Servizi / Interviste

Servizi /// Presentazioni, interviste, Lost Highway, filmografie, approfondimenti.

Game Over


Nel 2010 usciva nelle sale Saw 3D, sottotitolo "Il capitolo finale". Il prossimo 31 ottobre, giusto per festeggiare degnamente Halloween, sarà distribuito Saw: Legacy , a dimostrazione che di "finale", in verità, non c'era nulla. La saga di Jigsaw continua, la ripercorriamo a ritroso in attesa del nuovo film...

Ci (ri)siamo. I giochi sono pronti, le nuove macchine di morte ruggiscono in attesa di sangue fresco con cui oliare gli ingranaggi. L’Enigmista è pronto a colpire ancora una volta. L’ultima. L’epopea di Saw, autentico viaggio nel cinema di tortura e nelle sue derive, giunge al capitolo conclusivo e sfocia nel 3D, chiamato ad aggiungere ulteriore concretezza alla penetrazione delle lame e delle seghe circolari messe in campo da John Kramer & soci. Tutti i nodi verranno al pettine, a cominciare dalla lotta per “l’eredità” di Jigsaw che in Saw VI aveva visto trionfare la fascinosa ex moglie Jill ai danni del laido sbirro Hoffman. Fine del gioco? Proprio per niente, dato che il nostro perverso detective, sopravvissuto alla tortura del casco integrale, è pronto a tornare nella mischia, con qualche punto di sutura in più e molta pietà in meno nei confronti delle malcapitate vittime. A cominciare proprio da Jill. Vecchio e nuovo si intrecciano come sempre, in un gioco di scatole cinesi espresso da flashback e montaggio, vere figure portanti della grammatica enigmistica. Questa volta a tornare in scena è il dottor Lawrence Gordon, abbandonato da spettatore e sceneggiatori al primo atto, nel cui finale si trascinava fuori dal covo di Jigsaw senza un piede. Chi lo aveva dato per morto corra a ripassarsi le puntate della serie e tragga la solita conclusione: le vittime degli enigmi muoiono veramente soltanto quando lo spettatore assiste al loro ultimo respiro. Altrimenti torneranno, prima o poi, per tormentarvi con qualche altra sadica trovata. Gordon è di nuovo in scena, dunque, deciso a vendicarsi di Hoffman per tutto il dolore provato in quella stanza dove tutto è nato e tutto è destinato a finire per sempre. L’attesa è tanta e gli incassi Usa nel weekend di Halloween lo dimostrano: primo posto con buona pace per Paranormal Activity 2, Jackass 3D e persino per il mitico Clint Eastwood con il suo Hereafter. Tante aspettative che, però, non sono state sempre ripagate nel corso della saga, soprattutto di recente. Se i primi capitoli riuscivano a tenere costantemente accese le spie dell’attenzione, della tensione e del raccapriccio, Saw V e Saw VI hanno dimostrato un improvviso calo di idee e di capitali, con nefaste conseguenze in termini di effetti speciali (ridotti all’osso nel quinto atto) e di suspense, con colpi di scena spesso telefonati e nessi logici quantomeno barcollanti. Nel corso degli anni e dei film, Saw ha cambiato pelle tre volte. In principio l’esordiente James Wan aveva sfornato un’opera autoconclusa che terminava con un eloquente «Game Over» con tanto di porta chiusa. Ci ha pensato Darren Lynn Bousman a raccogliere il testimone insanguinato e restituirlo allo spettatore nei tre episodi successivi. La sua stagione corrisponde a un vertiginoso aumento della violenza in scena (quella di Saw III è a tratti insostenibile) e, guarda caso, a un altrettanto vertiginosa impennata di incassi. Bousman, a differenza di Wan, lavora sulla serialità dei personaggi e della storia, conferendo unità di tempo, luogo e azione ai suoi tre film. In poche parole, tutto si svolge contemporaneamente nello stesso capannone abbandonato, e al termine di ogni episodio le storie si intrecciano e collegano trasversalmente, culminando in incontri e scontri tra protagonisti di diverse vicende. Ci sono sempre un gioco al massacro tra malcapitati e un detective che indaga dall’esterno e viene progressivamente risucchiato dentro l’ingranaggio. Se il primo atto può essere visto anche da spettatori occasionali, quelli di Bousman necessitano di un pubblico consapevole di quanto successo nelle puntate precedenti. Nel 2008 è la volta di David Hackl, che banalizza la complessità dell’intreccio riducendolo a uno scontro tra poliziotto buono (Strahm) e sbirro cattivo (Hoffman), con prevedibile vittoria del secondo. La parentesi di Kevin Greutert, al timone di Saw VI, si chiude in fretta, e le lame affilate tornano nelle mani di Hackl per il nuovo, ultimo atto. Ci auguriamo che gli esiti siano migliori, e i personaggi tornino a risplendere di quell’ambiguità che li ha resi tremendamente affascinanti. Magari con qualche schizzo di sangue in più, prosciugato dalle ultime due pellicole a causa di capitali ridotti all’osso ed effetti visivi sempre più “finti” e relegati nell’oscuro territorio del fuoricampo, dal quale John Kramer continua a manipolare le sue vittime. Deceduto in Saw III assieme alla sua assistente Amanda, il sadico protagonista interpretato da Tobin Bell è stato seguito, emulato e strumentalizzato da Hoffman, reo di aver oltrepassato il confine dell’omicidio “diretto”. Se Jigsaw lasciava sempre una possibilità ai giocatori («vivere o morire, fai la tua scelta»), il suo successore li chiude in trappole dalle quali si esce soltanto per essere portati in obitorio. Riuscirà la bella Jill Tuck a sottrarsi a questa condanna senza appello? È una tra le innumerevoli domande alle quali i cultori della saga vogliono trovare una risposta definitiva, in grado di sostituire l’interrogazione con l’affermazione, il dubbio con la certezza, nel momento in cui le luci si accendono, scorrono i titoli di coda e l’incubo ha fine. Al termine di Saw 3D potremo chiudere la porta di casa alle nostre spalle e, finalmente, lasciarci andare a un catartico, liberatorio, tridimensionale «Game Over!».

  • Torture story

    Il termina evoca già orrori medievali. Torture porn. Formula azzeccatissima che ricorda come la pornografia non sia soltanto sinonimo di sexploitation (vale a dire messa in scena del sesso, possibilmente reiterata) ma trovi anche terreno fertile nella violenza. Non casuale ma geometricamente studiata. L’uomo è il solo animale a praticare la tortura. Anche i felini possono essere sadici (il gatto che gioca con il topo fino a sfinirlo) ma solo gli esseri umani applicano la scienza (la ragione) per procurare sofferenza e morte. È questa la vera bestemmia. Auschwitz non ha nulla a che fare con l’assenza di Dio («perché a lui non gliene importa niente» dice Servillo al pastore morente in Una vita tranquilla): riguarda invece la presenza dell’uomo (se questo è un uomo, naturalmente). Lo sa bene Eli Roth, codificatore del filone con Hostel, ambientato nell’Europa dell’Est dove le architetture dei campi di concentramento si trasformano nel parco a tema dell’orrore pornografico. Riflessione politica intelligente, quella di Roth: il torture porn si sviluppa mentre Bush e Cheney istituzionalizzano la tortura indiscriminata come metodo di difesa preventiva. Ed è invece sul piano estetico che agisce la saga di Saw, costruita sin dal principio seguendo lo sviluppo dei serial televisivo: stessa crew di realizzatori, situazioni e personaggi che ritornano, narrazione orizzontale. Una giovane generazione di registi cresce e dà vita al cosiddetto Splat Pack. James Wan, Roth stesso, i francesi Alexandre Aja (Le colline hanno gli occhi remake) e Pascal Laugier (Martyrs), Leigh Whannell (attore e scrittore nella saga dell’Enigmista)... È questa la schiera dei fedelissimi al neohorror del 21° secolo. Accomunati dalla feroce passione per lo studio dello strazio, della violenza e della mutilazione partorita dalla ragione. 

    Mauro Gervasini
  • Saw tutto: personaggi e interpreti divisi per categorie

    POLIZIOTTI 

    • DANNY GLOVER David Tapp Saw e Saw V
      Sulle tracce di Jigsaw, la sua ossessione. Muore per mano di Zep Hindle. Nel capitolo V compare in flashback. 
    • DINA MEYER Allison Kerry Saw, Saw II, III e IV
      Jigsaw la teme, e nel capitolo III la toglie di mezzo sventrandola. Nel IV compare soltanto il suo cadavere appeso.
    • DONNIE WAHLBERG Eric Matthews Saw II, III e IV
      Cattura Jigsaw ma cade in una sua trappola, ed è costretto a partecipare al gioco. Perde e muore con la testa spappolata.
    • LYRIQ BENT Daniel Rigg Saw II, III e IV
      “Spalla”dei detective Tapp, Kerry e Matthews. Nel capitolo IV rimane vittima del gioco, ucciso dalla pistola di Matthews.
    • SCOTT PATTERSON Peter Strahm Saw IV, V, VI
      Ingaggia una lotta a distanza con Hoffman, ma soccomne nel capitolo V. Nel VI compare in un flashback.
    • ATHENA KARKANIS Lindsey Perez Saw IV e VI
      Braccio destro di Strahm, viene avvelenata nel IV capitolo. Creduta morta, torna a indagare nel VI ma Hoffman la uccide.
    • MARK ROLSTON Dan Erickson Saw V e VI
      Capo del Fbi, viene prima manovrato da Hoffman, poi ucciso con la Perez quando è troppo vicino alla verità.

     

    COLLABORATORI 

    • TOBIN BELL John Kramer (alias Jigsaw, alias l’Enigmista) Saw, Saw II, III, IV, V, VI e Saw 3D
      Mente criminale della saga. Nel capitolo III lui e l’assistente Amanda vengono uccisi da Jeff. La sua opera sarà continuata da Hoffman e Jill. Nei flashback veniamo a conoscenza dei motivi che lo hanno spinto a diventare un sadico. 
    • BETSY RUSSELL Jill Tuck Saw III, IV, V, VI, Saw 3D
      Ex moglie di Jigsaw. Nel capitolo VI ne raccoglie l’eredità. In Saw 3D si scontrerà con Hoffmann.
    • MICHAEL EMERSON Zep Hindle Saw
      Collabora con Jigsaw. Adam gli fracassa il cranio nel finale all’interno della stanza.

     

    DOPPIOGIOCHISTI 

    • COSTAS MANDYLOR Detective Mark Hoffman Saw III, IV, V, VI e Saw 3D
      A differenza di Jigsaw, non concede possibilità alle vittime. Dal IV capitolo l’Enigmista è lui.
    • SHAWNEE SMITH Amanda Young Saw, Saw II, III, IV, V e VI
      Sopravvissuta al gioco di Jigsaw, ne diventa il braccio destro. Jeff la uccide nel capitolo III.

     

    VITTIME 

    • LEIGH WHANNELL Adam Faulkner Saw, Saw II e III
      È chiuso in una stanza con Gordon, che lo uccide a colpi di pistola. Nei capitoli II e III compare in flashback.
    • CARY ELWES Dr. Lawrence Gordon Saw e Saw 3D
      Chiuso nella stanza con Adam, si taglia un piede per fuggire. Lo diamo per spacciato. In Saw 3D tornerà per vendicarsi.
    • ANGUS MACFADYEN Jeff Reinhart Saw III, IV e V
      Uccide Jigsaw causando la morte della moglie Lynn. Viene ucciso da Strahm nel capitolo IV. È nei flashback del V.
    • BAHAR SOOMEKH Dott.ssa Lynn Denlon Saw III
      Opera Jigsaw al cervello. Amanda la ferisce sparandole, e la sua testa esplode quando Jeff uccide l’Enigmista.
    • JULIE BENZ Brit Saw V
      Prende parte al gioco e ne esce con un braccio aperto in due. Morirà dissanguata? Non lo sapremo mai.
    • SAMANTHA LEMOLE Pamela Jenkins Saw VI
      Giornalista. Mentre cerca la verità, viene rapita e costretta ad assistere alla morte di William, suo amante.
    • PETER OUTERBRIDGE William Easton Saw VI
      Speculatore, entra nel gioco ma viene ucciso dai parenti di un cliente cui aveva rifiutato l’assicurazione sulla vita.

     

    Mauro Gervasini

Se questo è il fiore del partigiano

Giulio Sangiorgio

Sono passati 70 anni dal giorno della Liberazione dell’Italia dall’occupazione nazista e dal regime fascista. 70 anni di continui ritorni su una data cruciale, 70 anni di storia raccontata e riraccontata, di documenti e testimonianze, di...

FilmTv n° 16/2015

La storia nel sangue - Intervista a Christopher Nolan

- a cura della Redazione -

«Come la maggior parte degli inglesi, anch'io sono cresciuto con il mito dell'evacuazione di Dunkirk, un'impresa prima di tutto umana di portata eccezionale, una vittoria nata nella morsa della sconfitta. Quello che è accaduto su quella spiaggia...

FilmTv n° 35/2017

Scrubs - Medici ai primi ferri

Nicola Cupperi

Proviamo a fare un esercizio che renderebbe J.D. fiero di noi. Con la testa piegata, lo sguardo sognante e un po’ beota proviamo a immaginare, con raccapriccio, un mondo in cui la parola “Scrubs” è ancora associata solo a una hit r’n’b del 1999...

FilmTv n° 26/2016

Ritorno a Twin Peaks

Claudio Bartolini

C’ era una volta una cittadina sonnecchiante nella provincia americana. Fiori colorati, prati verdi e staccionate bianche a contornare case infestate di serenità. Ma un bel giorno, qualcuno decise di guardare oltre, o meglio, sotto: e trovò il...

FilmTv n° 20/2010

Giuseppe De Santis - Una vita per il cinema

Sergio M. Grmek Germani

Chissà che il doppio anniversario (1917-1997) non riconsegni Giuseppe De Santis al cinema italiano. “Una vita per il cinema”, come da slogan, ma solo 11 film realizzati, più alcune collaborazioni, tra il 1947 e il 1972. Durante e poi tanti...

FilmTv n° 07/2017

Archivio Servizi

Titolo Autore FilmTv n°
I migliori trailer della settimana Andrea Fornasiero 42 / 2017
Il cuore grande dei ragazzi - Intervista a Justin Hartley Lorenza Negri 42 / 2017
Il futuro di David Fincher Andrea Fornasiero 42 / 2017
Intervista a Cédric Klapisch Mauro Gervasini 42 / 2017
Intervista a Steve Muench Andrea Fornasiero 42 / 2017
Io sono vendetta - Intervista a Walter Hill Giulia D'Agnolo Vallan 42 / 2017
La luce sul fondo Sergio M. Grmek Germani 42 / 2017
Le Giornate del cinema muto 2017 Roberto Silvestri 42 / 2017
Post It Ilaria Feole 42 / 2017
Processo ad Aldo Biscardi: assolto Andrea Bellavita 42 / 2017
Sigur Rós tra fuoco e ghiaccio Caterina Bogno 42 / 2017
Speciale Blade Runner - K. Giulio Sangiorgio 42 / 2017
Cinema e vecchi merletti Francesca Monti 41 / 2017
Criminali da strapazzo - Intervista a Ed Westwick Lorenza Negri 41 / 2017
David Fincher: «I serial killer sono diversi da noi. Sono insondabili» Andrea Fornasiero 41 / 2017
Il cinema decomposto Rinaldo Censi 41 / 2017
Il sogno del marinaio Matteo Bailo 41 / 2017
Intervista a Paolo Franchi Giulio Sangiorgio 41 / 2017
Jacques Tati - Il circo di Tati Enrico Giacovelli 41 / 2017
Le difficoltà in Russia della Morte di Stalin Andrea Fornasiero 41 / 2017
Lei (non) è qui Ilaria Feole 41 / 2017
Michelangelo Antonioni - Cronaca di una sparizione Gianni Canova 41 / 2017
Molto italiano Alice Cucchetti 41 / 2017
Richard Linklater e Bryan Cranston parlano di Last Flag Flying Andrea Fornasiero 41 / 2017
Bella e perduta - Intervista a Susanna Nicchiarelli Emanuele Sacchi 40 / 2017
Caccia seriale Alice Cucchetti 40 / 2017
Che feeling! - Intervista ai Manetti Bros. Rocco Moccagatta 40 / 2017
È solo l'inizio - Intervista a Dustin Lance Black Andrea Fornasiero 40 / 2017
Harry Dean Stanton - Una storia vera Roberto Silvestri 40 / 2017
I migliori trailer della settimana Andrea Fornasiero 40 / 2017

Pagine

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy