Home

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che Il testimone è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 17:05.

Film d’autore e commedia demenziale, eros e kung-fu: storia di un lembo di terra diventato ponte culturale tra due universi, galleria di imprescindibili cineasti e interpreti Hongkonghesi.

Siamo di parte, ma per Film Tv la chiusura di Rai Movie è un duro colpo, sia in termini di contenuto che di persone che in questa impresa ci hanno messo l'anima e soprattutto il cuore.

Su FilmTv n° 17, in occasione della pubblicazione del libro La spada del destino , Mauro Gervasini dedica una Lost Highway alla storia dei samurai nel mondo del cinema. Accompagna l'articolo una filmografia di Emanuele Sacchi, consultabile nella sezione Liste. Di uno dei dieci film della lista vi proponiamo la locandina di Emanuela Martini.

È cominciata anche in Italia l'ottava stagione di Il trono di spade , che sarà l'ultima. La settima stagione, se vi ricordate, ci aveva diviso: qui trovate il Perché no di Fiaba Di Martino.

Il 24 aprile è la data in cui usciranno in Francia dvd e bluray di High Life di Claire Denis, con Robert Pattinson e Juliette Binoche. Ancora non è prevista un'uscita nelle sale italiane, ma per l'occasione rispolveriamo la recensione di un altro film invisibile della stessa regista.

La citazione

«E questo è quanto (Casinò - Martin Scorsese)»

cinerama
8590
servizi
3060
cineteca
2790
opinionisti
1889
locandine
1024
serialminds
811
scanners
487
In edicola: Martedì, 23 Aprile, 2019

Speciale Avengers: Endgame, interviste ai registi Michel Ocelot e Denys Arcand, Lost Highway sui samurai al cinema, i migliori film italiani: Bellissima, analisi sul rapporto tra cinema e lavoro, Scanners di Un couteau dans le coeur, Serial Minds di Miracle Workers, locandina di Achtung! Banditi! di Carlo Lizzani e tanto, tanto altro.

Acquista il numero
o accedi agli articoli digitali

Editoriale


Giovani, carini e... spettatori!

Che cosa ci piacerebbe facessero i nostri figli quando non giocano alla Playstation, guardano video su YouTube o bighellonano in chat? Magari, che leggessero un buon libro (persino un fumetto, che, invece, un tempo era indizio conclamato di debolezza mentale...) o che andassero al cinema. Quest’ultima abitudine, che a tanti di noi ha letteralmente salvato la vita, per loro è molto meno attraente oggi. A parte, forse, qualche blockbuster comandato, i cartoon globali e gli horror liofilizzati Usa che sono spesso gli unici a mettere in scena come protagonisti giovanissimi e adolescenti. Però, se scorriamo gli incassi di questo periodo, troviamo due film che quel pubblico l’hanno richiamato al cinema eccome! After ha raggranellato quasi 3.5 milioni di euro in pochi giorni, un esordio col botto, mentre A un metro da te, dopo tre settimane di programmazione, sfiora i 5 milioni. Anche se piuttosto diversi tra loro, attingono al medesimo bacino di spettatori (i teen, dai 13-14 anni, fino agli young adult, i “giovani adulti”, che d’un soffio, come new adult, arrivano ai 25/30, in generale più ragazze che ragazzi). After è, in formula algebrico-produttiva, Twilight + Cinquanta sfumature, il brivido della prima volta (super glamour) della ragazzina torta di mele e salopette con il bello e dannato della scuola, ghirigori di schiuma sulla schiena di lei, anziché le scudisciate sul culetto con parola di sicurezza di mr. Grey. La fanfiction che si fece romanzo miliardario e ora film (modestissimo, ma furbissimo) anticipa anagraficamente il meccanismo acchiappa-gonzi della letteratura rosa piccante (nel frattempo sdoganata pure per la terza età da Book Club - Tutto può succedere, con le carampane dell’ex new Hollywood ora old che spasimano sulle pagine di EL James). A un metro da te, invece, pesca in un laghetto poco distante, magari alimentato dalle copiose lacrime versate su storie costruite sempre sul medesimo ordito (adolescente malato/a, meglio se di una malattia strana, invalidante sul piano dei rapporti sociali e oltre, una storia d’amore che scavalca l’handicap, genitori e adulti spesso antagonisti), in genere un bestseller alle spalle, ma non necessariamente, perfette anche come galateo sentimentale per le nuove generazioni (amore platonico, poco o niente sesso). Tu chiamali, se proprio vuoi, teen weepie (“strappalacrime”), e prepara i fazzoletti. Da Colpa delle stelle a Il sole a mezzanotte, passando per Noi siamo tutto (con il nostro Bianca come il latte rossa come il sangue quale apripista in tempi non sospetti), ogni anno ne esce almeno uno in grado di calamitare quei target giovani(ssimi) altrimenti refrattari alla sala. Manca solo che se ne accorga qualche produttore italiano.

Sordi in chicche

Uno speciale on line dedicato ad Alberto Sordi per accompagnare il numero della rivista in edicola con la copertina disegnata da Sergio Ponchione e ispirata a Un americano a Roma. Il film di Steno è uno dei 14 interpretati da Albertone in esclusiva digitale su Chili, la maggior parte dei quali - da Il vento m'ha cantato una canzone a I tre aquilotti - autentiche chicche poco conosciute anche agli appassionati di vecchia data. Abbiamo recuperato le cose scritte negli anni su Film Tv sulle opere con Sordi per riproporle in una nuova impaginazione appositamente pensata per il web. Buona lettura!

News
25 Aprile 2019

L'Universo cinematografico condiviso che ci meriteremmo
Belli gli Avengers e bella la Marvel. Endgame lo vedrà tutto il mondo tre volte e saranno tutti...

Articolo - Cineteca
25 Aprile 2019

«Se io posso cambiare, se voi potete cambiare, allora anche tutto il mondo può cambiare». Chi all’epoca non cambiava mai era il nostro Gatto Sylvester, che ci metteva sempre lo zampino quando si...

Articolo - Locandina
25 Aprile 2019

«l pregi del film, così obiettivo e sobrio, sono morali, prima di tutto. E poi sono artistici in senso stretto, giacché la perquisizione del casamento da parte delle SS e l'uccisione della donna...

News
24 Aprile 2019

La Quinzaine des réalisateurs se ne frega
Mesi. Ormai anni di battibecchi, incomprensioni, polemiche, avvocati divorzisti, veleno sui media, e nonostante tutto la faida tra...

Articolo - Locandina
24 Aprile 2019

Tema: parlaci ancora di Casablanca. Svolgimento: no, grazie, basta. Dopo l'omaggio, il plagio e la parodia, è meglio il silenzio. Ma passare sotto silenzio Michael Curtiz sarebbe peccato...

Articolo - Cineteca
24 Aprile 2019

Estate del 1963: la famiglia Houseman trascorre le vacanze in un villaggio turistico tra le montagne. La giovane Baby stringe amicizia con gli istruttori di danza, Penny e Johnny. Quando la prima...

Articolo - Locandina
24 Aprile 2019

Aldo Lado aveva firmato nel 1974 la regia del film erotico La cugina, tratto dal romanzo omonimo di Ercole Patti, con Massimo Ranieri e Dayle Haddon, un notevole successo. Dal quale...

News
23 Aprile 2019

Un meritato riconoscimento
Con questa storia, Claire Denis...

Lista
23 Aprile 2019

Filmografia guerriera

Articolo - Servizio
22 Aprile 2019

Una panoramica degli eventi salienti dell'ottava edizione del "Festival della paura tra cinema e letteratura"

Pagine

La Newsletter di FilmTv

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy