Servizi / Interviste

970x250_TIM.JPG

Servizi /// Presentazioni, interviste, Lost Highway, filmografie, approfondimenti.

Citizen Saviano - Intervista a Roberto Saviano


Mentre Sky Atlantic HD trasmette la terza stagione di Gomorra - La serie, riproponiamo la riflessione che il giornalista-scrittore fece in esclusiva per Film TV sull’importanza di una fiction televisiva che a trent'anni dalla prima Piovra ha di nuovo il coraggio di raccontare la criminalità organizzata. Un “sistema” che anche il suo libro ZeroZeroZero, a sua volta destinato a ispirare un'altra serie tv diretta da Stefano Sollima, ha saputo descrivere nei suoi connotati transnazionali.

Ho visto le prime puntate di Gomorra - La serie e mi sono piaciute. Gran lavoro del regista Stefano Sollima, più vicino ad ACAB che non a Romanzo criminale, anche se potrebbe sembrare il contrario da un punto di vista estetico e formale. Ma il secondo era mitografico fin dallo spunto (il romanzo); in ACAB e Gomorra mi pare si scelga di raggelare qualunque empatia verso i personaggi. È un’impressione? Una scelta che hai condiviso? Qual è stato il tuo ruolo nel processo di scrittura?
Lo trovo anch’io più vicino ad ACAB, che mi è molto piaciuto. Avevo apprezzato anche Romanzo criminale, l’ho seguito sin dagli inizi e ho assistito con grande dispiacere alla solita critica fatta a chi racconta il male. Chi mette in scena storie di criminalità si assume una responsabilità immensa perché il rischio di empatia c’è sempre. La serie tratta da Gomorra, benché si emancipi dal mio libro e dal film che l’ha preceduta, aveva però già un binario da seguire, un binario fatto essenzialmente di racconto della realtà alla ricerca di ogni espediente narrativo che impedisse la mitizzazione, l’immedesimazione. Che bloccasse sul nascere ogni possibilità di empatia. Nella costruzione della serie mi è piaciuto essere presente in ogni fase. Sento la struttura seriale particolarmente affine al mio modo di narrare, che sostanzialmente procede per accumulazione ed è strutturato a scatole cinesi. Storie che si aprono e poi altre storie che si aprono all’interno delle prime e così via, per chiudersi tutte, alla fine, una a una. E tutti i racconti sono collegati tra loro, nessuno potrebbe esistere senza l’altro. Ecco, quando scrivo a ruota libera, lavoro così. Mi piaceva l’idea che Gomorra diventasse altro; mi piaceva l’idea di recuperare vicende che nel libro e nel film non erano riuscite a entrare. Abbiamo raccontato la faida di Secondigliano isolando degli episodi chiave: la deposizione e l’arresto del boss, il clan che rimane sostanzialmente senza un capo riconosciuto da tutti e che quindi, nonostante cresca economicamente, è in crisi interna, l’apertura di una piazza di spaccio, le elezioni comunali e come vengono condizionate dai clan.

30 anni fa la Rai per realizzare La piovra chiamava Damiano Damiani e Florestano Vancini, come se il rischio di una mafia movie exploitation andasse esorcizzato con registi noti per il loro cinema d’impegno civile. Sky realizza invece un prodotto come Gomorra - La serie senza moralismi, pensando soprattutto ai codici del genere, ma la risposta di certa stampa e certa critica è rimasta ferma al palo, ai discorsi sull’emulazione del cattivo che sembravano vecchi già ai tempi di Scarface (e mi riferisco a Hawks, non a De Palma). Non ti infastidisce questo provincialismo? Non so se definirlo provincialismo.
Certo la maggior parte di chi ha criticato Gomorra lo ha fatto preventivamente, senza nemmeno aver visto la serie, dal momento che non era stata ancora trasmessa. E lo ha fatto poi in mala fede, perché sia il libro sia il film non avevano certo incoraggiato emulazione o empatia. Ma da quando la serie è iniziata, queste voci si sono spente, e si sono palesate per quello che erano: volontà strenue di attirare attenzione, click, visualizzazioni, lettori. Insomma, parassitismi di vario genere. Non c’era alla base una teoria interessante, non c’era sincerità. Non c’era nulla che davvero facesse percepire che le critiche erano fatte per amore di una terra. Della mia terra. Ci sono molti modi di amare il luogo in cui si vive, il luogo in cui si è nati e cresciuti e da cui si è costretti ad allontanarsi. Quello di chi invita al silenzio, di chi invita all’omertà, è davvero un amore che non riuscirò a comprendere. Mai.

Il boss criminale che all’inizio di ZeroZeroZero parla agli accoliti un po’ in calabrese, un po’ in inglese e un po’ in spagnolo mi ha fatto venire in mente Matthew McConaughey in The Wolf of Wall Street. Dicono cose diverse a persone diverse ma finiscono con la medesima parola, la stessa “sintesi”: cocaina. Ci hai pensato vedendo il film, a quanto il “tuo” viaggio e quello di Scorsese e dello sceneggiatore Terence Winter siano simili?
Il punto è proprio questo: quanto ciò che racconto appartenga a tutti e quanto sia difficile, se non impossibile, per molti rendersene conto, prenderne atto. L’apertura di ZeroZeroZero con l’elenco di tutte le persone che ci sono accanto e che potrebbero far uso abituale di cocaina, e poi la storia del boss “poliglotta”, che parla la lingua delle mafie più potenti (calabrese e spagnolo) insieme a quella della finanza, del business, mostra proprio quanto tutto sia a portata di mano. Quanto tutto sia conosciuto anche se ci rifiutiamo di prestare attenzione. I viaggi sono simili perché la realtà che esploriamo è la stessa.

C’è un passo di ZeroZeroZero in cui ricordi come su YouTube siano stati spesso postati i video delle feroci esecuzioni dei Los Zetas. Mi torna in mente quando ai tempi di Videodrome quella degli snuff movie veniva spacciata come una sorta di leggenda metropolitana, anche se già all’epoca si pensava fosse un fenomeno soprattutto sudamericano. Nel tuo libro spieghi come la diffusione “mainstream” dei video risponda a una esigenza perversa di comunicazione, un marketing della morte; ma ti chiedo se esista, che tu sappia, anche un mercato di questi materiali macabri, come appunto si sospettava 20 o 30 anni fa...
Il web è il mercato. Parlare di un mercato dei video delle esecuzioni delle gang criminali disgiunto dal web non credo abbia senso. E non lo ha perché l’unica ragione dell’esistenza di questi video e della loro diffusione è creare proselitismo, pubblicizzare - uso un paragone orrendo - la gang. È incutere timore, offrire la dimostrazione pratica, la più realistica delle messe in scena proprio perché reale, di ciò che accade a chi non è con loro, a chi è contro di loro. Il marketing della morte, in realtà, non è fine a se stesso in questo caso: attraverso la morte si pubblicizza il potere, il denaro. La possibilità di poter decidere della vita e della morte significa, in ultima analisi, mostrare la propria onnipotenza. Uccidere non è per tutti. Uccidere in maniera efferata non è per tutti. Nella logica perversa delle gang, chi sa uccidere e chi sa farlo nella maniera più cruenta può comandare. Deve comandare.

So che hai molto apprezzato In grazia di Dio di Edoardo Winspeare; anche per me è uno dei migliori film italiani recenti. Ti chiedo però di raccontarci perché ti ha così positivamente colpito. Credi che c’entri il tentativo di Edoardo di raccontare “un altro sud”?
Sì, ma senza postura e maschere, senza denuncia e inutili giudizi. Il piacere di raccontare e di ricevere quel racconto, come nella migliore tradizione cinematografica italiana. Una tradizione che è sepolta da metri e metri di vacuo estetismo. C’è tutta la desolazione di un sud senza risorse, di un sud che quelle risorse le ha sprecate, buttate via, e ora annega in una miseria che non è solo disoccupazione, incertezza, ma soprattutto povertà di sogni e speranze. Eppure dalla pietra bianca, su quella terra arsa dal sole, può rinascere tutto: vita, bellezza, tutto. Una lezione per capire da dove ripartire.

Posso chiederti quale altro film italiano recente pensi abbia proposto una diversa e più originale “narrazione” del nostro paese, e perché? Stando tanto all’estero, non ti pare che l’idea del nostro cinema al di là dei confini italiani sia ancora legata a maestri o modelli (anche estetici) del passato, ai quali in fondo pure il premio Oscar La grande bellezza si riconduce?
Mi è piaciuto moltissimo L’arte della felicità di Alessandro Rak. È un film d’animazione, che non considero affatto arte minore. Napoli, protagonista del film. Napoli non è mai comprimaria, quando compare in un’opera, occupa tutto lo spazio, invade ogni cosa. Eppure quella di Rak è una Napoli universale, una Napoli quasi buona, nonostante la pioggia - che i napoletani avvertono come la peggiore delle sciagure -, nonostante la monnezza, nonostante il Vesuvio. Un luogo in fondo non luogo, dove il racconto è quello finale dell’accettazione della morte.

Prima che venisse pubblicato Gomorra ti leggevo su “Nazione Indiana”, già ti occupavi di criminalità organizzata, specie della sua presenza in Campania, ma ricordo anche tuoi servizi sulla questione palestinese, che agli inizi degli anni zero pareva destinata a sviluppi completamente diversi da quelli di oggi (chi ha più presente la «Road Map»?). È un tema che ancora ti interessa da un punto di vista professionale?
Ho per metà avuto un’educazione ebraica: tutto ciò che accade in Palestina e in Israele è come se accadesse nella casa dei miei avi. Non riesco a non vedere responsabilità da entrambe le parti, ma affrontare questi argomenti in Italia fino a oggi non è stato facile, troppo ghiotte - per certi estremismi - le semplificazioni. Mi riconosco nel sogno degli uomini di pace in medioriente: due popoli due democrazie.

«Il giornalista, il narratore, il regista vorrebbero raccontare com’è il mondo, com’è veramente». Sono parole tue, da ZeroZeroZero; mi viene in mente Jim Harrison che invece scrive: «La verità non esiste, ci sono solo storie». Ecco: ti è mai venuta la tentazione di raccontare solo storie e lasciar perdere la verità?
Ogni giorno. Ogni singolo giorno.

Nonvivi e nonmorti

Adriano Ercolani

Il vero personaggio di culto di The Walking Dead? Senza dubbio il tenebroso e “maledetto” Daryl Dixon, che con la sua moto e la balestra implacabile ha affascinato milioni di spettatori in tutto il mondo. Abbiamo incontrato a New York...

FilmTv n° 45/2015

Il cinema delle ombre

Mauro Gervasini

Che cos’è il cinema? Melville. Nome di penna e mitragliatrice di Jean-Pierre Grumbach, nato a Parigi cent’anni fa, il 20 ottobre 1917. Già militare di carriera, sente il 18 giugno 1940 il generale Charles de Gaulle (per lui, da quel giorno, “...

FilmTv n° 43/2017

[Festival di Locarno 70] E Berta filmava - Intervista a Renato Berta

Giulio Sangiorgio

Per gli svizzeri era il «numero due» della nouvelle vague. Perché era dietro a tutti i film dei numeri uno, i registi, da Alain Tanner a Daniel Schmid. È stato la luce e il colore per le nature brechtiane di Jean-Marie Straub e le videopitture...

FilmTv n° 31/2017

Giuseppe De Santis - Una vita per il cinema

Sergio M. Grmek Germani

Chissà che il doppio anniversario (1917-1997) non riconsegni Giuseppe De Santis al cinema italiano. “Una vita per il cinema”, come da slogan, ma solo 11 film realizzati, più alcune collaborazioni, tra il 1947 e il 1972. Durante e poi tanti...

FilmTv n° 07/2017

La palermitudine è uno stato dell'anima?

Matteo Marelli

Il 9 dicembre del 1992 moriva Franco Franchi. A distanza di venticinque anni l'associazione Lumpen organizza, al cinema Vittorio De Seta ai Cantieri alla Zisa di Palermo, un omaggio di due giorni (9 e 10 dicembre) alla presenza di Franco Maresco...

FilmTv n° 49/2017

Archivio Servizi

Titolo Autore FilmTv n°
I migliori trailer della settimana Andrea Fornasiero 49 / 2018
Immagini & potere Giulio Sangiorgio, Mauro Gervasini, Alice Cucchetti, Luca Pacilio, Roy Menarini, Andrea Bellavita, Roberto Manassero 50 / 2017
Intervista a Ziad Doueiri Giona A. Nazzaro 50 / 2017
Regina madre - Intervista a Catherine Flemming Lorenza Negri 50 / 2017
Sesso & Potere #5 - Diario di uno scandalo Rinaldo Censi 50 / 2017
Storia di un (altro) italiano - Intervista a Christian De Sica Rocco Moccagatta 50 / 2017
Charlie Brooker: «La quarta stagione di Black Mirror sarà più ambiziosa» Andrea Fornasiero 49 / 2017
C’era una duchessa Gianni Canova 49 / 2017
I misteri dei templari - Intervista a Don Handfield Lorenza Negri 49 / 2017
Indietro ancora - Intervista a Renzo Arbore Adriana Marmiroli 49 / 2017
L'attacco dei doni Ilaria Feole 49 / 2017
La palermitudine è uno stato dell'anima? Matteo Marelli 49 / 2017
Lontano dal paradiso - Intervista a Julianne Moore e Matt Damon Marianna Cappi 49 / 2017
Luca Guadagnino: «Abbiamo ricercato il dettaglio e la naturalezza» Andrea Fornasiero 49 / 2017
Mancia competente #2 - A batter cassa Eddie Bertozzi 49 / 2017
Samuel Maoz: «Foxtrot è uno specchio della società israeliana» Andrea Fornasiero 49 / 2017
Sesso & Potere #4 - Appropriazione indebita Mariuccia Ciotta 49 / 2017
Ti amiamo, lo sai Alice Cucchetti 49 / 2017
Cinema 2018: Come sarà Mauro Gervasini 48 / 2017
Filmmaker 2017 - La cassa degli eccentrici Emanuele Sacchi 48 / 2017
Hai paura del buio? Intervista a Baran Bo Odar e Jantje Friese Alice Cucchetti 48 / 2017
I migliori trailer della settimana Andrea Fornasiero 48 / 2017
Il teatro dei fantasmi - Intervista a Roberta Torre Luca Pacilio 48 / 2017
Intervista a Steven Kostanski, Jeremy Gillespie e Casey Walker Alessandro Baratti 48 / 2017
Intervista ad Antonello Zanda Elisabetta Sainaghi 48 / 2017
Milano Music Week Matteo Bailo, Caterina Bogno 48 / 2017
Piccole grandi storie Elisabetta Sainaghi 48 / 2017
Sesso & Potere #3 - L’ordine delle cose Roberto Silvestri 48 / 2017
Tutti i colori del giallo Gianni Canova 48 / 2017
David Soren: «Volevo dare vita all'immaginazione dei ragazzi con stili diversi» Andrea Fornasiero 47 / 2017

Pagine

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy