Home

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Giulio Sangiorgio dice che Scemo di guerra è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 10:25.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Revolution is my boyfriend»

In edicola: Martedì, 13 Novembre, 2018

Intervista a Stéphane Brizé, Lost Highway su Cinema e Lavoro e sui film a episodi, approfondimento sui B Movies, I migliori film italiani: Umberto D., Scanners di Fantômes, Serial Minds di Wanderlust e Paradise Police, locandina di I compagni di Mario Monicelli e tanto, tanto altro.

Acquista il numero
o accedi agli articoli digitali

Editoriale


Delle guerre e dell'arte

In questo numero dedicato a In guerra vogliamo tornare su una guerra durata otto giorni e sette notti, una guerra che abbiamo vissuto sulla pelle e che abbiamo scelto di raccontare. È il 2009 e quattro operai della INNSE - la storica ex Innocenti di Milano - salgono su un carroponte e bloccano lo smantellamento delle macchine impedendo la chiusura della fabbrica. È una lotta che diventa simbolo e ispirazione, un gesto politico che doveva essere narrato. Il nostro film Dell’arte della guerra (2012) nasce all’inizio della grande crisi, quando il mondo operaio dato per estinto torna alla ribalta e si ribella alla sua invisibilità e a un immaginario che lo vuole accantonato tra le figure mitologiche del secolo scorso, o che lo veste da caso umano da compiangere e sfruttare. A distanza di anni rimettere al centro il racconto della lotta non cessa di essere prioritario, così come le parole d’ordine che ci hanno fatto concepire il film come un manuale militare in quattro atti: individuare il nemico, conoscere il territorio, organizzare l’esercito, costruire una strategia. La battaglia che nasce in fabbrica può diventare il braccio armato del gesto cinematografico, l’atto stesso del filmare può trasformarsi in guerra. Il cinema è un’arte da combattimento, per rubare le parole a Godard. Allora forse è davvero necessario tornare a individuare il nemico e a capire come filmarlo, o come negarlo alla vista dello spettatore, ricordando che in guerra essere partigiani è un obbligo, e che la ragione deve (ri)trovare le parole per combattere. Schiavo, padrone, odio. L’immagine cinematografica può permettersi di ridisegnare la Storia, può rimettere in discussione il sentimento di conciliazione, può infettare lo sguardo e abbattere le certezze così come sono stati abbattuti i capannoni della periferia milanese. Gli stessi capannoni, le stesse ciminiere che il cinema italiano ha usato come indice del mondo operaio, delle sue lotte e delle sue sconfitte, e che ormai sono teatri abbandonati di un paesaggio urbano dove il lavoro, e la lotta, sono solo ornamenti dell’iconografia pubblicitaria. Urlare le parole, costruire un’immagine, affilare le armi del cinema, fondare un’arte della guerra. Gli operai della INNSE hanno vinto, oggi la fabbrica è ancora produttiva. Solo uno dei quattro saliti sul carroponte lavora ancora nello stabilimento di Lambrate, uno è in pensione e due sono stati licenziati. Dei 49 operai del 2009 ne restano 24, ma la INNSE è ancora in guerra.

L'opera-vita di un cineasta unico

Tredicesima edizione della Festa del cinema di Roma, dal 18 al 28 ottobre, come sempre all’Auditorium Parco della Musica della Capitale. Evento centrale, la consegna del premio alla carriera a Martin Scorsese. Il cineasta di New York, da poco diventato anche cittadino italiano (entrambi i suoi nonni paterni venivano da Polizzi Generosa in provincia di Palermo), introdurrà una rassegna di nove titoli, i suoi preferiti del nostro cinema (si sa per certo che uno è Il posto di Ermanno Olmi). Noi lo omaggiamo con un ampio speciale che tiene conto di una carriera lunghissima, e ovviamente straordinaria.

Articolo - Cineteca
9 Novembre 2018

Nathaniel Poe è un giovane bianco cresciuto nella tribù dei Mohicani, di cui Chingachgook e suo figlio Uncas sono gli ultimi superstiti. Michael Mann rilegge il romanzo ottocentesco di James...

Articolo - Muzik
9 Novembre 2018

La performance visionaria del prodigio dell'elettronica investe il Club to Club di Torino.

News
8 Novembre 2018

La sceneggiatura incompiuta di Stanley Kubrick viene messa all'asta, seguiranno polemiche
Sì, perché la sceneggiatura di Burning Secret,...

Articolo - Cineteca
8 Novembre 2018

Un gruppo di prostitute vuole vendicarsi di due cowboy e chiede di intervenire all’ex pistolero William Munny, arrugginito dall’età e dal dolore per la perdita della moglie. «Esatto. Ho...

News
7 Novembre 2018

In preparazione un film su Breaking Bad, la già disastrata pro loco di Albuquerque ringrazia
È un film di cui non si sa ancora nulla. Né il titolo, gira solo...

News
7 Novembre 2018

 

dove andare, cosa vedere e soprattutto perché
8-11 novembre 2018

IN ZONA SATURNO
Milanesi! Il cinemino di...

News
6 Novembre 2018

Non solo protegge dagli alieni, ma inculca anche i valori dei padri fondatori
In una giornata in cui Hollywood si è fatta da parte per lasciare il giusto spazio a una...

Articolo - Locandina
6 Novembre 2018

Ordinaria amministrazione negli studi della UBS, una rete televisiva di Los Angeles che ha appena cambiato proprietà. Sta andando in diretta uno dei notiziari, fascia di programmi con l’indice di...

News
5 Novembre 2018

Al mio segnale, scateniamoci all'inferno
In cui probabilmente questa news dovrebbe parlare di come Ridley Scott abbia definitivamente...

Pagine

La Newsletter di FilmTv

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy