Servizi / Interviste

Servizi /// Presentazioni, interviste, Lost Highway, filmografie, approfondimenti.

Cavalcarono insieme


Il 14 luglio 1969 usciva Easy Rider , cult generazionale e pietra miliare del cinema.

Se uno si ricorda gli anni 60 vuol dire che non li ha vissuti davvero. Battuta storica, che lo stesso Dennis Hopper ogni tanto ricicla quando non ha voglia di rispondere per la milionesima volta alle domande su Easy Rider. D’altronde è un film di culto, se ne sarà fatto una ragione, ed è costato al suo socio nell’impresa, Peter Fonda (interprete e co-sceneggiatore), una sorta di schiavitù del e nel personaggio. A Hollywood è il prototipo antropologico del motociclista, come si è (ri)visto recentemente in Svalvolati on the Road. Easy Rider, a quarant’anni dalla presentazione internazionale al Festival di Cannes dove vinse la Caméra d’or, resta un film eccezionale. Non tanto esteticamente (anzi, da questo punto di vista il modello “free cinema lisergico” caro al direttore della fotografia ungherese Lá- szló Kovácks è un tantino datato, nonostante la potenza del Technicolor) quanto a livello di mitologia. In epoca contestataria e psichedelica, il film di Hopper e Fonda, realizzato a livello indipendente e poi venduto alla Columbia per la già considerevole cifra di 400mila dollari, si rivelò il più grande contro-western di sempre. Con tutte le sue contraddizioni, sia ben chiaro, a partire dalla natura ambigua di almeno uno dei due autori, appunto Hopper, che certo non lesinava in Metodo Stanislavskij se c’era da immedesimarsi nel centauro drogato «nato per essere selvaggio», ma spesso si assentava dal set per partecipare alle riprese di un altro classico dell’epoca, girato negli stessi giorni, ovvero Il Grinta. Non sfuggirà l’ironia del doppio lavoro. Non solo il Grinta del titolo è John Wayne, idolo reazionario per eccellenza, ma il suo partner giovane nel film è Glen Campbell, negli anni 60 tra i cantanti country più celebri e destrorsi d’America. Fossero già state merce comune le autoradio, i redneck che dal pick-up ammazzano i due easy rider alla fine del film avrebbero probabilmente ascoltato le sue canzoni, come ideologico contraltare a The Weight della Band o a Born to Be Wild degli Steppenwolf. Nessun problema, invece, da parte di Hollywood (intesa come sistema industriale, business), che intuì il potenziale soprattutto generazionale di una storia come quella dei due motociclisti e infatti valorizzò al massimo la distribuzione cavalcandone la natura ribelle e maudite. Easy Rider fu anche un notevole successo commerciale (quasi venti milioni di dollari nella prima stagione). Però perché un contro-western? Perché è sul ribaltamento del genere americano per antonomasia che giocano gli autori, e in maniera esplicita. A partire dalle identità: Dennis Hopper è Wyatt (Earp?), Peter Fonda, Billy (the Kid?), viaggiano su moto-cavalli con stivali d’ordinanza, la tag-line del film recitava in maniera inequivocabile «Un uomo è partito invano alla ricerca dell’America!» e anche il viaggio è sintomatico. Dalla California a New Orleans, dal West all’Est, l’opposto dei pionieri, dei cercatori d’oro, dei John Wayne in cerca di nipoti rapite dai Comanche. Dalle terre selvagge alla civiltà dei “dude”, quindi si presupporrebbe un itinerario simbolicamente significativo. Lasciamoci alle spalle sopraffazione e conflitto, andiamo incontro a libertà e progresso. Invece niente, piombo pure da quelle parti. Squisitamente western anche il mitico personaggio di Jack Nicholson. Il suo avvocato idealista sta all’universo di Easy Rider come i “dottori” a quello del western classico. I Doc hanno tutti e sempre una caratteristica. Bevono come spugne. Anche l’avvocato. Perché hanno studiato, hanno lauree nelle teche di vetro appese ai muri (e di solito infrante a colpi di bicchieri di whisky...), capiscono che alla fine vinceranno gli sceriffi cattivi e trionferà il lato oscuro della forza. C’è una speranza solo ideale, un sacro fuoco inestinguibile, quello della moto di WyattHopper che brucia nella sequenza finale, mentre il suo spirito è già altrove, magari in Indocina, fotografo-arlecchino alla corte del colonnello Kurtz. «This is the way the fucking world is!»: nessun dubbio che si tratti di lui.

  • Enfant terrible

    Sono quasi duecento i ruoli all’attivo per Dennis Hoppertra cinema e moltissima Tv, dal debutto non accreditato in Johnny Guitar(1954), alla recente serie Crash, creata da Glen Mazzara e tratta dall’omonimo film di Paul Haggis. In oltre cinquant’anni di carriera è stato diretto, tra gli altri, da Nicholas Ray (oltre a Johnny Guitar, Gioventù bruciata), John Sturges (Sfida all’O.K. Corral), Stuart Rosenberg (Nick mano fredda), Orson Welles (nel mai completato The Other Side of the Wind), Sam Peckinpah (The Osterman Weekend), Robert Altman (Non giocate con il cactus), David Lynch (Velluto blu), Abel Ferrara (Blackout), Francis Ford Coppola (Apocalypse Now, Rusty il selvaggio) e Wim Wenders (L’amico americano e Palermo Shooting in cui, di bianco vestito, interpreta la morte). Per sette volte è passato dietro la macchina da presa: oltre all’esordio con Easy Rider, ha diretto Fuga da Hollywood (1971, un fiasco colossale che provocò il suo allontanamento dalla Mecca del Cinema per una decina d’anni a seguito anche di abuso di alcol e droghe, un arresto…), Out of the Blue (1980), Colors. Colori di guerra (1988), Ore contate (1989), The Hot Spot. Il posto caldo (1990), Una bionda sotto scorta (1994, la sua unica commedia) a cui va aggiunto il cortometraggio Homeless (2000). Nato il 17 maggio 1936 in Kansas, Hopper ha avuto cinque mogli (compreso un matrimonio lampo della durata di otto giorni) che gli hanno dato 4 figli. L’altra sua passione è l’arte moderna: non solo ha una delle collezioni più ricche, ma è lui stesso fotografo e pittore e le sue opere sono state esposte in tutto il mondo. Dai tempi di Reagan, è membro del Partito Repubblicano e in tempi recenti ha votato per i due Bush, padre e figlio, ma ha volontariamente fatto la parodia del segretario della difesa Donald Rumsfeld nel personaggio del gretto e razzista Kaufman in La terra dei morti viventi (2005) di Romero. Un primo passo verso il ravvedimento. Alle ultime elezioni, il suo voto è andato infatti a Barack Obama.

    Marì Alberione

Il ragazzo che sussurrava ai cavalli - Intervista a Andrew Haigh

Roberto Manassero

Con Charley Thompson l’inglese Andrew Haigh ha girato il suo primo film americano: la storia di un ragazzo di Portland, Oregon, dall’animo dolce e solitario, che trova nel cavallo da corsa Lean on Pete (da cui il titolo originale) un...

FilmTv n° 14/2018

Mancia competente #8 - Il piatto piange

Eddie Bertozzi

Il piagnisteo sulle vacche magre dell’estate era già cominciato, tanto per mettere le mani avanti, almeno due o tre mance competenti fa. Ora, passata la metà di luglio, ci siamo dentro fino al collo ed è pure un po’ peggio di quello che...

FilmTv n° 30/2018

I migliori film italiani - 13: C'era una volta in America

Ilaria Feole

C’è chi, per far posto a legittimi contendenti, non l’ha messo in classifica perché, sin dal titolo, non sarebbe “un film italiano”. Certo, la co-produzione è statunitense, anche se i soldi (e De Niro) ce li ha messi il miliardario israeliano...

FilmTv n° 39/2018

I migliori trailer della settimana

Andrea Fornasiero

10. Transparent - Stagione 4 di Jill Soloway, non tanto in virtù del trailer in sé quanto sulla base della qualità costante della serie nelle tre scorse stagioni e con la consapevolezza che questa annata sarà più...

FilmTv n° 31/2017

Una storia vera più che mai

Mariuccia Ciotta

Le fiabe si liberano del mito e passano dalla consistenza irreale ai corpi in carne e ossa. I cartoni animati pretendono lo status di creature vive, come Pinocchio, ed ecco che i classici disneyani si tramutano in opere live. La...

FilmTv n° 11/2017

Archivio Servizi

Titolo Autore FilmTv n°
Chat noir Giulio Sangiorgio 15 / 2019
I migliori film italiani - 23: La prima notte di quiete Alessandro Baratti 15 / 2019
L'Aquila dieci anni dopo - Intervista a Marco Risi Alice Cucchetti 15 / 2019
La tv della ragazza Ilaria Feole 15 / 2019
Narcos story - Intervista a Ciro Guerra Roberto Manassero 15 / 2019
Prima persona plurale Roberto Manassero, Giona A. Nazzaro, Rocco Moccagatta, Ilaria Feole, Alice Cucchetti 15 / 2019
Tutte le spiagge di Agnès Mariuccia Ciotta 15 / 2019
A sangue caldo - Intervista a Riccardo Scamarcio Fiaba Di Martino 14 / 2019
Diari armeni Roberto Silvestri 14 / 2019
I migliori film italiani - 23: Il posto Massimo Causo 14 / 2019
Il suo corpo vi scalderà - Intervista a Mike Mignola Andrea Fornasiero 14 / 2019
Lo sguardo dell'altro - Intervista a Ali Abbasi Fiaba Di Martino 14 / 2019
Madunina nera - Intervista a Renato De Maria Mauro Gervasini 14 / 2019
Sento ancora la chitarra Ilaria Feole 14 / 2019
Stay hungry, stay streaming Alice Cucchetti 14 / 2019
Amnesia - Intervista a Michele Soavi Alice Cucchetti 13 / 2019
I migliori film italiani - 23: La notte Giulio Sangiorgio 13 / 2019
La necessità come forma di disciplina - Intervista a Jacopo Quadri Matteo Marelli 13 / 2019
Maschere erotiche Anton Giulio Mancino 13 / 2019
Nazionalpopulismo Andrea Bellavita 13 / 2019
Non perdete la festa Mauro Gervasini 13 / 2019
Speciale polar - Legami di sangue Mauro Gervasini 13 / 2019
Vota Garibaldi lista n° 1 - Intervista a Fabio Bonifacci Rocco Moccagatta 13 / 2019
Chi muore si rivede - Intervista a Marco D'Amore Andrea Bellavita 12 / 2019
I migliori film italiani - 23: Nostra Signora dei Turchi Rinaldo Censi 12 / 2019
Il seme dell'odio nella terra della pace - Intervista a Barbet Schroeder Giona A. Nazzaro 12 / 2019
Intervista a Daniele Incalcaterra Matteo Marelli 12 / 2019
Intervista a Federico Bondi Caterina Bogno 12 / 2019
Lo specchio scuro Simone Arcagni 12 / 2019
Lotta sacra - Intervista a Mike Leigh Roberto Manassero 12 / 2019

Pagine

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy