Home

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che Il sorpasso è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine Sony alle ore 07:15.

Per festeggiare David Cronenberg che verrà premiato con il Leone alla carriera a Venezia 75 abbiamo pensato di rendere disponibili tutti gli articoli archiviati nella nostra collezione Locandine. A partire da La zona morta.

La ricerca di riscatto di un mite toelettatore di cani, la discesa agli inferi di un ex pugile manesco. Il nuovo film del regista di Gomorra torna nella terra di nessuno delle fiabe dark. Premiato come migliore attore al Festival di Cannes il protagonista Marcello Fonte.

Il 18 maggio arriva su Netflix la seconda attesissima stagione di Tredici . Dove eravamo rimasti?

Esiste davvero gente che non ama la musica?

Christophe Honoré quest'anno è al Festival di Cannes con Plaire, aimer et courir vite , in gara anche per la Queer Palm. Vi riproponiamo uno degli Scanners a lui dedicati.

La citazione

«Certainly it constitutes bad news when the people who agree with you are buggier than batshit.»

scelta da
Lorenza Negri

In edicola: Martedì, 14 Agosto, 2018

Lost Highway su Madonna, Speciale 1968: Baci rubati, Lost Highway su Andy Warhol, Lettera da una sconosciuta a Michelle Pfeiffer, Serial Minds di Rick and Morty, locandina di Dick Tracy di Warren Beatty e tanto, tanto altro.

Acquista il numero
o accedi agli articoli digitali

Editoriale


Basta guardarla

A proposito di icone. In copertina Madonna. Qui Raffaella. Quando nel 1974 esce il 45 giri di Rumore, la Carrà ha già tuca-tucato l’Italia, specialmente attraverso il celeberrimo duetto con Alberto Sordi di Canzonissima. L’icona è abbondantemente decisa; l’ombelico ha fatto mostra di sé. Parlare di oggetto erotico degli italiani è forse esagerato, però c’è comunque chi lo pensa. È certo a ogni modo che il caschetto biondo risulta più a portata di mano e di tinello, più credibile, delle gambe delle Kessler, “esotiche” e dunque inaffrontabili. Ma la foto scelta per la copertina del noto disco è inaspettata, e produce uno strappo: il volto dell’artista, frontale e “a tutto schermo”, è vestito da un passamontagna rosso solcato da una riga nera nel mezzo; sono visibili unicamente gli occhi, aperti, con tanto di spesso eyeliner da far invidia alle Edwige Fenech dei gialli di Sergio Martino. Uno shock. La soubrette che con Mina è diventata la beniamina catodica del paese si sottrae allo sguardo del pubblico e dei fan per occultarsi dentro un copricapo che nell’Italia post-sessantottina e degli anni di piombo è argomento sensibile (chiedete a tutti i poliziotteschi). Siamo nell’epoca del femminismo, di “lospeculum-me-lo-infilo-da-sola” al grido di «Il corpo è mio e lo gestisco io» (Ecco noi, per esempio...); l’epoca delle rivendicazioni. “La Raffa” quale icona queer sulle note di A far l’amore comincia tu giungerà di lì a poco: qui, in questo 7’’ che esteticamente sfida il maschio pre-Gucci e pre-pubblicitario che non deve chiedere mai (l’omicida stupratore di Nude per l’assassino di Andrea Bianchi veste tuta e casco neri da motociclista: è soltanto un esempio, ma a buon intenditor), e che nel testo sembra evocare scenari censori e reazionari (ma non è vero, perché «non mi sento sicura, sicura/sicura mai [...] ma ritornare, ritornare perché/quando ho deciso che facevo da me»), Raffaella Carrà viola l’immaginario comune e lusinga il politicamente scorretto. Mentre la commedia si avvia alla licenziosità mammaria e pelosa che ben conosciamo, appagando dunque il maschilismo imperante (cioè un paradosso dentro il paradosso, in un momento storico di esigenze di gender), si tratta di materia di studio per Linda Ruth Williams. Nella carriera dell’ormai settantacinquenne bolognese Raffaella Maria Roberta Pelloni c’è qualcosa in più di ciò che chiunque, grandi e piccini, conosce (no, non sono i suoi film): c’è un lavoro sullo stile e sull’offerta che va al di là dell’abito e si afferma come segno della cultura del visuale. Vedi anche la copertina del 45 giri di Forte forte forte, con foulard nero brillantinato. Basta guardarla. Altro che fagioli. Raffaella Carrà non è un simbolo, non è un’immagine votiva, e ne ho discusso al convegno Corpi politici e politica dei corpi tra cinema e media in Italia - Intorno e oltre il ’68 a Torino, nel gennaio di quest’anno: è un sentimento (pop) in grado quando serve di “recidersi” dalla realtà per intercettarne di petto le istanze più urgenti. Il suo dialogo diretto con la massa (ancora lontano dal sublime turbinio ipnotico di Bonolis) è prima di tutto un contraddittorio con il tempo e la società, dove a parlare è una donna che sa cosa dimostrare. Quella di Raffaella Carrà non è alta moda, non lo è per fortuna mai stata. Bas couture.

Sta arrivando un bastimento

Andrea Segre, Gianfranco Rosi, Abderrahmane Sissako, Jonas Carpignano e Daniele Gaglianone. Abbiamo raccolto in uno speciale le voci dei cineasti che maggiormente si sono occpuati del tema delle migrazioni, mescolando racconti ed esperienze ma soprattutto inseguendo sguardi che non fossero necessariamente (solo) i loro, ma di chi parte. Oltre alle interviste, 17 recensioni di film che nel corso degli anni hanno raccontato i viaggi più diversi, con lucidità e urgenza. Numeri, percezioni, fatti ma soprattutto storie, quelle che era necessario raccontare attraverso il cinema.

News
18 Luglio 2018

Riuscire a seguire il mercato dei remake è diventata un'impresa sempre più internazionale e sempre più da cercatori d'oro del Klondike. Non è più necessario che il film da rifare sia un classico...

News
18 Luglio 2018

Un professore universitario inglese – Nathan Abrams, docente di cinema presso la Bangor University in Galles – ha comunicato al The Guardian di avere...

Articolo - Intervista
18 Luglio 2018

Girato a Lampedusa seguendo un gruppo di abitanti e le persone che soccorrono i migranti, Fuocoammare ha vinto l'Orso d'oro al Festival di Berlino 2016

Articolo - Intervista
18 Luglio 2018

Come può il cinema raccontare l’integrazione fra popoli? Ne parliamo con un regista che affronta spesso questo tema

Articolo - Intervista
18 Luglio 2018

Dopo Io sono Li, presentato con successi alla Mostra di Venezia 2011, Andrea Segre ha portato (letteralmente) in tour per l’Italia il suo Mare chiuso, documentario doloroso e...

Articolo - Intervista
18 Luglio 2018

Ospite d’onore al festival del cinema africano, d’Asia e America latina, giurato a Cannes 68, artefice di una delle pellicole più importanti della stagione, Timbuktu, l’autore mauritano...

Articolo - Intervista
18 Luglio 2018

Dialogo su un film importante, A Ciambra: ovvero un’opera che usa gli strumenti del cinema del reale per produrre un romanzo criminale...

Articolo - Intervista
18 Luglio 2018

Consigliamo oggi più che mai di vedere o rivedere La mia classe, il film con il quale Daniele Gaglianone racconta un corso di italiano per migranti, con Valerio Mastandrea nei panni di...

News
17 Luglio 2018

Denis Villeneuve è finalmente riuscito a mettere le mani sul film dei suoi sogni: un nuovo adattamento di ...

News
17 Luglio 2018

Facce/Guerre/Mutamenti. Proprio così. Un percorso a ostacoli tra le immagini, in uno scenario, la cittadina di Specchia, con il castello di Corigliano d'Otranto, dove il Salento s'inebria di...

Pagine

La Newsletter di FilmTv

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy