Home

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png

La citazione

«Povero pensiero... finisce sempre per sfracellarsi contro il muro dei fatti. (Lev Troskij)»

scelta da
Adriano Aiello

In edicola: Martedì, 26 Ottobre, 2021

Speciale critico su Squid Game, focus sul Trieste Science+Fiction Festival e sul Grande Cinema Festival, intervista al regista di Freak Out: Gabriele Mainetti e Lost Highway sui freak al cinema, Scanners di El príncipe, guida e segnalazioni di contenuti in streaming, locandina di Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti e tanto, tanto altro.

Acquista il numero
o accedi agli articoli digitali

Editoriale


Festa di Roma, vitalità dell'intruso

Festa di Roma 2021: tante star e 18 biopic. Scelta d’obbligo, forse, per i festival metropolitani che si palleggiano, a mo’ di sontuosa sintesi dell’anno, il bello commestibile (che André Breton usava per definire l’opera di Dalí) e il ritorno in presenza. Ma una linea sotterranea, politicamente fertile, forse in analogia rovesciata col COVID-19 e QAnon, ha alluso alla vitalità dell’intrusione, invece che all’apologia dell’esistente, la retrospettiva su Arthur Penn, intruso per eccellenza a Hollywood. In Farha la regista giordana Darin J. Sallam si chiede, tornando alla Nakba: è più alieno il palestinese traditore, conservatore e misogino o il sionista israeliano moderno e rapace? Per North Sea gli intrusi siamo tutti noi umani. Kenneth Branagh nell’autobiografico, calligrafico e “infantile” Belfast scopre stupefatto che tra irlandesi, come tra tedeschi, ci si può sentire nemici per la pelle. Zhang Yimou nel brillante mélo One Second coglie un’astuzia nella Rivoluzione culturale del 1966, che pure proibì quasi tutti i film: mise in moto nello spettatore, davanti alle stesse immagini, forme di ricezione avulse. Così il consumatore divenne produttore, individualità sensoriale di criminale potenza desiderante, capace di mettere in discussione il mondo e l’identità. Mao come Nicolini (e, a proposito, la Festa avrebbe dovuto ricordare Francesco Pettarin, pilastro dell’Estate romana improvvisamente scomparso, no?). Antonio Monda, direttore per la settima volta, ha voluto traghettare, in metafora, la potenza del Black Lives Matter - anche il politicamente corretto è un intruso culturale - pur prevedendo incontri ravvicinati con soli cineasti di colore bianco (Guadagnino a parte, metà algerino). In quest’ottica il film della Festa è stato Due donne - Passing, in cui Rebecca Hall duetta in meticciato reciproco con la romanziera anni 20 Nella Larsen, monumento dell’Harlem Renaissance. Un melodramma non a caso in black and white che ci riporta prepotentemente alla centralità della questione razziale (nel sud rinascevano parallelamente il KKK e la pratica dei linciaggi) assieme ai quattro episodi sia di Muhammad Alì sia di JFK: Destiny Betrayed di Oliver Stone (nuove ma non ancora esaustive rivelazioni sul complotto del secolo) che ci mostra un Kennedy durissimo contro il colonialismo e il razzismo selvaggio europeo (di quello americano ne fu vittima) e in cui sembra quasi di leggere la stessa indignazione di Noi però gli abbiamo fatto le strade che Francesco Filippi ha appena pubblicato per Bollati Boringhieri (pp. 208, € 12). È del 1921 il primo passing movie, ovvero la tragedia del mulatto, dell’intruso nella società della segregazione, del suprematismo e della fierezza razziale (Michael Jackson, lo sbiancato per antonomasia, insegna): The Call of His People. Un uomo d’affari di successo confessa di essere mezzosangue black, ma il boss replica: «È l’uomo, non il colore, che conta». In quel decennio si evade ancora un po’ dagli stereotipi (buffoni, serve e menestrelli), prima del codice Hays, come succederà dalla New Hollywood in poi: Melvin Van Peebles (L’uomo caffelatte), John Landis (Ai confini della realtà), The Watermelon Woman di Cheryl Dunye... Ma alle scaturigini di Due donne - Passing ci sono soprattutto Elia Kazan, con Pinky, la negra bianca (1949) quando sostituì il licenziato John Ford, in pieno maccartismo, per polemizzare con gli ex compagni stalinisti, sordi alla questione razziale; e Douglas Sirk, con Lo specchio della vita (1959) già capolavoro di John M. Stahl (1934) con Fredi Washington, figlia dalla pelle bianca, e Louise Beavers, sua madre, nerissima, strazianti nei duetti, con Peola che si vergogna di mammy Delilah, cuoca di sublimi pancake: «Se mi vedi per strada, mamma, non rivolgermi mai più la parola, devi rinunciare a me!».

Articolo - Cineteca
18 Ottobre 2016

«Se io posso cambiare, se voi potete cambiare, allora anche tutto il mondo può cambiare». Chi all’epoca non cambiava mai era il nostro Gatto Sylvester, che ci metteva sempre lo zampino quando si...

Articolo - Cineteca
18 Ottobre 2016

Seconda regia di Martin Scorsese, “ragazzo di bottega” alla Corman Factory, solo superficialmente può incasellarsi tra i film di genere: risente del clima della New Hollywood e ancora di più...

Articolo - Cineteca
18 Ottobre 2016

Blue Steel - Bersaglio mortale: tutte le scintille scaturite dall'incontro tra Jamie Lee Curtis e Kathryn Bigelow!

Articolo - Locandina
18 Ottobre 2016

Le 11 nomination all'Oscar di Joker, tra le quali miglior film, rilanciano un immaginario potente, che il regista Todd Phillips con lo sceneggiatore Scott Silver ha saputo rendere "d'...

Articolo - Locandina
18 Ottobre 2016

«Avevo implorato John Cassavetes di darmi un lavoro - racconta Martin Scorsese - mi assunse come montatore del suono per Minnie e Moskowitz a 500 dollari la settimana senza che facessi...

Articolo - Locandina
18 Ottobre 2016

Titanic è molto più di un film. Qualcuno l’ha definito il “film-novecento” per eccellenza. Ossia l’opera che riassume in sé il senso di tutto ciò che è stato il secolo che si è appena...

Articolo - Cineteca
18 Ottobre 2016

Classico “vengeance movie” di quelli che molto piacevano negli anni ‘70. Il valore aggiunto è l’ambientazione: una poco definita Australia postatomica dove a dire la verità non c’è quasi nulla e...

Articolo - Locandina
18 Ottobre 2016

La scelta di martin scorsese di avvicinarsi il più possibile ai Rolling Stones sembra quasi il tentativo di svelarne un’identità segreta, se non proprio un’anima misteriosa. Lo stesso titolo,...

Articolo - Locandina
18 Ottobre 2016

Ho avuto la fortuna di incontrare Umberto Lenzi qualche anno fa, grazie a steve della casa e a un documentario che Sky accettò di produrre sul cinema poliziesco italiano degli anni 70. Umberto,...

Articolo - Cineteca
18 Ottobre 2016

Forse, con il senno di poi, il più originale dei film di Martin Scorsese. Perché inatteso, magmatico, sorprendente, di una perfezione che sa essere allo stesso tempo elegante e viscerale. Sulla...

Pagine

 

La grande scommessa di Luigi Coluccio ora è su Substack! Per iscriverti clicca qui: https://lagrandescommessa.substack.com/

 

Iscriviti alla newsletter di Film Tv!

Le newsletter di Film Tv
Formato Email

Puoi disiscriverti in qualsiasi momento cliccando sul link che trovi in fondo alle nostre email.

Cliccando qui sotto per iscriverti, accetti che le tue informazioni vengano trasferite a Mailchimp per la registrazione e archiviazione. Maggiori informazioni sulla privacy.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy