Home

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che Estasi è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 05:00.

Nello stesso giorno, il 12 aprile, partono negli Usa la terza stagione di Killing Eve e la prima della nuova serie in cui è coinvolta Phoebe Waller-Bridge: Run . Quando arriveranno da noi? Nell'attesa, riproponiamo la recensione della seconda stagione della serie incentrata sul rapporto di odio-amore tra Villanelle e Eve Polastri.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

Un ricordo di Emir Kusturica e di un equivoco lungo un festival e oltre.

La citazione

«You Cannot Be Serious! (John McEnroe)»

scelta da
Rinaldo Censi

cinerama
9212
servizi
3648
cineteca
3122
opinionisti
2157
locandine
1080
serialminds
962
scanners
508
In edicola: Martedì, 26 Maggio, 2020

Intervista alla regista di Magari, Ginevra Elkann, analisi su Clint Eastwood, Speciale Boris: Serial graffiti e intervista agli autori, Lost Highway su Michel Piccoli, guida e segnalazioni di contenuti in streaming, locandina di Boris: Il film di Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre e Luca Vendruscolo e tanto, tanto altro.

Acquista il numero
o accedi agli articoli digitali

Editoriale


Tutto aperto come?

Decreto Rilancio pubblicato in “Gazzetta ufficiale” il 19 maggio 2020 dopo la firma del presidente della Repubblica, allegato 9, titolo Spettacoli dal vivo e cinema, sintesi: lunedì 15 giugno 2020 possono riaprire le sale, salvo diverse indicazioni delle singole regioni. Seguono 13 commi che dettano le linee guida del protocollo, ovvero gli obblighi degli esercenti per poter riaprire. Si va dal mantenimento del distanziamento interpersonale alla comunicazione agli utenti delle misure di sicurezza. Un protocollo atteso, senza voci sorprendenti, alcune più vaghe di altre, non così facilmente ottemperabile da tutti gli esercenti, perché una sala da 600 posti riesce più di una da 200 a distanziare all’interno il proprio pubblico. La comunicazione del presidente del Consiglio di sabato 16 maggio, durante la quale ha appunto annunciato la riapertura dei cinema il 15 giugno, è stata una sorpresa. Una fonte del MiBACT ci aveva confessato solo il giorno prima che al ministero si ragionava per una riapertura al 27 agosto, in contemporanea con la partenza della nuova stagione cinematografica, pochi giorni prima dell’inizio della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia (2 settembre 2020), mentre durante l’estate sarebbero state realizzabili solo proiezioni all’aperto (dove si corrono meno rischi di contagio, tra l’altro quello dell’aerazione “naturale” delle sale è un grosso problema). L’indicazione della presidenza del Consiglio suona un po’ come «non è più vietato riaprire ma decidete voi», un liberi tutti che segue la logica del laissez-faire delle più recenti decisioni in campo economico. Si riparte quindi: impauriti, incerti e con almeno due incognite enormi. Con cosa si riparte? Vale a dire: quali film potrebbero essere programmati da giugno a settembre, mancando anche i blockbuster che permettevano ai multiplex di affrontare la calma piatta della programmazione estiva? E poi: con quale pubblico? Chi avrà voglia di chiudersi in sala in questa fase che sarà pure la numero 2 ma in certe regioni (tipo la Lombardia) presenta ancora i rischi della 1? Non era meglio puntare davvero solo sulle arene estive (abbandonata la pittoresca idea dei drive in) per consentire di riallacciare il rapporto con il pubblico, in attesa della ripartenza autunnale? Sappiamo che molti operatori, soprattutto quelli della galassia d’essai, non riapriranno a giugno. E purtroppo sappiamo anche di monosale che non riapriranno proprio, schiacciate dalle difficoltà economiche e da quelle organizzative. Uno scenario di fronte al quale non resta che incrociare le dita.

L'altra Hollywood

L'ultima creazione per Netflix del prolifico autore Ryan Murphy racconta l'industria del cinema del dopoguerra e immagina di riscriverne la storia. Una miniserie che non può (e non vuole) lasciare indifferenti, e infatti ecco l'opinione di cinque firme di Film Tv: una recensione, un editoriale e tre punti di vista.

Piombo, sangue & rock'n'roll

Poco noto in Italia, S. Craig Zahler è autore di western, horror e noir decisamente originali. I suoi due ultimi film, Cell Block 99 - Nessuno può fermarmi, e Dragged Across Concrete - Poliziotti al limite, sono disponibili rispettivamente su Netflix e Sky GO, mentre il suo esordio Bone Tomahawk con Kurt Russell si può trovare su Prime Video. Un'occasione per scoprire il cinema eccentrico di un personaggio sfaccettato (anche musicista heavy metal alla Rob Zombie e scrittore) e decisamente non conforme. Nostra intervista esclusiva e approfondimenti sui film.

News
29 Maggio 2020

A partire da Film Tv n° 22, in edicola e online dal 2 giugno, i programmi televisivi che compongono il palinsesto cominceranno dal sabato per terminare il venerdi, diversamente da quanto sempre...

News
29 Maggio 2020

Fuori(le)Serie #048

Steve Carell è stato promosso, da direttore generale di una filiale della Dunder Mifflin a generale (e basta) a capo della Space Force...

Articolo - Intervista
27 Maggio 2020

Da qualche settimana, nella trasmissione The Soup of the Day del mercoledì, Fred Radio ospita uno spazio dedicato a Film Tv, riflessioni sul cinema partendo dagli argomenti del giornale...

News
26 Maggio 2020

Altro che spritz. La vera movida è quella dei quarantenni che convincono la prole a restare a casa per guardare tutti insieme Figli, efficace strumento cinematografico...

Articolo - Punti di vista
25 Maggio 2020

Si fa un gran parlare di utopie e di ucronie. E di riscrittura di un finale, quando questo ci ha amareggiato e rattristato, con il suo carico di ingiustizie. È stato così per Avengers:...

Articolo - Punti di vista
25 Maggio 2020

È impossibile, addentrandosi nella Hollywood di Ryan Murphy, non percepire il disagio crescente di scoprirsi spettatori, più che di una lettera d’amore allo studio system, di una verbosa...

Articolo - Punti di vista
25 Maggio 2020

Basterebbe guardare gli opening credit di Hollywood per scoprirne sintomaticamente la missione ideologica: gli attori e autori dell’immaginario film Meg - quello che...

Articolo - Editoriale
25 Maggio 2020

In Hollywood, la seconda serie (dopo The Politician) partorita dal miliardario contratto di Ryan Murphy con Netflix, si...

Articolo - Serial Minds Piattaforma
25 Maggio 2020

Payton Hobart ha una certezza: vuole diventare presidente degli Stati Uniti. Gli adulti fanno spallucce, consapevoli che per quella carica ormai «l’aura di impossibilità» è bella che andata, e...

Articolo - Serial Minds Piattaforma
25 Maggio 2020

«Vuoi dire che per tutto questo tempo avremmo potuto essere amiche?». Se lo chiedevano, come un’epifania, Bette Davis e Joan Crawford nella puntata finale di Feud, un’altra serie targata...

Pagine

La Newsletter di FilmTv

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy