Home

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che Velluto nero è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 03:50.

Quanto vale l’altra metà del cielo, sul grande schermo? Quanto potere hanno le registe e le maestranze al femminile a Hollywood? Uno sguardo alle cifre e ai nomi, resistenti o emergenti, del gentil sesso al cinema.

Tempi duri per i grandi della nuova Hollywood. Quando essere un autore di culto tipo Brian De Palma non basta come garanzia per partire con una nuova produzione. Un'analisi di Giulia D'Agnolo Vallan.

Film di culto, pilastro della storia del cinema, capolavoro assoluto. E... Mel Gibson si prepara a rifarlo. Con un ricco cast, come vi raccontiamo nella prossima newsletter. Rileggiamo le parole di Gianni Amelio.

Arriva il 31 maggio su Prime Video una delle nuove serie più attese dell'anno. Si chiama Good Omens, ed è tratta dal romanzo di Neil Gaiman e Terry Pratchett Buona Apocalisse a tutti! Impossibile non ripensare a American Gods , egualmente tratta da un romanzo dello scrittore inglese.

Tra i film che abbiamo già visto dell'edizione 2019 del Festival di Cannes c'è La Gomera di Corneliu Porumboiu, che non ci ha convinto. Vi invitiamo a confrontare le parole di Roberto Manassero con quelle di Sangiorgio, che con questa recensione, qualche anno fa, nella rubrica Scanners, presentava quest'autore della Nuova onda rumena.

La citazione

«Ognuno prende i limiti del suo campo visivo per i confini del mondo. (Arthur Schopenhauer)»

scelta da
Simone Arcagni

In edicola: Martedì, 21 Maggio, 2019

Analisi su Hercule Poirot di Emanuela Martini, interviste a Damien Manivel e Pierre Salvadori, prima parte dello speciale Quentin Tarantino, i migliori film italiani: Novecento, ritratto di Bruno Vespa, Speciale Cannes 2019 con la prima parte delle recensioni, Serial Minds di Fleabag, locandina di Pulp Fiction di Quentin Tarantino e tanto, tanto altro.

Acquista il numero
o accedi agli articoli digitali

Editoriale


Riscrivere il finale

La cenere digitale in cui erano stati ridotti i supereroi di Avengers: Infinity War si è ormai depositata. E la collocazione del suo seguito, Avengers: Endgame, tra i maggiori successi di sempre al botteghino si va assestando. È tempo di ragionare sul fenomeno, al di là degli schieramenti di campo. Perché se è un fatto che oggi non sia ripetibile l’effetto di un cliffhanger globale come quello di Star Wars: Episodio V - L’Impero colpisce ancora nel 1980, Avengers ha mostrato di disporre di altre carte, grazie a un dittico che nella prima parte si è concentrato sul logos, riempiendo di pseudo-nozioni lo spettatore, e nella seconda ha privilegiato il pathos, per creare una partecipazione profonda del pubblico alle sorti dei personaggi. Un meccanismo, puramente disneyano, concepito per far ridere e piangere: per smuovere emozioni, più che per attivare ragionamenti. La via del sentimento confonde il giudizio, lo altera, abbassa le difese immunitarie: risulta così più difficile accorgersi dell’inquietante simmetria della (ri)soluzione finale di Endgame, o di espedienti narrativi sbrigativi e fragili. Ma di fatto, nonostante la sua modalità - semplicistica, irruenta e invasiva -, oggi è solo attraverso la lente deformante dell’universo supereroico che è possibile rivisitare il nostro passato, per comprendere quello che siamo diventati. Gli anni 60 visti in Watchmen e X-Men: L’inizio, o le citazioni, più o meno subliminali, dalla cultura rock che emergono in Endgame, sono forse poco più di un volgare stereotipo di quel che fu. Eppure di ciò dobbiamo accontentarci se vogliamo che qualcosa resti, si tramandi e arrivi nei luoghi più remoti e impensabili del target presente e futuro. La semplificazione di questi dettagli è in fondo un peccato veniale, nel contesto complessivo dell’operazione. Abbandonando la classica narrazione supereroistica per portarci indietro nel tempo, ripercorrendo la storia di ciascun personaggio, Endgame prova a realizzare il sogno di ogni essere umano: poter riscrivere la propria vita aggiustando le parti corrotte, eliminando le delusioni, rimuovendo i lutti. Un po’ come di recente, su tutt’altro fronte audiovisivo, ha fatto David Lynch con la terza stagione di Twin Peaks, quando con il suo agente Cooper ha provato ad alterare il destino ineluttabile di Laura Palmer. Ma che l’avanguardia d’autore e un blockbuster da oltre 350 milioni di dollari siano giunti alle medesime conclusioni è qualcosa che fa riflettere. E, forse, infonde pure un po’ di speranza.

L'aria diventa elettrica

Dal 14 giugno disponibile su Amazon Prime Video Too Old to Die Young, serie tv noir realizzata da Nicolas Winding Refn. Che in questi giorni la presenta al Festival di Cannes, poco dopo aver lanciato (anche da Milano) un suo sito traboccante di prelibatezze cinefile underground, accessibili gratuitamente, e poco prima di imbarcarsi in nuove, fantasmagoriche avventure cinematografiche ancora top secret. Non piace a tutti il cinema di Nicolas Winding Refn, per gli amici NWR, e va bene così. Però piace a noi, per questo lo speciale. Buona lettura!

Articolo - Musicabilia
2 Maggio 2019

Pugliese, autodidatta e con centinaia di brani all’attivo, quasi tutti reperibili su YouTube e spartanamente registrati col solo ausilio di una chitarra elettrica o un pianoforte, ...

News
2 Maggio 2019

Addio a John Singleton
2 Fast 2 Furious è un film non...

Articolo - Cineteca
30 Aprile 2019

New York, 1958: sulla Nbc riscuote successo il quiz Twenty-One, sponsorizzato da una nota casa farmaceutica. Da settimane ne è campione incontrastato Herbie Stempel, un proletario ebreo...

Articolo - Locandina
30 Aprile 2019

Il colosso di Rodi. Che meraviglia. Che meraviglia quel tempo, quel cinema avventuroso, quel senso di appartenenza a un mestiere glorioso e umile per tutti, per cui senza che nessuno lo...

News
29 Aprile 2019

Alla fine son sempre stati bravi ragazzi
La cosa bella di possedere un Festival del cinema nel bel mezzo di New York è che puoi farci un po' quello che ti pare e verrà...

Articolo - Locandina
29 Aprile 2019

Dice che per lanciare il film in francia, Sergio Leone fece una domanda: che c’è che va di moda, di questi tempi, a Parigi? Dice che qualcuno gli rispose: Mao Tze Tung. Dice che Leone si mise a...

News
25 Aprile 2019

L'Universo cinematografico condiviso che ci meriteremmo
Belli gli Avengers e bella la Marvel. Endgame lo vedrà tutto il mondo tre volte e saranno tutti...

Articolo - Cineteca
25 Aprile 2019

«Se io posso cambiare, se voi potete cambiare, allora anche tutto il mondo può cambiare». Chi all’epoca non cambiava mai era il nostro Gatto Sylvester, che ci metteva sempre lo zampino quando si...

Articolo - Locandina
25 Aprile 2019

«l pregi del film, così obiettivo e sobrio, sono morali, prima di tutto. E poi sono artistici in senso stretto, giacché la perquisizione del casamento da parte delle SS e l'uccisione della donna...

News
24 Aprile 2019

La Quinzaine des réalisateurs se ne frega
Mesi. Ormai anni di battibecchi, incomprensioni, polemiche, avvocati divorzisti, veleno sui media, e nonostante tutto la faida tra...

Pagine

La Newsletter di FilmTv

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy