Home

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png

La citazione

«Noi siamo orfani della Rivoluzione. E spesso pensiamo che non c'è più una vittoria possibile, che il mondo è disincantato e alla fine ci rassegniamo. Il cinema, al contrario, ci dice, a suo modo, che ci sono vittorie possibili anche nel mondo peggiore.... Non bisogna disperarsi. È quel che il cinema ci racconta, io credo. Ed è per questo che dobbiamo amarlo. (Alain Badiou)»

scelta da
Mariuccia Ciotta

In edicola: Martedì, 26 Ottobre, 2021

Speciale critico su Squid Game, focus sul Trieste Science+Fiction Festival e sul Grande Cinema Festival, intervista al regista di Freak Out: Gabriele Mainetti e Lost Highway sui freak al cinema, Scanners di El príncipe, guida e segnalazioni di contenuti in streaming, locandina di Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti e tanto, tanto altro.

Acquista il numero
o accedi agli articoli digitali

Editoriale


Festa di Roma, vitalità dell'intruso

Festa di Roma 2021: tante star e 18 biopic. Scelta d’obbligo, forse, per i festival metropolitani che si palleggiano, a mo’ di sontuosa sintesi dell’anno, il bello commestibile (che André Breton usava per definire l’opera di Dalí) e il ritorno in presenza. Ma una linea sotterranea, politicamente fertile, forse in analogia rovesciata col COVID-19 e QAnon, ha alluso alla vitalità dell’intrusione, invece che all’apologia dell’esistente, la retrospettiva su Arthur Penn, intruso per eccellenza a Hollywood. In Farha la regista giordana Darin J. Sallam si chiede, tornando alla Nakba: è più alieno il palestinese traditore, conservatore e misogino o il sionista israeliano moderno e rapace? Per North Sea gli intrusi siamo tutti noi umani. Kenneth Branagh nell’autobiografico, calligrafico e “infantile” Belfast scopre stupefatto che tra irlandesi, come tra tedeschi, ci si può sentire nemici per la pelle. Zhang Yimou nel brillante mélo One Second coglie un’astuzia nella Rivoluzione culturale del 1966, che pure proibì quasi tutti i film: mise in moto nello spettatore, davanti alle stesse immagini, forme di ricezione avulse. Così il consumatore divenne produttore, individualità sensoriale di criminale potenza desiderante, capace di mettere in discussione il mondo e l’identità. Mao come Nicolini (e, a proposito, la Festa avrebbe dovuto ricordare Francesco Pettarin, pilastro dell’Estate romana improvvisamente scomparso, no?). Antonio Monda, direttore per la settima volta, ha voluto traghettare, in metafora, la potenza del Black Lives Matter - anche il politicamente corretto è un intruso culturale - pur prevedendo incontri ravvicinati con soli cineasti di colore bianco (Guadagnino a parte, metà algerino). In quest’ottica il film della Festa è stato Due donne - Passing, in cui Rebecca Hall duetta in meticciato reciproco con la romanziera anni 20 Nella Larsen, monumento dell’Harlem Renaissance. Un melodramma non a caso in black and white che ci riporta prepotentemente alla centralità della questione razziale (nel sud rinascevano parallelamente il KKK e la pratica dei linciaggi) assieme ai quattro episodi sia di Muhammad Alì sia di JFK: Destiny Betrayed di Oliver Stone (nuove ma non ancora esaustive rivelazioni sul complotto del secolo) che ci mostra un Kennedy durissimo contro il colonialismo e il razzismo selvaggio europeo (di quello americano ne fu vittima) e in cui sembra quasi di leggere la stessa indignazione di Noi però gli abbiamo fatto le strade che Francesco Filippi ha appena pubblicato per Bollati Boringhieri (pp. 208, € 12). È del 1921 il primo passing movie, ovvero la tragedia del mulatto, dell’intruso nella società della segregazione, del suprematismo e della fierezza razziale (Michael Jackson, lo sbiancato per antonomasia, insegna): The Call of His People. Un uomo d’affari di successo confessa di essere mezzosangue black, ma il boss replica: «È l’uomo, non il colore, che conta». In quel decennio si evade ancora un po’ dagli stereotipi (buffoni, serve e menestrelli), prima del codice Hays, come succederà dalla New Hollywood in poi: Melvin Van Peebles (L’uomo caffelatte), John Landis (Ai confini della realtà), The Watermelon Woman di Cheryl Dunye... Ma alle scaturigini di Due donne - Passing ci sono soprattutto Elia Kazan, con Pinky, la negra bianca (1949) quando sostituì il licenziato John Ford, in pieno maccartismo, per polemizzare con gli ex compagni stalinisti, sordi alla questione razziale; e Douglas Sirk, con Lo specchio della vita (1959) già capolavoro di John M. Stahl (1934) con Fredi Washington, figlia dalla pelle bianca, e Louise Beavers, sua madre, nerissima, strazianti nei duetti, con Peola che si vergogna di mammy Delilah, cuoca di sublimi pancake: «Se mi vedi per strada, mamma, non rivolgermi mai più la parola, devi rinunciare a me!».

Articolo - Locandina
18 Ottobre 2016

La caccia all'uomo più famosa (e famigerata) degli ultimi tempi, quella della Cia a Osama bin Laden, mente criminale dietro gli attentati delle Torri gemelle di New York. Sarà l'intuizione di una...

Articolo - Cineteca
18 Ottobre 2016

Rinchiuso in manicomio dopo un’acuta crisi di panico, un uomo racconta al medico di essere John Trent, investigatore dell’assicurazione incaricato di ritrovare Sutter Cane, autore di bestseller...

Articolo - Cineteca
18 Ottobre 2016

Un ex boxeur scopre il talento del giovane Giorgione e inizia ad allenarlo come rivalsa contro un ex avversario privo di scrupoli. Tuttavia, viene a conoscenza di un incontro truccato e vendica...

Articolo - Cineteca
18 Ottobre 2016

Fog

Antonio Bay, sul Pacifico, è in festa: si avvicina l’anniversario della fondazione della cittadina. Gli antenati degli abitanti del luogo si macchiarono però di un empio misfatto: lasciarono...

Articolo - Cineteca
18 Ottobre 2016

In fuga attraverso il deserto dopo una rapina, tre banditi fuorilegge si imbattono in una partoriente che, in punto di morte, affida loro il neonato. I nuovi “padrini” promettono alla donna di...

Articolo - Cineteca
18 Ottobre 2016

Derek Zoolander sta per conquistare il quarto titolo consecutivo di “modello dell’anno”, che però viene assegnato all’emergente Hansel. Lo stilista Mugatu lo ingaggia comunque per la sua nuova...

Articolo - Cineteca
18 Ottobre 2016

Siamo su Io, terza luna di Giove. Una potente società ne sfrutta le miniere di ossido di titanio. Il lavoro è organizzato in modo perfetto, ma dietro l’apparente soddisfazione di ogni bisogno...

Articolo - Cineteca
18 Ottobre 2016

Un silenzioso cacciatore di taglie, poncho sulle spalle e sigaro in bocca, si associa con un collega, distinto ma altrettanto spietato, per dare la caccia all’Indio. Questi è un fuorilegge che,...

Articolo - Cineteca
18 Ottobre 2016

Otello Celletti riesce a farsi assumere come vigile tramite raccomandazione, ma combina guai uno dopo l’altro, sia quando è di manica larga, sia quando decide di essere fiscale, applicando...

Articolo - Locandina
18 Ottobre 2016

Un continuo, ininterrotto pezzo di bravura. Questo è prima di tutto Vestito per uccidere, il thriller scritto e diretto nel 1980 da Brian De Palma, già considerato, dopo Le due...

Pagine

 

La grande scommessa di Luigi Coluccio ora è su Substack! Per iscriverti clicca qui: https://lagrandescommessa.substack.com/

 

Iscriviti alla newsletter di Film Tv!

Le newsletter di Film Tv
Formato Email

Puoi disiscriverti in qualsiasi momento cliccando sul link che trovi in fondo alle nostre email.

Cliccando qui sotto per iscriverti, accetti che le tue informazioni vengano trasferite a Mailchimp per la registrazione e archiviazione. Maggiori informazioni sulla privacy.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy