Home

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che St. Elmo's Fire è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 10:00.

Il 29 giugno scorso è uscito negli Usa Soldado , di Stefano Sollima. In Italia uscirà a ottobre, intanto vi riproponiamo la locandina del film di cui Soldado è sequel, ossia Sicario di Denis Villeneuve.

La ricerca di riscatto di un mite toelettatore di cani, la discesa agli inferi di un ex pugile manesco. Il nuovo film del regista di Gomorra torna nella terra di nessuno delle fiabe dark. Premiato come migliore attore al Festival di Cannes il protagonista Marcello Fonte.

Il 18 maggio arriva su Netflix la seconda attesissima stagione di Tredici . Dove eravamo rimasti?

Esiste davvero gente che non ama la musica?

Christophe Honoré quest'anno è al Festival di Cannes con Plaire, aimer et courir vite , in gara anche per la Queer Palm. Vi riproponiamo uno degli Scanners a lui dedicati.

La citazione

«Tutti i luoghi che ho visto, che ho visitato ora so ne sono certo: non ci sono mai stato. (Giorgio Caproni - Esperienza)»

scelta da
Pedro Armocida

cinerama
8027
servizi
2604
cineteca
2566
opinionisti
1669
locandine
984
serialminds
719
scanners
467
In edicola: Martedì, 17 Luglio, 2018

Speciale Ingmar Bergman, analisi sugli scambi di genere, guida alle piattaforme di streaming, Lost Highway su Claude Lanzmann, Serial Minds della seconda stagione di The Handmaid's Tale e del finale di serie di Sense8, locandina di Ronin di John Frankenheimer e tanto, tanto altro.

Acquista il numero
o accedi agli articoli digitali

Editoriale


Com’è che non riesci più a volare?

«Cerco l’estate tutto l’anno/E all’improvviso eccola qua». Bene? No, non direi. Io la odio, l’estate. Non tanto quell’«estate/[...]calda come i baci che ho perduto/[...]piena di un amore che è passato», cioè l’estate dei versi di Bruno Martino (uno a cui la stagione deve aver giocato brutti tiri, come quando, per non sbagliare, scriveva e cantava: «E la chiamano estate/questa estate senza te/ma non sanno che vivo ricordando sempre te», povero Bruno). No, non odio l’estate per questioni sentimentali. Non la odio nemmeno per l’eccesso di caldo, quello che induce gli Afterhours ad ansimare parole per dare dignità ai suoi umori umidicci: «Questa estate che ci cola tra le gambe/dici che leccarla ti dà un senso/sai è curioso perché anch’io/sento lo stesso». No, odio l’estate per mere ragioni professionali. La odio per quella che potrei definire la retorica della leggerezza, il concetto ombrello dell’ombrellone, sotto cui si sdraia supino tutto un pensiero stereotipato, incancrenito da secoli. La sento di continuo, la voce dell’ideologia stagionale che mi sussurra imperterrita: «Questa copertina non è estiva». «Speciale su Ingmar Bergman? D’estate?». «Tre pagine su Lanzmann? Sotto l’ombrellone?». E, soprattutto: «Che ne dici di un cruciverbone?». Il cielo stellato sopra di me e l’estate coatta dentro al giornale. Niente a che vedere con Obbligo o verità e via elencando: l’orrore non è in sala, ce l’ho dentro di me, in forma di pedantissimo monito al disimpegno, all’estate come categoria dello spirito. Io allora cerco di resistere. Resistere all’idea che, nella dittatura delle temperature percepite (parola che mi fa vero e proprio terrore), l’estate percepita sia esattamente l’estate del mio scontento, quella in cui tutti siamo inequivocabilmente stupidi, in cui il tempo libero possa permettersi al limite Gabbani & Baby K, la sitcom-parlamento con dibattiti da Gianni e Pinotto (ah no, quello è l’eterno «inverno precoce»), gli animaletti e le tette della colonna destra di Repubblica.it (ah no, anche quelli), i balli con terribile musica latinoamericana e i giornali di gossip sulle sdraio (perché pure Film Tv, d’estate, perde copie: reagite, signori, fatelo per noi e per voi). Non solo l’enigmistica è facilitata, d’estate. Lo è tutto. «Sotto il sole/sotto il sole/di Riccione/di Riccione». Ottimo. Che poi è un paradosso: se i classici del romanzo russo non li leggete d’estate, quando avrete mai il tempo per leggerli? Dai. Ma questo lo dico solo per farmi dare dello snob nell’estate-tutto-l’anno dei social. Comunque. Per restare al pop c’è una lettura che mi sento di consigliare: Canzoni d’amore di Luca Beatrice (Mondadori, pp. 360, € 18). Giuro che potete leggerlo pure sotto l’ombrellone. Beatrice è un professionista che seguo da sempre, un critico d’arte fondamentale in Italia, uno di quei collaboratori cercati e voluti che per me vale come meraviglioso polo dialettico, perché con i suoi pensieri, le sue provocazioni, la sua capacità divulgativa, mi è sempre piaciuto confrontarmi, scontrarmi, di frequente arrabbiarmi (soprattutto per questioni politiche...), e sin da giovinetto. Ora se ne esce con un libro-compilation che racconta, dal 1960 a oggi, una canzone d’amore italiana per anno. Da Il cielo in una stanza di Gino Paoli/Mina a Niente canzoni d’amore di Marracash feat. Federica Abbate (ottima scelta). Lo fa con la sua capacità di passare con leggerezza (quella buona) dal micro al macro, dall’aneddoto alla sociologia, dalle persone al contesto culturale, con un piglio letterario che abbraccia anche il côté autobiografico. Tanto che, di brano in brano, si scopre che in fondo la canzonetta italiana è la sua Heimat. E probabilmente, volenti o nolenti, anche la nostra. Anche se i tormentoni estivi proprio non li sopportiamo e la nostra estate è una Summer on a Solitary Beach.

Sta arrivando un bastimento

Andrea Segre, Gianfranco Rosi, Abderrahmane Sissako, Jonas Carpignano e Daniele Gaglianone. Abbiamo raccolto in uno speciale le voci dei cineasti che maggiormente si sono occpuati del tema delle migrazioni, mescolando racconti ed esperienze ma soprattutto inseguendo sguardi che non fossero necessariamente (solo) i loro, ma di chi parte. Oltre alle interviste, 17 recensioni di film che nel corso degli anni hanno raccontato i viaggi più diversi, con lucidità e urgenza. Numeri, percezioni, fatti ma soprattutto storie, quelle che era necessario raccontare attraverso il cinema.

News
18 Luglio 2018

Dopo due anni di purgatorio, che i dirigenti televisivi americani chiamano “sviluppo”, la serie ispirata al ciclo di romanzi Cronache dei vampiri di Anne Rice...

News
18 Luglio 2018

Riuscire a seguire il mercato dei remake è diventata un'impresa sempre più internazionale e sempre più da cercatori d'oro del Klondike. Non è più necessario che il film da rifare sia un classico...

News
18 Luglio 2018

Un professore universitario inglese – Nathan Abrams, docente di cinema presso la Bangor University in Galles – ha comunicato al The Guardian di avere...

Articolo - Intervista
18 Luglio 2018

Girato a Lampedusa seguendo un gruppo di abitanti e le persone che soccorrono i migranti, Fuocoammare ha vinto l'Orso d'oro al Festival di Berlino 2016

Articolo - Intervista
18 Luglio 2018

Come può il cinema raccontare l’integrazione fra popoli? Ne parliamo con un regista che affronta spesso questo tema

Articolo - Intervista
18 Luglio 2018

Dopo Io sono Li, presentato con successi alla Mostra di Venezia 2011, Andrea Segre ha portato (letteralmente) in tour per l’Italia il suo Mare chiuso, documentario doloroso e...

Articolo - Intervista
18 Luglio 2018

Ospite d’onore al festival del cinema africano, d’Asia e America latina, giurato a Cannes 68, artefice di una delle pellicole più importanti della stagione, Timbuktu, l’autore mauritano...

Articolo - Intervista
18 Luglio 2018

Dialogo su un film importante, A Ciambra: ovvero un’opera che usa gli strumenti del cinema del reale per produrre un romanzo criminale...

Articolo - Intervista
18 Luglio 2018

Consigliamo oggi più che mai di vedere o rivedere La mia classe, il film con il quale Daniele Gaglianone racconta un corso di italiano per migranti, con Valerio Mastandrea nei panni di...

News
17 Luglio 2018

Denis Villeneuve è finalmente riuscito a mettere le mani sul film dei suoi sogni: un nuovo adattamento di ...

Pagine

La Newsletter di FilmTv

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy