Filippo Mazzarella

Filippo Mazzarella

Filippo Mazzarella (1967) va al cinema da circa 49 anni e da almeno venti macina una media di due film al giorno senza sapere perché né tantomeno capendo esattamente cosa vede. Allo stesso modo, possiede 12.000 dischi che non ha mai ascoltato e 40.000 albi a fumetti che non ha mai letto. Nonostante il vizio del millantato credito, oltre che a FilmTV collabora anche a Corriere della Sera – ViviMilano, alle riviste Ciak e SegnoCinema e al prestigioso Dizionario Mereghetti. Direttore artistico di Cartoomics e consulente di Asti Film Festival, nel tempo libero vorrebbe completare la sua collezione di giocattoli vintage di Star Wars. Ma non ne ha, di tempo libero.
Profilo Facebook

Mulholland Drive - FilmTv n° 41/2020

Anni e anni a sostenere (magari non a torto) che lo strapotere di Hollywood ha progressivamente tolto spazio alla diffusione delle cinematografie altre. Che i blockbuster soffocavano il prodotto nostrano. Che il futuro sarebbe stato dei multiplex a 200 schermi di avidi esercenti lieti...

Cinerama - FilmTv n° 39/2020

Gli anni 80 di Lacci film stanno agli anni 60 di Lacci romanzo come più o meno l’età anagrafica di Luchetti a quella di Starnone. L’operazione di aggiornamento/aderenza autoriale (?) è quindi legittima, sia che si tratti di una traslazione intima e/o...

Mulholland Drive - FilmTv n° 39/2020

Quindi, ricapitolando. Mentre Mulan ha dato risultati superiori alle aspettative (incremento di abbonati alla piattaforma e introiti VOD a Disney+ per centinaia di milioni di dollari, pare), il flop relativo nelle sale di Tenet su cui erano...

Mulholland Drive - FilmTv n° 37/2020

Come già saprete (e se non lo sapete conviene che vi informiate altrove prima di proseguire perché non basterebbero tre pagine per riassumere tutto), l’Academy ha definito nuove regole in nome dell’inclusività per quel che concerne le caratteristiche che dal 2024 dovrà possedere ogni...

Mulholland Drive - FilmTv n° 35/2020

Si parla di frontloading, al cinema (ormai anche da noi), quando il pubblico potenziale di un film si riversa nelle sale compatto per vederlo durante il suo weekend di apertura generando incassi cospicui ma che poi paradossalmente potrebbero non...

Mulholland Drive - FilmTv n° 33/2020

Una regola aurea per ogni bene che non sia di prima necessità: «Il prezzo lo fa chi vende, i soldi li amministra chi compra». Vale per il collezionismo, per esempio. E per lo spettacolo? Vale. Assolutamente. Poi lo so anch’io che 90 euro per il parterre di Nick Cave ad Assago sarebbero stati...

Mulholland Drive - FilmTv n° 31/2020

L’algoritmo. Concetto matematico (e semiotico): per farla breve, sennò mi va via tutto lo spazio, un metodo per sviluppare un modello scientifico su basi di calcolabilità. Gli algoritmi si usano per risolvere il cubo di Rubik, per dire: o anche, in letteratura, per determinare schemi narrativi...

Mulholland Drive - FilmTv n° 29/2020

Conti da bar. Stando a Wikipedia (eh, vabbe’), ad aprile 2020 Netflix avrebbe superato i 180.000.000 (lo scrivo in cifre che fa più paura) di abbonati nel mondo. Probabilmente mentre sto scrivendo sarà più vicina ai duecento milioni (lo scrivo così, così fa meno paura). Il che significa che per...

Mulholland Drive - FilmTv n° 27/2020

Ci sono diverse cose che avrei voluto fare in questo numero. La prima era una lettera aperta ai distributori. Titolo: Perché i film che continuate a buttare in streaming non li avete dati in blocco alle sale che hanno deciso di riaprire lasciandole a rattoppare l’offerta con roba scaduta o...

Servizio - FilmTv n° 27/2020

Lo avevamo lasciato a Triplicate (2017), la ciclopica antologia di cover del...

Mulholland Drive - FilmTv n° 25/2020

Si è parlato molto, per motivi diversi, di due film sgangherati e “brutti”: Da 5 Bloods - Come fratelli di Spike Lee e Artemis Fowl di Kenneth Branagh (vedi Film Tv e n. 24 e 25 / 2020). Vedo già le vostre facce. Il primo è una produzione Netflix, e come tutte...

Mulholland Drive - FilmTv n° 21/2020

Col finale del celeberrimo Il carcerato n. 13 (chi sta pensando «Mmmh... qual è?!» corra su YouTube che tanto è gratis; quelli che se lo ricordano come Saltarello e la forca elastica sono dispensati per anzianità), Buster Keaton introduce nel suo cinema un espediente canonico...

Mulholland Drive - FilmTv n° 19/2020

Ultimamente faccio sogni stranissimi (e non bisogna essere zio Sigmund per capire il perché). Tipo che l’altra notte sogno che ho un cinema nella Fase 3 (nella 2, be’, la vedevo dura anche nella fantasia). Una saletta, niente di che. 300 posti. Sono lì col mio bel protocollo che dice «una fila...

Mulholland Drive - FilmTv n° 17/2020

Due sere fa ho cercato di rivedere Zootropolis. Voi capirete. Gli inediti delle piattaforme nella maggior parte dei casi mi deprimono, i titoli importanti usciti dritti in streaming li ho già visti quasi tutti, non ho più Sky da tre anni (e vivo benissimo) e quello che passa nei...

Mulholland Drive - FilmTv n° 15/2020

Sembra sia già arrivato il momento di tirare alcune somme. Nel senso. La distribuzione si è ormai fermata a livello mondiale: il nuovo 007, No Time to Die, già pronto, ha aperto le danze più di un mese fa annunciando il rinvio dell’uscita a novembre. Il Mulan live action della...

Punti di vista - FilmTv n° 14/2020

[09:36, 31/3/2020] Emanuele Sacchi
Anche se fosse stata registrata nel 2013, come dicono, la canzone ora assume un significato diverso. È come se spostasse l’asse dell’inizio della fine universalmente riconosciuto, il 1969, a sei anni prima. Non più Manson e...

Mulholland Drive - FilmTv n° 13/2020

Prendiamo Hegel, per esempio, che è sempre un bel rifugiarsi, perdersi, interrogarsi. Per la precisione, l’idea dello spirito di sistema: ovvero la condizione per cui si presume che una parte sia comprensibile solo a patto di partire dal tutto a cui attiene. Secondo Hegel, ogni...

Servizio - FilmTv n° 11/2020

il consiglio di PEDRO ARMOCIDA
Bertolucci secondo il cinema di Gianni Amelio (su RaiPlay), che ruba - parole sue - il cinema di Bertolucci sull’incredibile set di Novecento. La suadente voce off di Bernardo (che il 16...

Mulholland Drive - FilmTv n° 09/2020

Diciamoci la verità. Tutte le volte che il cinema ha provato a immaginare seriamente un possibile scenario futuro tecnologico/avveniristico, non è che ci abbia mai preso troppo. Certo, il 2001 di Kubrick sembrava davvero un 2001 possibile: poi il 2001 è arrivato e l’...

Mulholland Drive - FilmTv n° 07/2020

Allora. Parasite è un film straordinario, soprattutto in senso puramente etimologico. È uno di quegli ormai rari film-mondo in grado di creare un sistema universale a sé (di segni, luoghi, significati) e di catturare il plauso di qualunque pubblico a qualsiasi latitudine con la sola e...

Mulholland Drive - FilmTv n° 05/2020

Piano sequenza (andrebbe scritto staccato): un’inquadratura unica, generalmente lunga, senza stacchi, in unità di tempo, che sfrutta la molteplicità dei piani interna al quadro e che da sola ha valenza narrativa di un’intera scena, normalmente ottenuta al cinema mediante il montaggio....

Mulholland Drive - FilmTv n° 03/2020

E dunque, il tema forte degli Oscar di quest’anno sembra essere ancora una volta l’ipocrisia dell’Academy che finge di cavalcare il politicamente corretto e la giustezza delle posizioni solo quando non può esimersi dal prenderne atto in quanto fenomeno mediatico per poi tornare placidamente nel...

Servizio - FilmTv n° 02/2020

Scegliete il lato chiaro o il lato oscuro? Quattro firme di Film Tv danno altrettante chiavi di lettura dell’ultimo capitolo di Star Wars, l’ascesa di Skywalker: in ogni caso, concentratevi.

Muzik - FilmTv n° 01/2020

Dieci album per ricordare un anno intero. Dieci lavori che rispecchiano alcune tra le forme più sincere della musica pop odierna - dalla maturità di Lana Del Rey, nel suo album più bello, all’incredibile ascesa della diciottenne Billie Eilish, già voce di milioni di coetanei -, offrendo anche...

Mulholland Drive - FilmTv n° 01/2020

Ogni tanto, in quest’epoca in cui sono tantissimi i film che scivolano, corrono, fuggono e si perdono nella memoria nel momento stesso in cui li si sta vedendo, ci sono ancora film che lavorano dentro. Non sono quasi mai dei bei film. I bei film seguono altri percorsi...

Muzik - FilmTv n° 53/2019

  • BASTASSE IL CIELO PACIFICO, PONDEROSA MUSIC RECORDS
    Gino De Crescenzo coltiva la sua canzone chiaroscurale con un’attenzione sovrumana al peso di ogni singola parola. Per chi cerca una scrittura d’autore “tradizionale“ il livello è altissimo, tra piccole...

Mulholland Drive - FilmTv n° 52/2019

Siccome per Natale volevo regalarmi un nuovo televisore (si chiamano ancora così?) per sostituire il mio vecchio HD 2K, e poiché un conto è comprare sui siti di e-commerce beni che non possono presentare sorprese di sorta e un conto è verificare di persona le caratteristiche di un...

Mulholland Drive - FilmTv n° 50/2019

Il recente (e orrido) Frozen II - Il segreto di Arendelle è un cartoon digitale classico. All’alba del secondo decennio del secondo millennio si doveva arrivare a questo; e ci siamo arrivati. A definire ciò che vent’anni fa rappresentava il massimo grado di avanguardia...

Mulholland Drive - FilmTv n° 48/2019

Il 5 dicembre 2019 uscirà Il paradiso probabilmente, quarto lungometraggio in 23 anni (!) del palestinese Elia Suleiman, a distanza di ben un decennio dal suo precedente Il tempo che ci rimane. Nato poverissimo a Nazareth ma vissuto a Gerusalemme,...

Mulholland Drive - FilmTv n° 46/2019

Sarà che nessuno di noi guarda ancora (o che nessuno di noi ammette di guardare ancora) la cosiddetta tv generalista; sarà che quando si tratta di dietrologia noi che facciamo questo strano mestiere non siamo secondi quasi a nessuno. Sarà. Fatto sta che abbiamo imparato a non fare più caso (e a...

Pagine

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy