Home

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che I prosseneti è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 03:10.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Tutti i luoghi che ho visto, che ho visitato ora so ne sono certo: non ci sono mai stato. (Giorgio Caproni - Esperienza)»

scelta da
Pedro Armocida

In edicola: Martedì, 16 Ottobre, 2018

Speciale per i 70 anni di Tex, nono appuntamento con la rubrica Mancia competente, Intervista a Stefano Sollima, Lost Highway su Rita Hayworth, I migliori film italiani: Amarcord, Scanners di Eight Grade, Serial Minds di Who Is America?, locandina di 2002: la seconda odissea di Douglas Trumbull e tanto, tanto altro.

Acquista il numero
o accedi agli articoli digitali

Editoriale


Ho visto cose

«Intorno a me risplendono i bit. E i bit sono in me. I dati, il codice, le comunicazioni. Nei secoli dei secoli, amen». La preghiera la recita ruotando su se stesso, in quattro tempi, sostituendo ai punti cardinali il nome di profeti del computer (Turing, Von Neumann, Babbage e Lovelace: e così sia). Lui è Anders Sandberg. Un transumanista. Uno che crede, cioè, nel post-umano. Nello sconfiggere la morte, per esempio. Come? Apriamo il catalogo. Modello n. 4, Transcendence: archiviare il proprio sapere in chiavi USB. Sennò, sull’esempio di puntate di Black Mirror e XFiles, fare upload di se stessi in un cloud. Oppure essere ibernati via criogenesi, come buoni ultimi indicano Wayward Pines e Don DeLillo in Zero K («Tutti vogliono possedere la fine del mondo», scriveva nell’incipit...). E, se non si è benestanti, farsi conservare solo il cervello, previa decapitazione, come in Futurama e in tanta sci-fi d’antan. Etc., etc., etc. Di questo racconta Essere una macchina di Mark O’Connell (Adelphi, pp. 260, € 19), solo che è un viaggio allucinante nella realtà, e non nella storia di cinema, letteratura e tv. Cosa resterebbe di umano in una macchina in cui sono inseriti, come fossero dati discreti, i caratteri delle persone, in righe di 0 e di 1? E che ruolo mantiene, l’anima, in questa fede prometeica? E mentre in 6/5 - La rivolta delle macchine (Nero Editions, pp. 292, € 20) Alexandre Laumonier descrive l’estinzione dell’uomo di borsa (ricordate L’eclisse? O Wall Street?) soppiantato da algoritmi, e Ed Finn si chiede proprio: Che cosa vogliono gli algoritmi? (Einaudi, pp. 264, € 20), Netflix e Google compresi (vedi Film Tv n. 23/2018), il nostro Simone Arcagni se ne esce con un brillante saggio di rigore teorico e ampi confini culturali, che è insieme una storia dell’occhio informatico e un tentativo di costruire intorno a esso un contesto filosofico: L’occhio della macchina (Einaudi, pp. 264, € 20), un volume che studia la computer vision descrivendo come e cosa vedono, queste macchine, come competono con noi e come cambiano la nostra visione, i nostri occhi, la nostra mente, il nostro modo di raccontare, in tempi in cui tra realtà virtuale (VR) e aumentata (AR) anche la realtà-realtà ha bisogno di un prefisso (RR). Così, è facile condurre tutto al numero che state per sfogliare: un numero in cui introduciamo alla figura di Harun Farocki, per cui il cinema è strumento per studiare e criticare la cultura visuale, il ruolo delle macchine nel produrre immagini, nel farci guardare e sentire il mondo, e in copertina abbiamo La donna dello scrittore, a lui dedicato da Christian Petzold. Guardatelo, questo suo ultimo, bellissimo film: come sempre c’è una scena, velocissima, in cui vediamo i protagonisti tramite una telecamera di sorveglianza. È una di quelle immagini che registrano la realtà meccanicamente, per il controllo. È lo sguardo (uno dei tanti possibili) di una macchina. E poi c’è il cinema: che fa ridondare la Storia nel presente, che orchestra le rime e gli spettri, che lega i destini e fa sentire i contatti, che mette in ordine il mondo come può, come riesce. Come non riesce, soprattutto, fallendo, non riuscendo a vedere, vedendo solo la propria ossessione, confondendo i morti e i vivi, gli 0 e gli 1. Proprio come una macchina non potrà mai fare.

L'opera-vita di un cineasta unico

Tredicesima edizione della Festa del cinema di Roma, dal 18 al 28 ottobre, come sempre all’Auditorium Parco della Musica della Capitale. Evento centrale, la consegna del premio alla carriera a Martin Scorsese. Il cineasta di New York, da poco diventato anche cittadino italiano (entrambi i suoi nonni paterni venivano da Polizzi Generosa in provincia di Palermo), introdurrà una rassegna di nove titoli, i suoi preferiti del nostro cinema (si sa per certo che uno è Il posto di Ermanno Olmi). Noi lo omaggiamo con un ampio speciale che tiene conto di una carriera lunghissima, e ovviamente straordinaria.

News
27 Maggio 2017

Annunciata da Indiana Production, coinvolta anche nel prossimo film di Virzì The Leisure Seeker, una serie recitata in inglese da Il Gattopardo di Tomasi de...

News
27 Maggio 2017

Mentre aspettiamo la cerimonia di premiazione, che comincerà domani 28 maggio alle ore 19:15, raccogliamo i pronostici di tutti i collaboratori presenti al festival nel nostro TotoPalma 2017....

News
27 Maggio 2017

Ricoverato dall'inizio di maggio, si è spento ieri Toni Bertorelli, attore cuneese che ancora nei suoi ultimi mesi di vita ha fatto parlare di sé. Artisticamente per il ruolo del...

News
26 Maggio 2017

Uno spot diffuso durante il Super Bowl recitava: «In un anno con oltre 450 serie, una sola rete ha i tre titoli più amati dalla critica: il drama più celebrato, la comedy più acclamata, il...

News
26 Maggio 2017

Per effetto del conflitto tra Netflix, il Festival di Cannes e l'associazione degli esercenti francesi, il film della Croisette più commentato nei primi giorni...

News
26 Maggio 2017

Resto colpito dalla visione di Fortunata di Sergio Castellitto, film sul quale si è detto e scritto già molto, con critiche da Cannes che vanno dal tiepido (Paolo Mereghetti sul “...

News
26 Maggio 2017

Il Festival di Cannes sta per volgere al termine: raccogliamo qui le ultime recensioni arrivate.

Tutte le recensioni sono riunite in uno Speciale Cinerama che trovate ...

News
26 Maggio 2017

Il bilancio del cinema americano del 2016 è ancora una volta poverissimo in termini di rappresentazione del mondo LGBTQ, come rileva l'annuale rapporto GLAAD (Gay & Lesbian...

News
25 Maggio 2017

Potevano votare in tutto oltre novemila scrittori e l'hanno fatto solo in tremila e seicento, però quasi all'unanimità: l'accordo tra la WGA (Writer's Guild of America) e la...

News
25 Maggio 2017
  • Arnold Schwarzenegger nel sesto Terminator, diretto da Tim Miller (Deadpool)che sarà il primo nuovo capitolo dove James Cameron
  • ...

Pagine

La Newsletter di FilmTv

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy