Servizi / Interviste

Servizi /// Presentazioni, interviste, Lost Highway, filmografie, approfondimenti.

Eve contro Eve - Intervista a Jodie Comer e Sandra Oh


State già seguendo su TIMVision la seconda stagione di Killing Eve ? Vi riproponiamo l'intervista doppia alle due attrici protagoniste realizzata per l'arrivo della prima stagione, l'anno scorso.

Intervista a Jodie Comer

Jodie, qual è stata la sfida più grande nell’interpretare la sicaria Villanelle?
È un personaggio imprevedibile, a volte si comporta in modo bizzarro: è difficile riprodurre questo atteggiamento perché nella realtà risulterebbe innaturale. Nelle situazioni più drammatiche, a rischio di vita o di morte, è capace di uscirsene con qualche frase assurda o espressione del volto sconcertante! Mi ci sono abituata, ho imparato ad amare il fatto che sia una freak e che non si renda assolutamente conto di essere strana.

Come descriverebbe la relazione tra Villanelle e l’agente MI5 Eve Polastri?
È affascinante, ma né io né Sandra Oh siamo in grado di definirla. Bisogna vedere la prima stagione fino in fondo per riuscire a intuire qualcosa del loro legame. Sanno di essere attratte l’una dall’altra ma non sono sicure del perché. Io ho come l’impressione che, nonostante faccia una vita meravigliosa, tra lussi e viaggi, Villanelle in fondo desideri quello che ha Eve, ovvero la semplicità di un marito e di una famiglia, in poche parole la normalità.

Qual è il suo aspetto più strano?
Il fatto che, ammettiamolo, le piace uccidere. Credo che la cosa la mandi su di giri e questo è davvero sbagliato, ma tutto sommato, in qualche modo, resta un personaggio amabile.

Non risparmia nessuno: fin dalla prima scena, fa un dispetto crudele a una bambina.
È una scena delicata, sapevamo che sarebbe stato il primo contatto tra il pubblico e Villanelle e volevamo fosse significativo, ma sbagliando avremmo rovinato tutto. È il nostro modo di introdurre e spiegare il suo rapporto con il resto del mondo: se non mi dai quello che voglio ne subirai le conseguenze.

È divertente interpretare una serial killer?
Sì, è... fantastico. È interessante dal punto di vista della recitazione perché devi riuscire a trovare un motivo per spiegare quello che fa. Non la sto difendendo e non sto accampando scuse per le sue azioni - so che nella realtà sarebbe impossibile parteggiare per lei.

 

 

Intervista a Sandra Oh

Sandra, pensa che Killing Eve si possa considerare una serie femminista?
Ho sentito qualcuno definirla così, accade perché ci si lascia influenzare dal fatto che la produzione sia in gran parte femminile: sono donne i personaggi principali, la produttrice, e molte persone della troupe. La verità è che ancora oggi è raro vedere una serie televisiva dove le protagoniste assolute siano due donne, ancora meno che siano donne a scriverla o dirigerla.

Qual è stata la sua prima impressione sulla serie e sul ruolo di Eve?
Mi ha colpito subito il fatto che la serie fosse ambientata nel mondo delle spie e che la psicologia delle protagoniste fosse così bene approfondita: merito di Phoebe, che ha una scrittura molto speciale. E un modo di parlare delle donne davvero unico.

Mi parli della relazione tra Eve e Villanelle.
Quel che Eve trova irresistibile dell’avversaria - anche se non lo vuole ammettere - è il fatto che sia priva di fardelli: è completamente libera, può e fa quello che le pare quando le pare e non soffre di sensi di colpa per il fatto che uccide la gente. Eve riconosce di essere legata dalle responsabilità della società, della famiglia e del lavoro che vengono imposte alle persone normali come lei.

Cos’altro ha Villanelle che Eve vorrebbe?
Non è un bellissimo tratto caratteriale ma, in fondo, invidia la sua arroganza. Senz’altro ammira la sua sicurezza e il fatto che apparentemente non abbia paura di nulla. In più si veste benissimo!

Killing Eve è stata rinnovata per una seconda stagione. Come ha preso la notizia?
Ho trascorso un decennio sul set di Grey’s Anatomy, quindi non era una mia priorità buttarmi subito in un’altra serie da protagonista che poteva durare per molti anni. Mi sono data da fare altrove: ho lavorato a teatro, al cinema, di nuovo in tv, ma solo per una stagione. Nonostante questo, quando ho saputo che lo show sarebbe stato rinnovato sono stata contenta, perché c’è ancora molto che questi due personaggi possono dire, e ancora tanto da scoprire sulla loro originale relazione.

Arte, 2018

Luca Beatrice

In un ipotetico gioco di specchi tra i (quasi) primi due decenni dei secoli XX e XXI, a mettere in fila ciò che accadde cent’anni fa, il passato risulta nettamente più rivoluzionario e trasgressivo rispetto al nostro presente. Dal Futurismo al...

FilmTv n° 51/2018

Dolci risate

Gabriele Gimmelli

I n un simposio delle Giornate del cinema muto di Pordenone 1994, il direttore David Robinson diceva d’essere rimasto affascinato dallo straordinario e tutto sommato inspiegabile realismo delle cucine nelle vecchie slapstick comedy. Da dove...

FilmTv n° 28/2018

[Venezia 75 - Settimana della Critica] - Cinema del futuro

Giulio Sangiorgio

Intervista a Giona A. Nazzaro (Delegato Generale SIC)

Guardandolo dalla vostra selezione di opere prime, dove sta andando il cinema di oggi?
Verso il futuro. I luoghi e le possibilità del...

FilmTv n° 35/2018

I migliori trailer della settimana

Andrea Fornasiero

7. Peter Rabbit di Will Gluck, adattamento dei romanzi illustrati di inizio 900 di Beatrix Potter con protagonista il disubbidiente Peter Coniglio, che nel film però è diventato quasi un volgare...

FilmTv n° 46/2017

X-Files History

Ilaria Feole

Nella prima puntata dell’undicesima stagione di X-Files (negli Usa partita il 3 gennaio 2018, da noi su Fox dal 29), al termine della sigla, compare il mantra di Fox Mulder, «I want to believe»: voglio crederci. Ma alcune...

FilmTv n° 04/2018

Archivio Servizi

Titolo Autore FilmTv n°
La luce del sole sulla parete di casa Mauro Gervasini 42 / 2009
Nel ventre della balena Sara Sagrati 42 / 2009
Oltre i cancelli del cielo Mariuccia Ciotta 42 / 2009
Professione: reporter - Intervista a Milena Gabanelli Enrica Re 42 / 2009
Ribelli senza causa Steve Della Casa 42 / 2009
Il volo di Wim Wenders Cristina Bianchino 41 / 2009
Sono io in quel bar Mauro Gervasini 41 / 2009
Il lato selvaggio del cinema di Scorsese Giona A. Nazzaro 40 / 2009
Pixar: sempre più in alto Manlio Dolinar 40 / 2009
Sembra un angelo caduto dal cielo... Boris Sollazzo 40 / 2009
Sigourney Weaver al cubo Mariuccia Ciotta 40 / 2009
Attraverso lo specchio Chiara Bruno 39 / 2009
Faccia da Libanese - Intervista a Francesco Montanari Cristina Bianchino 39 / 2009
Grandi vecchi: Tullio Kezich - Fato aposta per diventare ricordo Cristina Borsatti 39 / 2009
La ragazza del peccato Adriana Marmiroli 39 / 2009
Shaft e i suoi fratelli Giona A. Nazzaro 39 / 2009
Assalto al Distretto 9 Lorenza Negri 38 / 2009
Fragile ma Rapace Chiara Bruno 38 / 2009
Kill Hitler Giona A. Nazzaro 38 / 2009
Tutto Patrick e famiglia Maria Bosco 38 / 2009
Bongiorno, notte Tommaso Labranca 37 / 2009
Il viaggio di Heimat Andrea Fornasiero 37 / 2009
(R)evolution 9 Arianna Cantoni 36 / 2009
Giochi d’orrore Mauro Gervasini 36 / 2009
Washington ostaggio a New York Cristina Borsatti 36 / 2009
Sly, un corpo un segno Giona A. Nazzaro 35 / 2009
L’insolito caso di Mr. Simenon Mauro Gervasini 34 / 2009
Moriremo tutti berlusconiani? Boris Sollazzo 34 / 2009
Quelli che restano Andrea Fornasiero 34 / 2009
La Storia siamo noi - Intervista a Dennis Gansel Mauro Gervasini 33 / 2009

Pagine

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy