Home

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Claudio Bartolini dice che Teresa è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 17:15.

Mentre Sky Atlantic HD trasmette la terza stagione di Gomorra - La serie, riproponiamo la riflessione che il giornalista-scrittore fece in esclusiva per Film TV sull’importanza di una fiction televisiva che a trent'anni dalla prima Piovra ha di nuovo il coraggio di raccontare la criminalità organizzata. Un “sistema” che anche il suo libro ZeroZeroZero, a sua volta destinato a ispirare un'altra serie tv diretta da Stefano Sollima, ha saputo descrivere nei suoi connotati transnazionali.

Visconti e il lato positivo della censura, ovvero quando Gianni Amelio vide per la prima volta Rocco e i suoi fratelli .

Prima di Good Time , nelle sale questa settimana, i fratelli Safdie erano già passati tra le pagine di Scanners con Heaven Knows What . Una segnalazione di Ilaria Feole assolutamente da recuperare.

Chicago, Nairobi, Seul, Londra, Città del Messico, San Francisco, Berlino, Mumbai. Sono otto, sono collegati. Da recuperare senza porsi domande.

C'è tutto un cinema che non passa per le sale ma che merita di essere visto, sostenuto, cercato. Due libri per voi che sono anche due inviti a guardare oltre.

La citazione

«Life... don't talk to me about life...»

scelta da
Alice Cucchetti

In edicola: Martedì, 21 Novembre, 2017

Speciale Detroit di Kathryn Bigelow, Sesso e potere: le ipocrisie di Hollywood parte seconda, Torino Film Festival 2017: intervista al direttore Emanuela Martini,  Lost Highway sui Vanzina Bros., Serial Minds di American Horror Story: Cult, locandina di Ecco il tempo degli assassini di Julien Duvivier e tanto, tanto altro.

Acquista il numero
o accedi agli articoli digitali

Editoriale


La stagione dell'amore

Poi una reazione l’avremo e ci inventeremo qualcosa per sopravvivere. Però al momento posso dire soltanto che nessuna italiana o italiano dai sessant’anni in giù ha mai vissuto un’estate senza i Mondiali. In una vecchia tv in bianco e nero, con le immagini mosse e la voce lontana di Nando Martellini, vidi il gol di Gianni Rivera alla Germania e l’implacabile Brasile di Pelé. Nel 1974 mio padre comprò la televisione a colori, così si potevano invitare gli amici e commentare l’Olanda leggera e fricchettona. E una notte del 1978, con la nazionale più bella di sempre, quando Roberto Bettega infilò la rete argentina fino all’avventura interrotta, comunque fantastica. E quel pomeriggio di luglio del 1982, quando il docente di Storia del cinema ebbe l’idea assurda di fissare l’appello di esame durante Brasile-Italia, e io non so che fare e aspetto fino alle 16.30 poi decido, lascio l’aula e corro in moto dal mio amico Alessandro che tanto l’esame lo ridai il mese dopo ma Pablito che secca i carioca con tre gol ti ricapiterà più? Fino all’11 luglio, uno dei giorni più belli della mia vita, con i Rolling Stones che suonano a Torino il pomeriggio perché poi c’è la finale e le strade sono deserte fino all’urlo di “Schizzo” Tardelli, ora che siamo spesso insieme a La Domenica Sportiva e se penso alla gioia che mi ha regalato ancora piango. E le notti magiche di Italia 90 con lo schermo che ingrandisce gli occhi a palla di Totò Schillaci e la rabbia a denti stretti di Diego Maradona quando fischiano l’inno argentino. E la finale del 1994, tutti a casa mia, a Roma, una settimana dopo che mi sono sposato, sul terrazzo, con le lacrime agli occhi per il rigore di Baggio. E se pensi quanto può essere difficile vincere un altro Mondiale e tu invece ci sei ancora, nel 2006, e mi viene la pelle d’oca se penso alla voce di Fabio Caressa che dice allo Zio Bergomi: «Andiamo a Berlino, Beppe, andiamo a Berlino». Non sono pronto io, non sono pronti gli italiani, a vivere un’estate senza il Mondiale. Forse farò qualche giro in moto, andrò più spesso fuori a cena, certamente guarderò le partite principali cercando di farmi piacere una squadra tra tante. E allora potrei dire tante cose: che l’eliminazione è un duro colpo per un paese che sta dimostrando qualche segno di ripresa, che Gian Piero Ventura è il peggior allenatore di tutti i tempi, che questa federazione fa schifo, che non se ne può più di calciatori che si abbracciano e si pettinano con il gel in favore di telecamera invece di sputare il sangue in campo, che ’sto scherzo costa all’Italia intera circa 100 milioni di euro. No, dirò una cosa più grave. Ci hanno rubato un sogno, quel sogno che per sessant’anni ci ha fatto sentire popolo, nazione almeno per un mese, ci hanno tolto la visione dell’azzurro che è il colore più bello, le voci delle tv dalle finestre aperte, i commenti fino a tardi e poi la mattina al bar e l’attesa della prossima partita. Ci hanno tolto l’estate, la stagione dell’amore. Spegnerò la tv ma loro siano maledetti tutti, da qui all’inferno.

Detroit ultima fermata

Dal 23 novembre in sala Detroit di Kathryn Bigelow, ambientato durante la violenta sommossa che nel 1967 sconvolse la città del Michigan, sede della Ford e della Chrysler (quindi, oggi, Fiat). Accolto da polemiche un po' ipocrite negli Stati Uniti, per la descrizione brutale della polizia metropolitana all'epoca coinvolta, il film è lo sconvolgente racconto di un conflitto mai sanato nella società americana, che ancora oggi fa sentire i propri effetti drammatici. Problematico e potente come sempre il cinema dell'autrice di The Hurt Locker, Detroit ci dà l'occasione di riscoprire altri film della prima e unica donna ad avere vinto l'Oscar come miglior regista.

News
7 Marzo 2017

Qualche anno fa qualcuno di noi aveva creduto/sperato che la saga di Transformers si sarebbe fermata al terzo film. Non è stato così, anzi il franchise continua a svilupparsi.
Paramount...

News
7 Marzo 2017

Prende il via oggi, alle 18.00 a Roma, ShortsLeague 2017. Oggi si tiene l'evento inaugurale del primo campionato di cortometraggi organizzato da Roma Creative Contest, in collaborazione con la...

News
7 Marzo 2017

Riapre oggi il Cinema Metropol di Cava de' Tirreni (in provincia di Salerno).
La sala è un simbolo storico del territorio, ma era rimasta chiusa per due anni a causa di una serie di...

News
7 Marzo 2017

L'uomo che vedete in foto potrebbe non dirvi molto, eppure lo amate. È Matthew Weiner, il creatore di Mad Men, una delle più grandi serie di sempre.
Finalmente...

News
7 Marzo 2017

Dal 7 marzo a Bologna parte la 14ª edizione di Fantasmagoria, corso di storia del cinema e del video curato dal professor Carlo Mauro, docente presso l'Accademia di Belle Arti di Bologna.
...

News
7 Marzo 2017

Condividiamo l'apertura del Premio Solinas documentario per il cinema 2017. Si partecipa con progetti originali per documentari di creazione scritti in lingua italiana per film di lungometraggio...

News
7 Marzo 2017

Il quinto film della saga dei Pirati dei Caraibi arriverà nelle sale il 26 maggio. Contiene:

  • Javier Bardem come villain;
  • Johnny Depp᠌ ringiovanito da quella splendida
  • ...
News
7 Marzo 2017

Se il volto ritratto nella foto qui sotto non vi dice molto cominciate a memorizzarlo. Lui è Bob Iger, amministratore delegato di Walt Disney Animation Studios e potrebbe candidarsi alla...

News
7 Marzo 2017

Parte oggi al Cinema Massimo di Torino un prezioso omaggio al maestro Akira Kurosawa che include ben 15 film fino al 31 marzo.
Si parte con Spirito più elevato, commissionatogli in...

News
7 Marzo 2017

Arriva direttamente dal ministro Dario Franceschini - pagina ufficiale la notizia della proroga di 3 mesi di Cinema2day.
Buone visioni a prezzi contenuti.

Pagine

La Newsletter di FilmTv

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti - Privacy