Home

PHILADELPHIA
LE LOCANDINE DI FILMTV
LE COSE CHE VERRANNO
ED È ANCORA Huppert
LUCIANO SALCE
(E SU FILMTV N. 18 LA LOCANDINA DI IL FEDERALE)
SUB | I SERVIZI DA RISCOPRIRE
30 ANNI
SUB | I SERVIZI DA RISCOPRIRE
CON I SIMPSON
1992 LA SERIE
Aspettando 1993, dal 16 maggio su Sky
BOARDING GATE
Abbiamo amato Sils Maria, e dopo di lui Personal Shopper.
Uno Scanners di Olivier Assayas
facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che Chi è senza peccato... è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 08:25.

Due anni fa, mentre aspettavamo Sils Maria a Cannes, vi parlavamo di Boarding Gate di Olivier Assayas, inedito del 2007. Lo è ancora e continuiamo ad amarlo. Ve lo proponiamo questa settimana.

In attesa di 1993, in onda su Sky Atlantic a partire dal 16 maggio, vi riproponiamo, per riepilogare, il Serial Minds di 1992.

Ricordiamo Jonathan Demme anche con questo articolo di Gianni Amelio pubblicato insieme alla locandina di Philadelphia, su FilmTv di qualche anno fa.

In regalo sul numero di Film Tv in edicola dal 3 maggio la locandina di Il federale con Ugo Tognazzi, un classico della commedia all'italiana. Per l'occasione riproponiamo un servizio sul suo autore, Luciano Salce, meno celebrato di altri maestri del filone, eppure grandissimo...

Un film assurdo con Nicolas Cage e l'immensa fiducia nel genere umano di Filippo Mazzarella. I cattivi pensieri di un numero del 2011.

La citazione

«Il cinema è come un uomo a cavallo che arriva in una cittadina del West, e noi non sappiamo niente di lui. (Jean-Claude Carrière)»

scelta da
Marianna Cappi

cinerama
6904
cineteca
2221
servizi
1844
opinionisti
1365
locandine
589
serialminds
544
scanners
414

La tenerezza dello sguardo

In occasione dell'uscita di La tenerezza, nelle sale dal 24 aprile, dedichiamo a Gianni Amelio un ampio speciale che partendo dal nuovo film ripercorre le tappe della sua carriera di cineasta, con una filmografia completa che comprende anche i suoi lavori televisivi, le locandine di due dei suoi titoli più significativi, Ladro di bambini (testo di Emanuela Martini) e Colpire al cuore (testo di Maurizio Porro), e due interviste pubblicate quando presentò alla Mostra di Venezia L'intrepido e al Festival di Toronto Il primo uomo. Buona lettura!

In edicola: Martedì, 25 Aprile, 2017

Il ritorno dei Guardiani della Galassia, buon compleanno a Jack Nicholson, YouTube e dintorni #2, gli effetti speciali di Douglas Trumbull, ritratto di Gianni Boncompagni e tanto, tanto altro.

Acquista il numero
o accedi agli articoli digitali

Editoriale


La vità non è così importante

«Allora, ecco cosa penso dell’aborto...» esordisce sul palco Louis C.K., nel suo nuovo spettacolo realizzato per Netflix e disponibile sulla piattaforma dal 4 aprile 2017. Louis C.K. 2017 è titolo minimalista e in apparenza pigro: ma quella semplice cifra sottende la carica grottesca di un’annata che, dopo meno di quattro mesi, già si presenta oltre i limiti della satira: motivo per cui il comico non affronta (direttamente) nessuna tematica concretamente legata alla politica statunitense attuale. Nel corso degli ultimi sette anni, in concomitanza con la creazione della sua serie tv Louie, C.K. ha raggiunto una popolarità inaudita per il mondo degli stand up comedian: ha sufficiente seguito e potere produttivo da permettersi scelte inconsuete, come sospendere indefinitamente Louie, ottenere il controllo diretto della vendita dei biglietti per i suoi show e dare vita a una webserie (Horace and Pete) fuori dai canoni televisivi e innervata dal tratto più immediatamente riconoscibile della sua comicità, un pessimismo invincibile. Nella prima manciata di minuti di 2017 Louis C.K. butta sul piatto l’aborto («Se c’è una persona nella tua passera, deve esserti permesso ucciderla. Ci è permesso ucciderla se ce la troviamo in casa!»), il suicidio («Uccidersi risolve tutti i problemi. Anche i problemi mondiali. Sei preoccupato per l’ISIS? Ucciditi. Non ti prenderanno mai»), la religione; porta alle estreme conseguenze i luoghi comuni, deforma le opinioni diffuse, le sveste per metterne a nudo la mostruosità, la quotidiana crudeltà: quella quota di razzismo, di pregiudizio, di intolleranza che abita ciascuno di noi. Prende il nostro umanissimo lato oscuro, lo porta sotto i riflettori, rivendica il diritto di affermare quell’oscurità. Con una parabola solo apparentemente sghemba, lo show si apre sull’esplorazione di un diritto fondamentale come l’aborto e si chiude con la confessione accorata di C.K. sulle sensazioni pelviche che gli suscitano alcune scene di Magic Mike, con annessa “auto-omofobia” («Non discriminerei mai una persona perché gay. Ma ho tutto il diritto di opprimere e discriminare la mia possibile omosessualità emergente»). Solo due punti casuali pescati dallo spettro di realistici sentimenti contraddittori del maschio bianco occidentale, vero territorio d’azione di C.K., ed eminentemente politico: nel rovello quotidiano fra il senso di colpa per il proprio privilegio e il godimento della propria comoda appartenenza alla maggioranza - non nelle provocazioni fra masturbazione e scatologia - sta tutta la rilevanza del comico. Un circolo vizioso irrisolvibile, repellente, drammatico, in cui viviamo: il pessimismo di C.K. è un realismo ineludibile. E necessario.

News
29 Aprile 2017

Con Isle of Dogs Wes Anderson torna all'animazione, già praticata in Fantastic Mr. Fox, e racconta di un ragazzo giapponese che affronta un lungo viaggio per...

News
29 Aprile 2017

Warner prepara una propria piattaforma digitale dedicata ai personaggi DC Comics e annuncia due titoli, l'attesa terza stagione della serie animata Young Justice...

News
28 Aprile 2017

Mentre di Roman Polanski e del suo caso giudiziario hanno ripreso a discutere le corti americane, Cannes inserisce nella sezione fuori concorso il suo nuovo film: ...

News
28 Aprile 2017

Sebbene si concluda il 30 aprile, il Tribeca Film Festival ha già annunciato i vincitori della 16esima edizione, che ha ospitato 97 lungometraggi e ha visto trionfare il...

News
28 Aprile 2017

Terrazza veneziana, notte, tarda estate del 2015, qualche vodka. Chiacchiere con Jonathan Demme, seduto accanto ad Alix Delaporte, regista francese, tra le migliori. Lui un gigante, inutile...

News
28 Aprile 2017

«L'immagine dell'edizione numero trenta è un libro che scavalca un muro: non è, chiaramente, di questi tempi, un'immagine neutrale». Così Nicola Lagioia ieri, presentando alla stampa il...

News
28 Aprile 2017

Ci sono storie di adolescenti che hanno il sapore dell'eternità e nel racconto di formazione possono riprendere schemi fiabeschi, e ci sono storie che hanno invece il tenore dell'attualità....

News
27 Aprile 2017

Come raccontavamo lo scorso 3 aprile, la Writers Guild Association (WGA) ha chiesto ai propri iscritti di autorizzarla, eventualmente, a dichiarare uno...

News
27 Aprile 2017

Sono stati giorni ricchi di notizie per il mondo in inarrestabile sviluppo dei "franchise" cinematografici, quegli universi condivisi le cui storie si intrecciano passando da un libro a un...

News
27 Aprile 2017

Numerosi i titoli al prossimo Festival d'Annecy con 10 lungometraggi in concorso, 13 fuori concorso e altri ancora in alcune "proiezioni evento", cui si aggiunge ovviamente una...

Pagine

banner300x600.jpg

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l.
Credits - Contatti - Privacy