Home

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Ilaria Feole dice che Capricorn One è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 08:50.

Il Padrino di Francis Ford Coppola è in streaming su Netflix

Negli ultimi anni, il panorama televisivo si è popolato di protagoniste complesse: una serialità femminista?

Torna con una seconda stagione la prima serie originale di Prime Video, prequel dei film incentrati su Jason Bourne. Dal primo novembre è in streaming, mentre qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

Callisto Cosulich salvava, in una rubrica su FilmTv, visioni e ricordi che prendevano spesso la forma di bellissime storie. Qui ci racconta di Taking Off di Forman e di come quella scena, anzi LA scena, in cui tutti fumano marijuana, gli diede qualche problemino quando decise di inserire il film in una rassegna sulla New Hollywood per la Rai.

Di recente l'abbiamo vista e ammirata in Fosse/Verdon , ma ci sono molti ruoli per cui apprezziamo il talento di Michelle Williams. Questo è un esempio.

La citazione

«La televisione è meglio del cinema. Sai sempre dov'è la toilette. (Dino Risi)»

scelta da
Pedro Armocida

cinerama
8971
servizi
3321
cineteca
2946
opinionisti
2019
locandine
1052
serialminds
873
scanners
498
In edicola: Martedì, 12 Novembre, 2019

Feuilleton #5: la seconda parte del racconto di Raffaele Riba, la seconda stagione di Jack Ryan: spie al cinema e in tv, intervista al regista di Le Mans '66, James Mangold, Filmmaker Festival 2019: un omaggio ad Alain Cavalier, analisi di Ignorantocrazia di Gianni Canova, Serial Minds di The Deuce, locandina di L'armata delle tenebre di Sam Raimi e tanto, tanto altro.

Acquista il numero
o accedi agli articoli digitali

Editoriale


Editoriale n° 46/2019

Guardatelo Robert De Niro, quando cammina per le strade di The Irishman (vedi recensione su Film Tv n. 44/2019) con il volto digitalmente modificato, con i lineamenti di uno di quarant’anni e gli occhi celesti, certo, ma il corpo che si muove appesantito, lento, acciaccato, come quello del settantaseienne che è, oggi. Con quel viso che sembra uscito da un motion capture di Zemeckis (Polar Express, per esempio), ma con la struggente fatica che sentono gli avatar handicappati di Ed Atkins, di cui vi parlammo tempo fa (vedi Film Tv n. 30/2017). Ecco. È questo uno dei punti cruciali di questo ultimo film di Scorsese, prodotto da Netflix: il paradosso tra tecnologia che cancella il tempo (il de-aging) e quel corpo d’attore che è prima di tutto traccia del tempo che passa. Storia. E dunque cinema, come dicevano un paio di signori, registi e teorici: morte al lavoro, scultura del tempo. The Irishman è qui, e se non tutto, in un buona parte: in questi pixel che ringiovaniscono, su quei corpi che si stanno consumando. Cosa vi ricorda? Il cinema al tempo velocissimo dello streaming? La Storia nell’eterno presente della Rete? E mentre Netflix annuncia di voler sperimentare la visione a velocità aumentata per i suoi utenti (così da poter vedere i film a doppia velocità, volendo), Scorsese si prende - proprio per merito di Netflix, perché chi l’avrebbe prodotto, oggi, un film così, da 159 milioni di dollari? - il suo tempo. E lo dilata come non mai: 209 minuti. E certo, adegua la lingua del suo cinema ai possibili schermi e schermetti su cui lo (ri)vedremo (quanti primi piani, rispetto a tutto quello fatto precedentemente), ma soprattutto adegua il ritmo e il respiro del suo film-streaming, di quest’opera meticcia, di questo cinema dopo il cinema, ai tempi lenti, appesantiti, acciaccati suoi e del suo protagonista. Così, dentro Netflix, per merito di Netflix, contro Netflix, fa il suo C’era una volta in America, che da un lato è un film sulle forme del ricordo, col suo tempo sospeso (da dove nascono quelle immagini? Dove comincia il ricordo? Dal viaggio? Dalla confessione al sacerdote?), dall’altro è un tentativo ultimo di riordino della Storia, uno slancio terminale per allacciarla alle storie con la minuscola, ai suoi retroscena (la mafia è dietro tutto). Di certo, comunque, è un film su un lento crepuscolo, che lotta come può contro la scomparsa della memoria, che è la memoria della Storia e del cinema (“the Irishman” è il protagonista ma anche JFK), perché in questo film-streaming le immagini d’archivio del passato sono troppo sgranate, prossime alla scomparsa, come tutto quello che non è nuovo, veloce. Nessuno si ricorda di Jimmy Hoffa, oggi. Non servono, le sue fotografie. The Irishman è il capitolo terminale della tetralogia sulla mafia, certo, ma è soprattutto l’ultimo possibile viaggio nel cinema di Scorsese. Il seguito di Hugo Cabret. Che era un saggio sullo stato dell’arte del 3D girato per riscoprire Méliès, puro cinema d’avanguardia industriale per conservare il ricordo di un uomo, un film del futuro per salvare il passato. Per questo nella sublime, interminabile agonia del finale di The Irishman la morte del protagonista, solo, chiuso in se stesso, non arriva. Mai. De Niro è l’ultimo legame con la storia, con il cinema. Continua, stanco, inerme, a sopravvivere. Per Scorsese è una preghiera: chiede al sacerdote di tenere la porta aperta, così che il «the end» non sia mai definitivo. Così che possiamo ancora sperare, mentre apriamo e chiudiamo finestre, di scorgere la luce flebile della storia, e del cinema, dietro quella porta socchiusa.

Film Tv Rewind

rewind1+2

News
12 Novembre 2019

Addio e grazie per tutte le news #196

L'orgoglio di categoria è faccenda importante, soprattutto se riguarda un mestiere, quello del cineasta, in cui in...

Articolo - Editoriale
12 Novembre 2019

§

Articolo - Muzik
8 Novembre 2019

Il live suadente dei Chromatics illumina il Club to Club di Torino. Un festival sempre più proiettato nella sperimentazione e nel futuro del pop.

News
8 Novembre 2019

Fuori(le)Serie #019

La testa (e altri organi) sono ancora fermi alla prima parte dell'ultima stagione di BoJack Horseman uscita solo due...

News
7 Novembre 2019

Addio e grazie per tutte le news #195

Dopo mesi e mesi di propaganda promozionale, sempre in attesa della discesa in campo di Disney+ e...

News
6 Novembre 2019

Addio e grazie per tutte le news #194

Per dare un'idea di come sia la situazione attuale. La Academy of Motion Pictures Arts and Sciences...

Articolo - Muzik
5 Novembre 2019

§

Articolo - Black Mirror
5 Novembre 2019

§

News
5 Novembre 2019

Addio e grazie per tutte le news #193

È bastato un solo film a Stefani Joanne Angelina Germanotta, è sempre piacere scriverlo, in arte Lady Gaga...

News
31 Ottobre 2019

È difficile splendere in un orizzonte culturale occupato e accecato dal luminosissimo astro di Busseto, quel Giuseppe Fortunino Francesco Verdi a cui è dedicato l'omonimo festival lirico, che non...

Pagine

La Newsletter di FilmTv

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy