Home

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che Donnie Darko è il film da salvare oggi in TV.
Su Rai4 alle ore 01:15.

Tom à la ferme di Xavier Dolan è in streaming su PrimeVideo

Uncut Gems è tra i dieci migliori film invisibili dell'anno e ha ottenuto svariati premi anche se è stato escluso dalla corsa agli Oscar 2020. Sarà disponibile dal 31 gennaio su Netflix, ma intanto recuperiamo un altro invisibile dei fratelli Safdie, con la recensione di Ilaria Feole.

Cominciano i festeggiamenti per i cent'anni di Federico Fellini. Prossimamente sulla rivista, qui con una locandina di Emanuela Martini.

Non tutti i collaboratori di FilmTv sono entusiasti di Watchmen .

The New Pope arriva su Sky Atlantic il 10 gennaio, come anticipato nel n° 53. È il seguito, sempre di Paolo Sorrentino, di The Young Pope, di cui vi riproponiamo qui la recensione.

La citazione

«Solo chi lascia il labirinto può essere felice, ma solo chi è felice può uscirne (Michael Ende - Lo specchio nello specchio)»

In edicola: Martedì, 14 Gennaio, 2020

Feuilleton #7: la prima puntata di Domenica al campeggio di Sandro Campani, Lost Highway su Andrej Tarkovskij, analisi su Clint Eastwood, Werner Herzog intervistato sul suo ultimo film, Herzog incontra Gorbaciov, Star Wars: Episodio IX - L'ascesa di Skywalker secondo Film Tv, Scanners di Relaxer, Serial Minds di The Morning Show e C'era una seconda volta, locandina di Solaris di Andrej Tarkovskij e tanto, tanto altro.

Acquista il numero
o accedi agli articoli digitali

Editoriale


Oltre lo specchio

Proviamo a orientarci. Comincia con un doppio, Hammamet. Come ci fosse uno specchio, sulla soglia tra paratesto e testo. Tra fuori e dentro il film. Un bimbo tira un sasso con una fionda, verso il fuoricampo: è la sigla animata della produzione di Agostino Saccà, la Pepito. Quel sasso, letteralmente, produce le immagini che seguono. Poi, come se il primo bimbo avesse attraversato lo specchio e ora si trovasse in carne, costume e ossa, un altro sasso, lanciato da un’altra fionda, rompe il vetro d’una finestra: è la prima scena di Hammamet. Il suo controcampo, la finestra infranta inquadrata dall’interno è l’ultima scena del film. Quel secondo sasso, dunque, produce le immagini che seguono, le immagini contenute tra quelle due finestre rotte. Mi seguite? È come se il film fosse un ambiente. Un interno aggredito. E infatti è Hammamet, non Craxi. Un luogo, non una persona. Uno spazio, non un tempo. Uno spazio che sta dentro troppe cornici, un sasso dopo l’altro, oltre lo specchio, dietro il vetro infranto. Un luogo che sta a troppi gradi dalla realtà per essere vero. Un luogo dove il tempo non scorre, si accumula. Frantumato il vetro, la macchina da presa, e dunque il cinema, di quel sasso, di quei sassi, segue la traiettoria, entra nella finestra, e dentro troviamo il re-enactment del 45° Congresso del PSI, con Pierfrancesco Favino che non solo interpreta Craxi, ma ne è una versione superbamente iperrealista, replicata nell’osceno spettacolo delle piramidi di Panseca. Dentro, dunque, siamo in un museo (non solo delle cere, come suggeriva Alberto Pezzotta su Film Tv n. 51/2019). Sono passati pochissimi minuti. A Hammamet, nella casa vera di Craxi, non ci siamo ancora arrivati. Dal surrealismo siamo passati all’iperrealismo: il realismo, qui, è sempre sbagliato, richiede un prefisso, è irrequieto, instabile. A Craxi, o meglio, C. si avvicina un uomo, interpretato da Giuseppe Cederna: uno che sente che l’apocalisse, Tangentopoli, sta arrivando. Si chiama Vincenzo Sartori, potrebbe stare per Vincenzo Balsamo. Ma non può non essere anche Francesco Saverio Borrelli, colui che a Craxi mandò il primo avviso di garanzia: non può non esserlo perché Cederna, lo stesso attore, lo interpreta, contemporaneamente, in 1994. Campo/controcampo. Oltre lo specchio. Il realismo non c’è. I nomi non tornano. Il simbolico prende il posto del reale (Anita come la moglie di Garibaldi, non Stefania; Fausto il doppio del personaggio di Colpire al cuore, che entra in casa come fosse uscito da Apocalypse Now; il dramma della moglie, che è detto da una scena di Secondo amore di Sirk; Bobo, che per comunicare canta Piazza grande...). Hammamet è dentro. Il realismo fuori. Craxi come lo conosciamo noi, anche. Quella è l’immagine mancante. E Hammamet è un film che sta intorno a quell’immagine, la nostra immagine di Craxi. I fotografi, quando C. li convoca, non ci sono. Il presidente la sente, quell’immagine mancante, la porta con sé, la misura insistere come una forma nostalgica, come una colpa (Le catene della colpa...), e a essa reagisce. E il film è tutto lì, fuori da quell’immagine, è tutto nel rapporto con questo lutto, nel confronto traumatico con esso, nei gesti minimali e familiari e nello spettacolaccio morente che non erano inclusi nel nostro Craxi realistico, nel suo carisma, nel suo banditismo, nel suo priapismo. In Hammamet - ed è una mancanza fondante, non un difetto - non c’è la cronaca storica: perché è un sentito, acutissimo melodramma (ovvero il genere della separazione) su un uomo di potere separato dalla sua immagine, dal suo e nostro realismo, da una verosimile, plausibile anche se deprecabile, immagine pubblica e dunque politica. Ed è questa, andando oltre il finissimo ritratto che il film fa di quest’uomo e dei suoi rapporti, la dimensione politica del film: oggi, quel realismo, nel bene e nel male, non c’è. Surrealismo e spettacolo iperrealista sì.

Film Tv Rewind: vuoi comprare i primi due numeri insieme a un prezzo speciale?

rewind1+2

Articolo - Cineteca
28 Febbraio 2017

Il detective Nick Curran indaga su un omicidio compiuto con un punteruolo da ghiaccio. Principale sospettata è Catherine Tramell, una scrittrice di successo disibinita, promiscua, bisessuale. Tra...

News
27 Febbraio 2017

Californiano, figlio di un ballerino di Broadway, Mahershala Ali ha bazzicato più tv (Luke Cage, House of Cards) che cinema. Ora, con Moonlight (ma è anche nel cast di...

News
27 Febbraio 2017

#CinelabFilmTv

Domani John Turturro​ compie 60 anni. Sky Cinema Cult​ festeggia il compleanno dell'attore americano programmando quattro film.

Si parte alle 17.20 con Mia Madre...

News
27 Febbraio 2017

#CinelabFilmTv

Sono 28 i progetti (17 documentari e 11 lungometraggi) selezionati dal bando pubblicato a giugno 2016 dalla Sicilia Film Commission​ nell'ambito del programma Sensi...

News
27 Febbraio 2017

#CinelabFilmTv #IlLungoAddio

Accantoniamo per un momento gli Oscar per rendere omaggio a Bill Paxton​, deceduto a soli 61 anni.

Attore e regista versatile, quasi sempre lontano dai...

News
24 Febbraio 2017

I David di Donatello sono i premi “ufficiali” del cinema italiano. I nostri Oscar, i nostri César. C'è stato un tempo nel quale godevano di un certo riconoscimento anche all'estero, specie negli...

News
24 Febbraio 2017

Del mio grado di conoscenza della lingua inglese non frega giustamente niente a nessuno. Ne parlo solo per cercare di coinvolgervi in una riflessione ardita. Diciamo che secondo gli standard dell...

News
10 Febbraio 2017

L'incontrovertibile e l'opinabile nelle critiche a La La Land. Ad esempio: la sgangheratezza di alcune scene è facilmente dimostrabile, dal finto piano sequenza iniziale alla poca...

News
4 Febbraio 2017

Multisala d’essai di un capoluogo di provincia. C’è anche un bar, con ottimi avventori, whiskey irlandese e birre artigianali. Domando a uno degli audaci gestori (perché gestire un multiplex d’...

News
4 Febbraio 2017

Per evitare di commentare fatti alternativi conviene a volte restare sui numeri, che non dicono bugie. Leggendo il rapporto sui dati del mercato cinematografico 2016 di CINETEL si fanno scoperte...

Pagine

La Newsletter di FilmTv

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy