Filippo Mazzarella

Filippo Mazzarella

Filippo Mazzarella (1967) va al cinema da circa 49 anni e da almeno venti macina una media di due film al giorno senza sapere perché né tantomeno capendo esattamente cosa vede. Allo stesso modo, possiede 12.000 dischi che non ha mai ascoltato e 40.000 albi a fumetti che non ha mai letto. Nonostante il vizio del millantato credito, oltre che a FilmTV collabora anche a Corriere della Sera – ViviMilano, alle riviste Ciak e SegnoCinema e al prestigioso Dizionario Mereghetti. Direttore artistico di Cartoomics e consulente di Asti Film Festival, nel tempo libero vorrebbe completare la sua collezione di giocattoli vintage di Star Wars. Ma non ne ha, di tempo libero.
Profilo Facebook

Mulholland Drive - FilmTv n° 16/2021

Si sta parlando pochissimo (o forse sono io che non leggo abbastanza) del fatto che, perlomeno da noi, è la prima volta in assoluto che - con l’eccezione della brevissima tenitura di Il processo ai Chicago 7 - nessuno degli otto titoli (sempre meno: vedrete che a breve...

Mulholland Drive - FilmTv n° 13/2021

Non avevo mai digitato su Google “parental control”: è stato divertente. Una marea di pagine dedicate alla presunta protezione dei diritti dei minori e alla salvaguardia delle esigenze delle famiglie con bimbi e/o adolescenti; tutorial su come installare programmi...

Cinerama Piattaforma - FilmTv n° 12/2021

Senza voler tornare su genesi e motivazioni (vedi n. 11/2021), sconcerta un po’ che molti vedano nell’affaire (cioè nella sua attivazione dal basso del fandom) chissà quale precedente, preconizzando sollevazioni internazional-popolari per qualunque altra opera rimaneggiata (sai che...

Cinerama Piattaforma - FilmTv n° 11/2021

Nella moderna Mumbai, la giovane Kamala, in fuga da sempre da un destino di sposa-bambina, vive con il nonno e la sorellina Tara, vende fiori agli angoli delle strade, si esibisce per necessità e all’insaputa dei famigliari in un locale notturno e s’innamora del giovane musulmano Salim mentre...

Mulholland Drive - FilmTv n° 11/2021

Da quando ero bambino, per l’esattezza dal 1977 (avevo 10 anni, ora ne ho 54), grazie a un proiezionista “complice” di un cinema di Milano che non esiste più, ho conservato (dire “collezionato” è inadeguato, l’unico criterio è stata più o meno la madeleine o il puro piacere grafico) tanti...

Servizio - FilmTv n° 11/2021

Il 6 marzo si è concluso il 71° Festival di Sanremo: è tempo di tirare le somme e di darsi ai bilanci, per capire cosa ha funzionato e cosa no di questa edizione ai tempi del Covid-19.

Mulholland Drive - FilmTv n° 09/2021

Il ghiaccio e il deserto sono quasi sempre bellissimi da vedere e ascoltare, nei film. Siano quelli di Hoth e Tatooine nella saga di Star Wars, siano quelli di L’arciere di ghiaccio di Nils Gaup (qualcuno se lo ricorda? È il più grande ice movie -...

Mulholland Drive - FilmTv n° 07/2021

Nella mia vita precedente, nel vecchio mondo, venivo pagato (poco) anche per recensire i film in uscita nelle sale cittadine sul supplemento settimanale milanese - ora in animazione sospesa - del maggior quotidiano d’Italia. C’erano da fare alcune cose: coprire le novità, ovviamente; andare...

Mulholland Drive - FilmTv n° 05/2021

«Benvenuto in questa dolce, accogliente, non troppo grande ma seducente cittadina del New England...». Queste parole non vi diranno nulla, a meno che non siate dei disneyani compulsivi (e un po’ masochisti): sono l’incipit della canzone che apre Lilli e il Vagabondo II - Il cucciolo ribelle...

Mulholland Drive - FilmTv n° 03/2021

Per esempio. Wonder Woman: 1984. Io l’ho visto, inutile girarci intorno. E anche molti miei colleghi o semplici conoscenti che hanno preferito l’opzione veloce, peraltro stanchissimi di dedicare a un film una volta e mezza il tempo di durata (cioè: un’ora per compulsare una home alla...

Mulholland Drive - FilmTv n° 01/2021

Limitiamoci ai film italiani “di Natale” usciti sulle piattaforme: belli o meno (meno...) e già in qualche caso istintivamente concepiti nel ritmo, struttura e composizione del quadro per superfici “ridotte” (e anche di ciò dovremo iniziare a tener conto: per quanti pollici uno abbia in...

Il Sassolino - FilmTv n° 01/2021

Iniziamo dall’inevitabile obiezione finale: «…E allora la terza trilogia?». Tenete a mente, ci torniamo. The Mandalorian (vedi recensione sul Film Tv n. 52/2020) è certo un’operazione interessante: rilegge, rilancia, ricuce, rigenera, rievoca. Tutto sotto l’egida di un...

Mulholland Drive - FilmTv n° 51/2020

Fine anno, tempo di classifiche e bilanci. Sappiamo bene come il 2020 sia stato - ahinoi - “particolare” e vale la pena soffermarsi su alcune delle cose che ci ha insegnato. Per esempio, che una volta in Italia uscivano al cinema circa 500 film all’anno di cui neanche un terzo...

Servizio - FilmTv n° 50/2020

THE COMPLETE 1969 RECORDINGS KING CRIMSON, DGM, DA €153
Dopo una serie infinita di ristampe, protrattasi negli anni per regalare nuove esperienze di ascolto del capolavoro In the Court of the Crimson King, arriva l’orgia definitiva, con la raccolta di tutte le...

Mulholland Drive - FilmTv n° 49/2020

Riapro per caso Tempo di uccidere di Ennio Flaiano, e mi metto a cercare le mie sottolineature di gioventù (a matita, come un tempo si usava). Per un nutrito numero di pagine non ne trovo nemmeno una, poi per caso mi cade l’occhio su tre righe in cui il segno della grafite è calcato...

Cinerama Piattaforma - FilmTv n° 47/2020

Il protagonista di The Head Hunter è un cacciatore di mostri: un po’ perché è il suo “mestiere” (un corno/sirena che risuona nel nulla lo chiama a un “dovere” sporadicamente operaio), un po’ perché una delle creature che non è riuscito a sconfiggere gli ha ucciso la figlia e la sua...

Mulholland Drive - FilmTv n° 47/2020

Confusi e infelici. L’ormai famigerato Mulan esce in Blu-ray e dvd (quest’ultimo formato anche in allegato a “TV Sorrisi e canzoni”, a un prezzo inferiore di quello a cui lo si trova su Amazon, dove è diventato disponibile pure su Prime Video Store che lo noleggia a meno di quanto...

Mulholland Drive - FilmTv n° 45/2020

Il “piano B”, per affrontare l’imprevisto. Tutti ne dovremmo avere uno, ché nella vita, si sa, non c’è niente che dura. Certo, se gli eventi con cui confrontarsi sono la malattia o la morte è noto che si possa fare ben poco; ma a tutto il resto, come ci dicevano i nonni, c’è...

Mulholland Drive - FilmTv n° 43/2020

Forse l’ho già scritto da qualche parte, probabilmente proprio qui. La prima volta che ho visto Au hasard Balthazar è stato su un vecchio televisore Mivar da 15” che avevo in cameretta. Questo non mi ha impedito di rimanere astratto dal mondo per 95 minuti al termine dei quali avevo...

Mulholland Drive - FilmTv n° 41/2020

Anni e anni a sostenere (magari non a torto) che lo strapotere di Hollywood ha progressivamente tolto spazio alla diffusione delle cinematografie altre. Che i blockbuster soffocavano il prodotto nostrano. Che il futuro sarebbe stato dei multiplex a 200 schermi di avidi esercenti lieti...

Cinerama - FilmTv n° 39/2020

Gli anni 80 di Lacci film stanno agli anni 60 di Lacci romanzo come più o meno l’età anagrafica di Luchetti a quella di Starnone. L’operazione di aggiornamento/aderenza autoriale (?) è quindi legittima, sia che si tratti di una traslazione intima e/o...

Mulholland Drive - FilmTv n° 39/2020

Quindi, ricapitolando. Mentre Mulan ha dato risultati superiori alle aspettative (incremento di abbonati alla piattaforma e introiti VOD a Disney+ per centinaia di milioni di dollari, pare), il flop relativo nelle sale di Tenet su cui erano...

Mulholland Drive - FilmTv n° 37/2020

Come già saprete (e se non lo sapete conviene che vi informiate altrove prima di proseguire perché non basterebbero tre pagine per riassumere tutto), l’Academy ha definito nuove regole in nome dell’inclusività per quel che concerne le caratteristiche che dal 2024 dovrà possedere ogni...

Mulholland Drive - FilmTv n° 35/2020

Si parla di frontloading, al cinema (ormai anche da noi), quando il pubblico potenziale di un film si riversa nelle sale compatto per vederlo durante il suo weekend di apertura generando incassi cospicui ma che poi paradossalmente potrebbero non...

Mulholland Drive - FilmTv n° 33/2020

Una regola aurea per ogni bene che non sia di prima necessità: «Il prezzo lo fa chi vende, i soldi li amministra chi compra». Vale per il collezionismo, per esempio. E per lo spettacolo? Vale. Assolutamente. Poi lo so anch’io che 90 euro per il parterre di Nick Cave ad Assago sarebbero stati...

Mulholland Drive - FilmTv n° 31/2020

L’algoritmo. Concetto matematico (e semiotico): per farla breve, sennò mi va via tutto lo spazio, un metodo per sviluppare un modello scientifico su basi di calcolabilità. Gli algoritmi si usano per risolvere il cubo di Rubik, per dire: o anche, in letteratura, per determinare schemi narrativi...

Mulholland Drive - FilmTv n° 29/2020

Conti da bar. Stando a Wikipedia (eh, vabbe’), ad aprile 2020 Netflix avrebbe superato i 180.000.000 (lo scrivo in cifre che fa più paura) di abbonati nel mondo. Probabilmente mentre sto scrivendo sarà più vicina ai duecento milioni (lo scrivo così, così fa meno paura). Il che significa che per...

Mulholland Drive - FilmTv n° 27/2020

Ci sono diverse cose che avrei voluto fare in questo numero. La prima era una lettera aperta ai distributori. Titolo: Perché i film che continuate a buttare in streaming non li avete dati in blocco alle sale che hanno deciso di riaprire lasciandole a rattoppare l’offerta con roba scaduta o...

Servizio - FilmTv n° 27/2020

Lo avevamo lasciato a Triplicate (2017), la ciclopica antologia di cover del...

Mulholland Drive - FilmTv n° 25/2020

Si è parlato molto, per motivi diversi, di due film sgangherati e “brutti”: Da 5 Bloods - Come fratelli di Spike Lee e Artemis Fowl di Kenneth Branagh (vedi Film Tv e n. 24 e 25 / 2020). Vedo già le vostre facce. Il primo è una produzione Netflix, e come tutte...

Pagine

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy