Home

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che Allied: Un'ombra nascosta è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 21:00.

Avventure da vedere e rivedere, capolavori dell’animazione e lezioni sul rapporto tra uomo e natura: sono i film dello Studio Ghibli, (quasi) tutti disponibili su Netflix.

È una questione di intesa. Lo sguardo di Jonah Hill su Stevie è simile a quello di Jodie Foster su Fred in Il mio piccolo genio . Entrambi con lo stesso provvisorio smarrimento, la stessa solitudine. Con una differenza: l’attrice, nel suo esordio nella regia, era anche protagonista. Jonah Hill no: si affida anima e corpo al bravissimo protagonista, Sunny Suljic, già sorprendente in Il sacrificio del cervo sacro . E poi ancora strani incroci: Scott Rudin, tra i produttori di Mid90s e anche di Il mio piccolo genio .

Il miglior film hollywoodiano dell’anno l’ha fatto la HBO, naturalmente è una miniserie e non un film, ma della Hollywood perduta (non necessariamente quella classica) riprende l’impostazione e la tradizione di trarre da un bestseller un’opera d’autore colta e insieme popolare, come un tempo erano film quali Ragtime , La scelta di Sophie o Il colore viola .

«Continuare a vivere significa continuare a fare film» dice Máximo Espejo, il regista di Légami! È paralizzato sulla sedia a rotelle, in preda a pulsioni fisiche voraci e inappagabili per la bella protagonista, ma non importa: importa il cinema, che si fa «con il cuore e con i coglioni», e quelli funzionano. Il cinema si deve , anche se non si vede : il cinema si fa anche da ciechi, ed è il caso di Mateo Blanco, che perde la vista e l’amore in un incidente ma torna alla celluloide per ricomporre Gli abbracci spezzati .

Sperimentatore eccentrico con l’umiltà del mestierante o dell’artigiano, Nobuhiko Ôbayashi è divenuto un culto per caso, per la sua instancabile volontà di immaginare, al di fuori da ogni schema. Al nome del regista giapponese in genere viene associato un solo titolo: House (1977). Un caso difficilmente superabile di follia su pellicola, in cui l’immaginazione sale al potere senza che nessun limite - di budget, buon gusto o buon senso - la possa rallentare.

La citazione

«Se una rana avesse le ali non sbatterebbe tante volte il culo per terra (John McCabe)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
10127
servizi
4781
cineteca
3607
opinionisti
2429
serialminds
1230
locandine
1148
scanners
531
In edicola: Martedì, 14 Settembre, 2021

Lost Highway su Frank Capra, intervista al regista di Drive My Car, Ryûsuke Hamaguchi e Lost Highway sul cinema giapponese contemporaneo, Hagai Levi intervistato sulla sua miniserie Scene da un matrimonio, Speciale Venezia 78: la seconda parte delle recensioni, guida e segnalazioni di contenuti in streaming, locandina di Il bandito delle 11 di Jean-Luc Godard e tanto, tanto altro.

Acquista il numero
o accedi agli articoli digitali

Editoriale


In forma

Guardando la tabella dei 400 colpi dalla Mostra del cinema, il Leone d’oro 2021 secondo le firme di Film Tv è, inequivocabilmente, Qui rido io di Mario Martone. Un film che è magnifica parte di un percorso forse comprensibile solo al pubblico italiano, per come è dentro la nostra Storia e il nostro linguaggio popolare: una cosa che sta, ancora una volta, incredibilmente, tra il Rossellini didattico e la fiction storicobiografica delle prime serate di Rai1, un’opera capace di raccontare in dettaglio un’epoca e un mondo, e di farla parlare al nostro presente: le famiglie aperte, il dibattito tra poli ottusi, il distacco tra intellettuali e paese reale, il gioco della reputazione, il diritto d’autore, la nascita di un capo che è comico e politico sono materia attuale, fatta risuonare nella storia, con una lingua accessibile, pulita, popolare, magistrale. In questo senso, un senso prettamente estetico, Martone continua a essere uno degli autori maggiormente politici d’Italia. Ciò detto, proviamo a individuare ed elencare quali sono i film che alla 78ª Mostra di Venezia han presentato forme che muovono i confini del cinema, gli standard da festival, le stanche abitudini. Dei temi, dei fili, dello spirito del tempo parleremo sul prossimo numero. Ne cito due, lontani, e non importa quanto mi siano piaciuti, quanto valgano. Importa che provino a rifondare il cinema, a inventarsi un pubblico non conforme, già soddisfatto. In primis Il buco di Michelangelo Frammartino (vedi Film Tv n. 36), un film tanto puro e semplice da respingere la maggior parte della stampa, un re-enactment storico di impianto documentaristico, di rigore estremo: il regista non vuole protagonisti, non ascolta le loro voci, riduce i simbolismi all’elementarità, e segue la ricerca degli speleologi protagonisti, il loro scendere lentamente nella grotta, come se fosse la stessa missione del cinema (d’altro canto speleologia e cinema sono nati lo stesso anno, il 1895). Un film, insomma, che si spoglia d’ogni cosa, per lasciare allo spettatore, esclusivamente, il fascino primario dell’immagine mai vista. Ecco: il pubblico che Il buco si crea è un pubblico capace di godere della ricerca, interessato a ritornare a guardare, con calma, con cura, a lasciarsi stupire e illuminare da una luce che toglie dal buio eterno una roccia, e tanto basta. Agli antipodi c’è un film come Captain Volkonogov Escaped di Aleksey Chupov e Natasha Merkulova (quell’escaped rimanda, spudoratamente, al condannato a morte di Bresson), sicuramente uno dei film maggiormente arditi della Mostra: un Crank in costume, una distorsione fumettistica della Storia, un videogame action storico con una missione spirituale, la storia di un torturatore dell’Armata rossa in cerca di una persona che lo possa perdonare e fargli guadagnare il Paradiso, una sorta di incrocio tra il parkour e il cosplaying in cerca di redenzione. Questo per dire che un festival non deve cercare solo i bei film: deve anche trovare il cinema possibile.

Articolo - Servizio
16 Settembre 2021

Da Venezia 78, un editoriale esclusivo per filmtv.press: Mariuccia Ciotta sul ricorrere della tortura nei film presentati in Laguna. Quando si dice: la politica del cinema...

Articolo - Servizio
13 Settembre 2021

A Salsomaggiore Terme (Parma) aprono i battenti della 8ª edizione di Mangiacinema: dal 15 al 19 settembre, e poi anche dal 24 al 26, torna la festa del cibo d'autore e del cinema gustoso.

News
11 Settembre 2021

Mentre aspettiamo la cerimonia di premiazione raccogliamo i pronostici di tutti i collaboratori presenti al festival nel nostro TotoLeone 2021.

Per ogni critico trovate il film preferito e...

Articolo - Servizio
9 Settembre 2021

Wong Kar-wai sta per rendere disponibile una scena inedita di In the Mood for Love, ma non lo farà tramite i canali tradizionali.

Articolo - Servizio
2 Settembre 2021

Parla Francesca Annis, l'attrice che interpretava Lady Jessica nel Dune di Lynch, che racconta di come il film fosse spacciato sin dalla prima scena.

Articolo - Servizio
1 Settembre 2021

Dal nostro inviato, una panoramica della manifestazione che si è appena conclusa.

Articolo - Servizio
1 Settembre 2021

Diario del nostro inviato a Concorto, per la XX edizione del festival: una giornata qualunque di una rassegna in grado di presentare una finestra sul contemporaneo e proporre un coinvolgimento...

Articolo - Servizio
30 Agosto 2021

Lilly Wachowski spiega in prima persona la sua assenza dalla lavorazione di The Matrix: Resurrections, quarto capitolo della saga ideata insieme alla sorella Lana.

Articolo - Servizio
26 Agosto 2021

Neill Blomkamp (District 9) racconta la sua versione sul gran rifiuto di Ridley Scott, che dopo due anni di pre-produzione gli tolse dalle mani il progetto sul sequel della saga di ...

Articolo - Servizio
23 Agosto 2021

La missione impossibile di Jennifer Hudson: cercare di far rivalutare quel film che ha quasi compromesso la credibilità dei gatti

Pagine

La Newsletter di FilmTv

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy