Servizi / Interviste

970x250.JPG

Servizi /// Presentazioni, interviste, Lost Highway, filmografie, approfondimenti.

L’immagine mancante


Ricordiamo il grande cineasta francese, autore del monumentale Shoah , che ha dedicato la vita a indagare il possibile ruolo dell’immagine nella rappresentazione della storia.

«L’azione comincia ai giorni nostri a Chelmno sulla Ner, in Polonia». Oggi dunque, e non il 7 dicembre 1941, quando Chelmno fu il teatro del primo sterminio di ebrei con le camere a gas in Polonia. Il presente, e non il passato. È questo il fulminante inizio di Shoah, la prima frase che introduce il film che contraddistinguerà l’intera vita di Claude Lanzmann (Sobibor - 14 ottobre 1943, ore 16.00, Le rapport Karski, Un vivant qui passe e L’ultimo degli ingiusti non sono che il riutilizzo di parte delle quasi 300 ore di pellicola che sono state girate per quel monumentale progetto che è Shoah) e che già ne racchiude in nuce il senso. Perché, contrariamente a quello che spesso si dice, non è di memoria che parla il suo cinema - una parola il cui abuso ha finito proprio per monumentalizzare e spesso uccidere la posta in palio più radicale della riflessione sull’Olocausto -, ma semmai di qualcosa che la ostacola e la rende impossibile. Come scrisse lo stesso Lanzmann in Au sujet de Shoah (uno dei più bei libri sul film, purtroppo ancora inedito in Italia): «Se Shoah non è intessuto che di presente, se il passato sembra fondersi con esso e in esso, è perché l’ordine che governa e scandisce tutto il film è quello dell’immemorabile: l’evento disumano, di cui peraltro sono stato contemporaneo, viene ributtato, per la sua stessa disumanità e il terrore che ispira, a una distanza siderale, in un illo tempore quasi leggendario e come esterno alla durata umana. Non è successo, non è potuto succedere!». È questo il motivo per cui l’Olocausto non è un evento rappresentabile, non perché debba essere ammantato da un’aura di sacralità e indicibilità, ma perché in un certo senso non appartiene né al registro del passato né a quello dell’evento storico propriamente detto. Come ha affermato Jacques Rancière, si tratta di un doppio processo di soppressione: «La soppressione degli ebrei e la soppressione delle tracce della loro soppressione». È questa seconda soppressione il problema più delicato della messa in immagine dello sterminio ebraico - quella che ha fatto dire a Jean-Luc Godard che il cinema ha mancato l’incontro con il proprio secolo, perché non è stato capace di mostrare le camere a gas. Ogni rappresentazione che pensi semplicemente di far rivivere l’Olocausto attraverso il cinema senza passare per questa ulteriore soppressione - una soppressione della soppressione -, non può che essere a rischio di un’impostura. O meglio, non può che limitarsi al feticismo della vittima, e di conseguenza alla sua trasfigurazione idolatrica. Già a partire dalla prima testimonianza di Shoah, quella di Simon Srebnik nella radura di Chelmno, Lanzmann invece ha sempre insistito in tutti i suoi film su una strana dissimmetria tra le parole dei testimoni e il luogo in cui si trovano: le parole dell’orrore e l’assoluta tranquillità e normalità, nel caso della suddetta scena, del prato nel quale prendono forma, dove della soluzione finale ebraica non è rimasta alcuna traccia. È la stessa che vediamo nel racconto delle oche di Sobibor, quelle che - racconta il sopravvissuto Yehuda Lerner, protagonista del film - «i nazisti facevano pascolare intorno alle camere a gas per coprire le grida dei condannati» e che rivediamo oggi starnazzare nel medesimo luogo. E lo stesso avviene anche per la stazione di Bohušovice, dove inizia L’ultimo degli ingiusti. L’effetto è quello di dare forma filmica a una strana incredulità allucinatoria. È possibile che sia proprio questo il mondo che è sopravvissuto alla Shoah? Nel celebre capitolo Le nostre notti di Se questo è un uomo, Primo Levi racconta di un sogno che assaliva diversi internati del campo: sopravvivere, ritornare nel mondo dei vivi, raccontare le atrocità del campo ai famigliari e non essere creduto. Ed è proprio nel tentativo di trasporre in immagini la dimensione strutturalmente allucinatoria della testimonianza del campo di sterminio che Lanzmann non è stato uno storico o un testimone prestato al cinema, ma un vero e proprio grande cineasta, un grande pensatore dell’immagine che ha riflettuto su una delle questioni più complesse che riguardano lo statuto ontologico dell’immagine cinematografica: il fatto che al suo cuore vi sia qualcosa di mancante in modo strutturale, inevitabile, qualcosa che non può mostrare ma solo rendere presente nella sua assenza. E sebbene non ci sia stato solo Shoah nella carriera di cineasta di Lanzmann, anche tutti i suoi altri film, come Pourquoi Israël o Tsahal, hanno girato attorno agli stessi temi. Perché la Shoah non è solo un massacro di innocenti, è anche un massacro di persone senza difesa, senza armi, senza Stato. E se Sobibor smonterà il luogo comune della mancata resistenza ebraica nei confronti della deportazione e dello sterminio - mostrando una delle pochissime rivolte riuscite in un campo di concentramento - Pourquoi Israël e Tsahal riveleranno le conseguenze controverse che la soluzione finale avrà nel Dopoguerra e nella nascita di uno stato che manterrà un rapporto contraddittorio con l’uso della forza e un progetto di colonizzazione drammatico. Tracce e soppressione di tracce che ancora incombono sul nostro presente.

Claude Lanzmann - Filmografia testimone

A cura di Pietro Bianchi

  • Pourquoi Israel?

    25 anni dopo la sua fondazione, il primo lungometraggio di Lanzmann è una dichiarazione d’amore verso lo stato di Israele di allora, attraverso interviste a intellettuali, reduci deportati, pacifisti, operai e membri del kibbutz. Con lo spaccato di una cultura sionista “di sinistra” praticamente scomparsa oggi.

  • Shoah

    12 anni di lavorazione, quasi 300 ore di girato e una versione finale di quasi dieci ore per una delle riflessioni più rigorose e dirompenti sulla soluzione finale del popolo ebraico. Senza immagini d’archivio e basandosi solo su un’imponente ricerca di testimoni e sopravvissuti, un’opera insuperata nelle riflessioni sull’Olocausto.

  • Tsahal

    Riflettere sulle Forze di difesa israeliane non vuol dire solo parlare del rapporto tra Israele e la cultura militare, ma anche della precaria esistenza di quello stato e delle sue guerre. Affascinante nella sua audacia, anche se unilaterale sull’occupazione della Palestina, rimane ancor’oggi il suo film più ambiguamente controverso.

  • Un vivant qui passe

    Il primo dei film tratti da materiali non utilizzati per Shoah, è un’intervista a Maurice Rossel, rappresentante della Croce rossa svizzera che nel 1944 visitò il ghetto di Theresienstadt, alle porte di Praga, certificando le sue buone condizioni. Fino a che punto fu manipolazione da parte dei nazisti e fino a che punto responsabilità?

  • Sobibor - 14 Ottobre 1943, ore 16.00

    Spinoff di Shoah, racconta la rivolta (riuscita) in un campo di concentramento, a Sobibór, in Polonia, nel 1943. Composta da un’intervista a Lerner, che vi partecipò, è un atto d’accusa verso il luogo comune che ha considerato il popolo ebraico corresponsabile del proprio annientamento.

  • L'ultimo degli ingiusti

    Con materiali da Shoah e su Theresienstadt, è un’intervista a Benjamin Murmelstein, che nel 1943 fu decano della comunità ebraica locale e che suo malgrado collaborò al funzionamento di un campo di concentramento che i nazisti propagandavano come “umano”, in realtà anticamera per i campi di sterminio.

  • Napalm

    Uno dei suoi pochi film non legati alla Shoah o a Israele, è il racconto della visita in Corea del nord di Lanzmann nel 1958, durante la quale si innamorò dell’infermiera Kim Kun-sun, ferita dal napalm nella guerra di Corea. Nel 2004, il regista decide di tornare nei luoghi di quell’amore, nell’oppressione della Corea di oggi.

Un paziente al giorno... - Intervista alla sceneggiatrice Ludovica Rampoldi

Alice Cucchetti

Gomorra - La serie, 1992, la versione italiana di In Treatment (che torna su Sky Atlantic con la terza e ultima stagione dal 25 marzo 2017). La ragazza del lago, La doppia ora, Il gioiellino...

FilmTv n° 12/2017

[Festival di Locarno 70] Il cielo sopra Bologna

Germano Maccioni

Ho pensato a Gli asteroidi come a una “fabula” di formazione, non di provincia, ma ambientata in provincia, nell’orizzonte piatto di una pianura di campi lunghissimi, con storie pazze, balere umide e brutture architettoniche...

FilmTv n° 31/2017

Speciale Lo Spirito del Cinema

Giona A. Nazzaro, Giulio Sangiorgio, Alessandro Baratti, Andrea Bellavita

Un atto di fede

L’amore di Paul Schrader per Robert Bresson è noto. Il regista francese, assieme a Carl Theodor Dreyer e Yasujirô Ozu, è parte di una trinità cinematografica che ha permesso a Schrader di andare oltre le...

FilmTv n° 41/2018

Berlino chiama

Ilaria Feole

Meno prestigiosa e longeva di Venezia e di Cannes, meno radicale di Locarno, meno mainstream di Toronto, la Berlinale compensa in ricchezza dell’offerta: l’edizione n. 67, in programma dal 9 al 19 febbraio 2017, con le sue 36 location sparse per...

FilmTv n° 06/2017

Speciale Lost Highway Bertolucci - Filmografia - 2012: Io e te

Emiliano Morreale

Chi ha visto lo sguardo di un ragazzo di vent’anni dopo aver visto Prima della rivoluzione (privilegio che per mestiere mi capita ogni anno) può verificare quanto la sintonia con la giovinezza fosse un tratto fondamentale di quel film e...

FilmTv n° 52/2018

Archivio Servizi

Titolo Autore FilmTv n°
Nextar - Il gusto di lei Enrica Re 08 / 2009
Boni, brutti e cattivi - Intervista a Alessio Boni Marì Alberione 07 / 2009
My Name Is Joe Andrea Giorgi 07 / 2009
Sui generis Marco Borroni 07 / 2009
Un colpo all’audience... uno alla testa Cristina Borsatti 07 / 2009
Era una notte buia Mauro Gervasini 06 / 2009
Isabel, mater dolorosa - Intervista a Isabel Russinova Gianlorenzo Franzì 06 / 2009
Mare piccolo Boris Sollazzo 06 / 2009
Nextar, quasi famosi - La meravigliosa Angelica Marì Alberione 06 / 2009
Festival di Gifuni - Intervista a Fabrizio Gifuni Cristina Bianchino 05 / 2009
Forte, con brio - Intervista a Iaia Forte Marì Alberione 05 / 2009
Sotto il video giaguaro Giona A. Nazzaro 05 / 2009
Un’icona Popeye Andrea Fornasiero 05 / 2009
Amore e altre catastrofi Mauro Gervasini 04 / 2009
Nouvelle Vague Mauro Gervasini 04 / 2009
Il sublime fascino della banalità Tommaso Labranca 03 / 2009
Regista non per caso Marì Alberione 02 / 2009
C’era una volta il cinema Steve Della Casa 01 / 2009
Gioventù amore e rabbia al primo morso - Intervista a Tomas Alfredson Boris Sollazzo 01 / 2009
Tutte le facce del Presidente - Intervista a Oliver Stone Boris Sollazzo 01 / 2009
Una giapponese a Roma - Intervista a Jun Ichikawa Gianlorenzo Franzì 01 / 2009
Vorrebbe anche le rose - Intervista a Donatella Finocchiaro Mauro Gervasini 01 / 2009
Almost noir - Intervista a Carlo Lucarelli Enrica Re 53 / 2008
Mangiare, bere, uomo, donna Mauro Gervasini 53 / 2008
All’arrembaggio del mondo Mario Sesti 52 / 2008
Faccia a faccia col destino - Intervista a Marco Filiberti Enrica Re 52 / 2008
In nome del cinema italiano - Intervista a Dino Risi Cristina Bianchino 52 / 2008
Indovina chi viene a cena - Intervista a Daniele Luttazzi Boris Sollazzo 52 / 2008
Un fisico bestiale - Intervista a Michelle Ryan Adriana Marmiroli 52 / 2008
Certificati di residenza Matteo Pollone 51 / 2008

Pagine

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy