Home

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Adriano Aiello dice che 48 ore è il film da salvare oggi in TV.
Su Paramount Channel alle ore 02:30.

La ricerca di riscatto di un mite toelettatore di cani, la discesa agli inferi di un ex pugile manesco. Il nuovo film del regista di Gomorra torna nella terra di nessuno delle fiabe dark. Premiato come migliore attore al Festival di Cannes il protagonista Marcello Fonte.

Il 18 maggio arriva su Netflix la seconda attesissima stagione di Tredici . Dove eravamo rimasti?

Esiste davvero gente che non ama la musica?

Christophe Honoré quest'anno è al Festival di Cannes con Plaire, aimer et courir vite , in gara anche per la Queer Palm. Vi riproponiamo uno degli Scanners a lui dedicati.

Un saluto a Ermanno Olmi con le parole di Gianni Amelio.

La citazione

«Lui adesso vive ad Atlantide / con un cappello pieno di ricordi / ha la faccia di uno che ha capito / e anche un principio di tristezza in fondo all'anima / nasconde sotto il letto barattoli di birra disperata / e a volte ritiene di essere un eroe. (Francesco De Gregori - Atlantide)»

scelta da
Matteo Bailo

In edicola: Martedì, 26 Giugno, 2018

Lost Highway su Katharine Hepburn, serie tv e identità di genereterzo appuntamento con la rubrica Sopravvivenza critica, realtà virtuale e narrazione, Serial minds di Tokyo Vampire Hotel, locandina di Personal Shopper di Olivier Assayas e tanto, tanto altro.

Acquista il numero
o accedi agli articoli digitali

Editoriale


Ho qualcosa nell'occhio?

Piaccia o non piaccia (e a me piace e non piace) Yorgos Lanthimos è un autore in grado di cogliere lo spirito del tempo. I suoi paradossi. Quando si presenta al pubblico festivaliero nel 2005, con Kinetta (abiurando a My Best Friend, l’esordio in commedia nera, commerciale e co-diretta), le prime parole del film sono già un manifesto, una domanda: «Ho qualcosa nell’occhio?». Che è come chiedersi se c’è o non c’è una cosa che infastidisce la visione. Un oggetto che non permette di cogliere lo stato delle cose. Un moscerino, forse. Un’ideologia, probabilmente. Guardate Il sacrificio del cervo sacro: i protagonisti sono un cardiochirurgo (colui che detiene il potere di operare il cuore, l’interruttore dell’esistere) e la moglie, un’oftalmologa (colei che cura le malattie dell’occhio). Due medici. Due persone il cui mondo è basato sul sapere scientifico. Un sapere specialistico, in cui ognuno è esperto di una materia. Un sistema governato dalla ragione? Apparentemente. Il medico frequenta un giovane: l’ha reso orfano, non è stato in grado di operare suo padre, l’ha ucciso, per irresponsabilità. E allora simula, come tutti i personaggi dei film di Lanthimos, angelo sterminatore della gamification come ideologia, del vuoto di responsabilità dell’uomo sulle cose. E così il medico gioca al come se: come se un orologio in regalo e un paio d’ore di compagnia bastassero a trasformarlo nel padre mancante del giovanotto, come se non fosse responsabile. Come se la colpa fosse dell’anestesista. Come se non fosse successo niente. Come se tutto fosse reversibile. Guardiamoci, ogni giorno. Quanti sono i nostri come se? Dai flussi disperati dei migranti al riscaldamento globale, a voi il censimento. Ma per Lanthimos la cecità ideologica è solo il principio. Perché la realtà negata dal gioco del medico rientra nel mondo sotto forma di contrappasso, e dunque di irrealtà capace di diventare nuova realtà. La commedia (il come se) si fa tragedia irreversibile. Il giovane maledice il dottore e il suo mondo con un incantesimo, costringendolo a una scelta, alla responsabilità: il medico deve sacrificare un membro della propria famiglia, in cambio della morte di suo padre. Sennò moglie e figli moriranno. Inspiegabilmente. Anti-scientificamente. E allora Lanthimos, col suo occhio freddo, con la sua monumentalità parodica e nichilista, ci racconta anche e soprattutto un nuovo protagonista del contemporaneo, così come Thelma di Joachim Trier: l’uomo nuovo che reintroduce il pensiero magico, l’anti-scientifico, l’illogico, e il mondo che non è in grado di respingerlo, il mondo che si piega a lui, al suo potere, al volere del suo narcisismo, e così il cinema. Non è il gioco del come se. Lui ci crede, all’incredibile. È la sua fede. E l’incredibile riesce a farsi mondo, a cambiarne le fondamenta elementari. Parlate con un no vax, per esempio: capirete.

Speciale Cinerama - Cannes 2018

Tutte le recensioni dei film in concorso
#Cannes71

Cannes71-LineUp.jpg

News
9 Marzo 2017

Viene inaugurata oggi, in occasione della Giornata internazionale della donna, la collaborazione fra la Fondazione Cinema Per Roma e Rebibbia, Casa circondariale femminile.
Protagonista...

News
8 Marzo 2017

Steven Spielberg​ tornerà a dirigere Tom Hanks​ in The Post, film tratto dal vero scandalo dei Pentagon Papers, i documenti pubblicati nel 1971 dal Washington Post​ inerenti il...

News
8 Marzo 2017

Si chiama Movimento Arturo, è nato in tv e sta crescendo, su internet, a una velocità vertiginosa. Tutto è cominciato, come spesso avviene, per caso: da una vignetta raccontata da Makkox il 28...

News
7 Marzo 2017

Sapevate che Love Actually sta per aver un sequel anomalo? Parliamo di un cortometraggio di 20 minuti realizzato per beneficenza in occasione del Comic Relief: Red Nose Day....

News
7 Marzo 2017

Si terrà dal 18 al 25 marzo la 15ª edizione del B.A.FilmFestival - BAFF, manifestazone cinematografica organizzata dal Comune di Busto Arsizio e diretta da Steve Della Casa.
Dell'...

News
7 Marzo 2017

La quinta edizione del Procida Film Festival si terrà nello splendido comune in provincia di Napoli dal 22 al 24 giugno.
"L'uomo e il mare, patto per la vita" è il tema scelto per inviare i...

News
7 Marzo 2017

«Ci sono così tanti film che hanno bisogno di un restauro in tutto il mondo. Abbiamo creato il World Cinema Project per garantire che i titoli più vulnerabili non scompaiano per sempre».
...

News
7 Marzo 2017

Dopo Hotel Rwanda con The Promise Terry George si sofferma ancora su un genocidio, quello della popolazione armena avvenuto tra il 1915 e il 1916.
Lo fa utilizzando il...

News
7 Marzo 2017

Dopo l'apertura a Cagliari Terre di confine filmfestival si sposta il 9 marzo a Oristano, dal 10 al 12 a Solarussa (OR), il 16 a Sassari e dal 17 al 19 a Asuni (OR), dove la rassegna è...

News
7 Marzo 2017

Parte oggi la rassegna Cinema Svizzero a Venezia, manifestazione che racconta le migliori esperienze del cinema elvetico contemporaneo attraverso un programma di 6 giorni.
Gli ospiti...

Pagine

La Newsletter di FilmTv

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy