arrivata la felicità Commedia - 2 22 / 2018
Half Bath Webserie Vimeo Webserie (stagione 1) 22 / 2018
The Terror Storico/Horror AmazonPrime 1 22 / 2018
O mecanismo Thriller Netflix 1 21 / 2018
3% Fantascienza Netflix 1+2 20 / 2018
Cobra Kai Webserie YouTube Webserie (stagione 1) 20 / 2018
La casa di carta Gangster/Thriller Netflix 1 20 / 2018
Here and Now Biografico/Drammatico - 1 18 / 2018
Il cacciatore Biografico/Poliziesco - 1 18 / 2018
It's me Webserie YouTube Webserie (stagione 1) 18 / 2018
Il paradiso delle signore Mélo - 2 17 / 2018
Love Commedia Netflix 3 17 / 2018
Wild Wild Country Documentario Netflix - 17 / 2018
Sonic Mania Adventures Webserie YouTube 1 16 / 2018
The Looming Tower Storico/Thriller AmazonPrime 1 16 / 2018
Will & Grace Commedia Infinity 9 16 / 2018
Furore: Il vento della speranza Drammatico - 2 15 / 2018
Una serie di sfortunati eventi Commedia Netflix 2 15 / 2018
X-Files Fantascienza - 11 15 / 2018
American Crime Story: L'assassinio di Gianni Versace Biografico/Thriller - 2 14 / 2018
I'm Dying Up Here Biografico/Drammatico - 1 14 / 2018
Skam (Italia) Webserie TIMVision Webserie (stagione 1) 14 / 2018
Liberi sognatori Biografico - - 13 / 2018

Pagine

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy