Home

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Two Lovers è il film da salvare oggi in TV.
Su Paramount Channel alle ore 23:00.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Lui adesso vive ad Atlantide / con un cappello pieno di ricordi / ha la faccia di uno che ha capito / e anche un principio di tristezza in fondo all'anima / nasconde sotto il letto barattoli di birra disperata / e a volte ritiene di essere un eroe. (Francesco De Gregori - Atlantide)»

scelta da
Matteo Bailo

cinerama
8205
cineteca
2981
servizi
2792
opinionisti
1750
locandine
996
serialminds
745
scanners
473
In edicola: Martedì, 16 Ottobre, 2018

Speciale per i 70 anni di Tex, nono appuntamento con la rubrica Mancia competente, Intervista a Stefano Sollima, Lost Highway su Rita Hayworth, I migliori film italiani: Amarcord, Scanners di Eight Grade, Serial Minds di Who Is America?, locandina di 2002: la seconda odissea di Douglas Trumbull e tanto, tanto altro.

Acquista il numero
o accedi agli articoli digitali

Editoriale


Non ci sono più i blockbuster di una volta

Magari ha ragione Filippo Mazzarella (che è bello per una volta citare fin dalla prima pagina, lui che è così abituato ad avere l’ultima pagina e l’ultima parola su Film Tv), quando dice che «The Predator vuole essere un film degli anni 80 e fallisce, Venom vuole essere un film anni 90 e ce la fa». Poi ognuno è libero di pensarla come vuole. Questione di gusti, di inclinazioni, di passioni. Padronissimi, dunque, di salvarne uno o l’altro, o entrambi, o anche magari di rifiutarli in toto. Però, proprio Venom e The Predator, che in Italia escono quasi contemporaneamente, ennesimi blockbuster ormai nel segno di un’eccezionalità definitivamente perduta, rivelano bene in filigrana cosa sono diventati oggi questi benedetti filmoni. Presto detto: macchine elefantiache con a vista le cicatrici mal ricucite di una sequenza infinita di interventi pre, durante e post, frutto - s’immagina - di continue riunioni di executive e consulenti della produzione che tirano il film ora da una parte ora dall’altra, prevedendo o ricercando presunte reazioni del pubblico. Alla fine la coperta non è mai abbastanza lunga. Anzi, in The Predator, è noto, il regista-sceneggiatore Shane Black ha dovuto rigirare l’ultimo terzo su invito della produzione, per correggere il tiro in una direzione meno ironica nei confronti del franchise, con evidenti squilibri di toni e di intreccio in piena vista. A Venom, forse, è andata anche peggio, pur senza interventi ex post ufficiali: non sequitur, personaggi che scompaiono, buchi nella trama. Certo, conta che siano film inscritti in canoni ufficiali, o meglio in franchise definiti da regole d’ingaggio più o meno rigide. Ma, alla fine, quel che racconta Venom (con molte libertà rispetto al personaggio Marvel di partenza) si poteva farlo anche senza scomodare i cinecomix e una property dell’editore americano, e sicuramente un tempo sarebbe stato un film come L’alieno di un Jack Sholder qualunque (per quanto...). Ovvio che in questi ecosistemi complessi e nevrotici, gli spazi di manovra per lo Shane Black di turno (non dico Ruben Fleischer) sono complicati, e sempre pronti a essere rimessi in discussione dalla committenza, soprattutto quando si profilano all’orizzonte possibili divieti ai minori. Finisce, allora, paradossalmente, che il blockbuster, da sempre genere dell’ecumenismo spettatoriale, si trasforma in una somma di tanti particolari “ma”, “però” e “se”, decisi a monte nella foga di auscultare in anticipo i gusti del pubblico. E, viceversa, film che potrebbero (e dovrebbero) non essere blockbuster, devono diventarlo per forza.

L'opera-vita di un cineasta unico

Tredicesima edizione della Festa del cinema di Roma, dal 18 al 28 ottobre, come sempre all’Auditorium Parco della Musica della Capitale. Evento centrale, la consegna del premio alla carriera a Martin Scorsese. Il cineasta di New York, da poco diventato anche cittadino italiano (entrambi i suoi nonni paterni venivano da Polizzi Generosa in provincia di Palermo), introdurrà una rassegna di nove titoli, i suoi preferiti del nostro cinema (si sa per certo che uno è Il posto di Ermanno Olmi). Noi lo omaggiamo con un ampio speciale che tiene conto di una carriera lunghissima, e ovviamente straordinaria.

News
15 Ottobre 2018

Domanda: quali sono gli interpreti maschili il cui talento e carisma viene più grossolanamente sottovalutato da Hollywood? Jeffrey Dean Morgan e David Strathairn...

News
15 Ottobre 2018

Forse, effettivamente, Dwayne Johnson non ne aveva tutto questo bisogno visto che nel prossimo anno e mezzo sarà protagonista di un'altra manciata di film che riempiranno il suo...

News
15 Ottobre 2018

C'è stata una disastrosa slavina fra le vette di Annapurna Pictures: è venuto fuori che l'utopia cinematografica della presidente Megan Ellison, film di qualità a budget medio e...

Articolo - Servizio
15 Ottobre 2018

Nel 2013 Film Tv ripercorse 50 anni di cinema di Martin Scorsese coinvolgendo scrittori e sceneggiatori (Valerio Evangelisti, Massimo Carlotto, Grazia Verasani, Alessandro Piva, Marco Martani) e...

Articolo - Intervista
15 Ottobre 2018

Il cinema del grande cineasta newyorkese dalla A alla Z fino al suo ultimo progetto, coltivato da anni: Silence, con Liam Neeson, Andrew Garfield e Adam Driver. Dalle parole del regista...

Articolo - Servizio
15 Ottobre 2018

American Boy: A Profile of Steven Prince. Il film “perduto”del grande regista newyorkese. E un suo post scriptum...

Articolo - Servizio
15 Ottobre 2018

Il Diavolo, per il quale hanno tutti una certa simpatia, detta la cronistoria del rapporto tra Martin Scorsese e la musica: una riflessione scritta in attesa di Shine a Light con i...

Articolo - Cineteca
15 Ottobre 2018

Seconda regia di Martin Scorsese, “ragazzo di bottega” alla Corman Factory, solo superficialmente può incasellarsi tra i film di genere: risente del clima della New Hollywood e ancora di più...

Articolo - Cineteca
15 Ottobre 2018

Paul Hackett è un anonimo tecnico informatico che vive a New York, single, soddisfatto del proprio lavoro e ben inserito socialmente. Un giorno, in un bar, conosce una ragazza e decide di farle...

Articolo - Cineteca
15 Ottobre 2018

Se su alcune delle pellicole successive (come Gangs of New York o The Departed) rimane il dubbio se si tratti di titoli “minori” o di capolavori mancati, su Quei bravi...

Pagine

La Newsletter di FilmTv

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy