Home

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Adriano Aiello dice che 48 ore è il film da salvare oggi in TV.
Su Paramount Channel alle ore 02:30.

La ricerca di riscatto di un mite toelettatore di cani, la discesa agli inferi di un ex pugile manesco. Il nuovo film del regista di Gomorra torna nella terra di nessuno delle fiabe dark. Premiato come migliore attore al Festival di Cannes il protagonista Marcello Fonte.

Il 18 maggio arriva su Netflix la seconda attesissima stagione di Tredici . Dove eravamo rimasti?

Esiste davvero gente che non ama la musica?

Christophe Honoré quest'anno è al Festival di Cannes con Plaire, aimer et courir vite , in gara anche per la Queer Palm. Vi riproponiamo uno degli Scanners a lui dedicati.

Un saluto a Ermanno Olmi con le parole di Gianni Amelio.

La citazione

«Smettete di pensare che la scienza possa aggiustare tutto se le date 3 miliardi di dollari. (Kurt Vonnegut)»

scelta da
Simone Arcagni

cinerama
7957
servizi
2585
cineteca
2550
opinionisti
1656
locandine
981
serialminds
710
scanners
466
In edicola: Martedì, 26 Giugno, 2018

Lost Highway su Katharine Hepburn, serie tv e identità di genereterzo appuntamento con la rubrica Sopravvivenza critica, realtà virtuale e narrazione, Serial minds di Tokyo Vampire Hotel, locandina di Personal Shopper di Olivier Assayas e tanto, tanto altro.

Acquista il numero
o accedi agli articoli digitali

Editoriale


Ho qualcosa nell'occhio?

Piaccia o non piaccia (e a me piace e non piace) Yorgos Lanthimos è un autore in grado di cogliere lo spirito del tempo. I suoi paradossi. Quando si presenta al pubblico festivaliero nel 2005, con Kinetta (abiurando a My Best Friend, l’esordio in commedia nera, commerciale e co-diretta), le prime parole del film sono già un manifesto, una domanda: «Ho qualcosa nell’occhio?». Che è come chiedersi se c’è o non c’è una cosa che infastidisce la visione. Un oggetto che non permette di cogliere lo stato delle cose. Un moscerino, forse. Un’ideologia, probabilmente. Guardate Il sacrificio del cervo sacro: i protagonisti sono un cardiochirurgo (colui che detiene il potere di operare il cuore, l’interruttore dell’esistere) e la moglie, un’oftalmologa (colei che cura le malattie dell’occhio). Due medici. Due persone il cui mondo è basato sul sapere scientifico. Un sapere specialistico, in cui ognuno è esperto di una materia. Un sistema governato dalla ragione? Apparentemente. Il medico frequenta un giovane: l’ha reso orfano, non è stato in grado di operare suo padre, l’ha ucciso, per irresponsabilità. E allora simula, come tutti i personaggi dei film di Lanthimos, angelo sterminatore della gamification come ideologia, del vuoto di responsabilità dell’uomo sulle cose. E così il medico gioca al come se: come se un orologio in regalo e un paio d’ore di compagnia bastassero a trasformarlo nel padre mancante del giovanotto, come se non fosse responsabile. Come se la colpa fosse dell’anestesista. Come se non fosse successo niente. Come se tutto fosse reversibile. Guardiamoci, ogni giorno. Quanti sono i nostri come se? Dai flussi disperati dei migranti al riscaldamento globale, a voi il censimento. Ma per Lanthimos la cecità ideologica è solo il principio. Perché la realtà negata dal gioco del medico rientra nel mondo sotto forma di contrappasso, e dunque di irrealtà capace di diventare nuova realtà. La commedia (il come se) si fa tragedia irreversibile. Il giovane maledice il dottore e il suo mondo con un incantesimo, costringendolo a una scelta, alla responsabilità: il medico deve sacrificare un membro della propria famiglia, in cambio della morte di suo padre. Sennò moglie e figli moriranno. Inspiegabilmente. Anti-scientificamente. E allora Lanthimos, col suo occhio freddo, con la sua monumentalità parodica e nichilista, ci racconta anche e soprattutto un nuovo protagonista del contemporaneo, così come Thelma di Joachim Trier: l’uomo nuovo che reintroduce il pensiero magico, l’anti-scientifico, l’illogico, e il mondo che non è in grado di respingerlo, il mondo che si piega a lui, al suo potere, al volere del suo narcisismo, e così il cinema. Non è il gioco del come se. Lui ci crede, all’incredibile. È la sua fede. E l’incredibile riesce a farsi mondo, a cambiarne le fondamenta elementari. Parlate con un no vax, per esempio: capirete.

Speciale Cinerama - Cannes 2018

Tutte le recensioni dei film in concorso
#Cannes71

Cannes71-LineUp.jpg

News
25 Giugno 2018

Capisci di avere fra le mani un sequel molto atteso da quasi tutto l'universo cinematografico nel momento in cui ottimi attori dal nome pesante fanno la fila per essere scritturati. Andy...

News
23 Giugno 2018

Continua il curioso processo di fertilizzazione cinematografica dell'Arabia Saudita, dove lo scorso dicembre il cinema è tornato a essere legale dopo 35 anni di...

News
23 Giugno 2018

Da non confondersi con Senza un attimo di tregua – memorabile thriller di fine anni '60 diretto da John Boorman, rifatto 30 anni dopo da Brian Helgeland e Mel Gibson (Payback – La...

News
22 Giugno 2018

Nella nutrita colonna sonora di Baby Driver sembrava non mancare nessuno dei (numerosi) feticci musicali di Edgar Wright – che fra gli addetti ai lavori...

News
21 Giugno 2018

Vecchi come la polvere e con due carriere bizzarre e mai noiose alle spalle, non poteva esserci miglior coppia estemporanea per dare potenziale lustro all'indipendente Emperor...

News
21 Giugno 2018

Precisione e disciplina, a quanto pare, sono due dei segreti del successo di George Clooney. Che dal 2002 a oggi, anno in cui ha debuttato dietro la macchina da presa con ...

News
20 Giugno 2018

Qualche tempo fa John Lasseter – che a metà degli anni '80 era stato fra gli impiegati originali della prima Pixar, crescendo fino ad arrivarne ai vertici...

News
20 Giugno 2018

Un precedente tentativo di adattare Le streghe era stato fatto nel 1990. Una produzione anglo-americana condotta dal creatore dei Muppet Jim Henson diede le chiavi di...

News
19 Giugno 2018

Eurovision è stato il disperato tentativo di dare agli europei qualcosa di inutile su cui litigare per qualche giorno all'anno, sfogando tensioni e odi campanilistici e magari...

Articolo - Telepass: Servizio
19 Giugno 2018

Chi era Anthony Bourdain? Non sappiamo.

Pagine

La Newsletter di FilmTv

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy