Adriano Aiello

Adriano Aiello

Scrivo. Di cinema, cibo, vino e stanchezza esistenziale in metropolitana. Sarei potuto essere un intellettuale, ma fortunatamente nel 1993 uscì la prima edizione di Championship Manager. Sono tra i 7 più grandi giocatori della storia di Risiko.

Profilo Facebook

Cinerama - FilmTv n° 44/2014

«Uno su mille ce la fa». A scalare la salita di morandiana (e sfiancante) memoria e a farsi distribuire un film realizzato con passione e un po' d'incoscienza. Ma a volte è auspicabile che siano gli altri 999 a farcela. Non ce ne voglia Davide Limone, detto Davidekyo - autore, regista,...

Cinerama - FilmTv n° 43/2014

Fa sicuramente uno strano effetto rivedere Philip Seymour Hoffman al cinema mentre ancora metabolizziamo la sua perdita. Non sorprende affatto, invece, la solita impressionante aderenza con cui tratteggia un anomalo agente segreto ciancicato e sfatto, consumato dall'alcool e dalla disillusione...

Scanners - FilmTv n° 43/2014

Ebbene sì, nonostante lo sforzo e lo sfarzo produttivo (20 milioni di dollari di budget), alcuni vizi estetici, la grana grossa e le sfilettate digitali che feriscono il cuore, Firestorm è un robusto e secco noir per nostalgici della Hong Kong dei tempi d’oro. Andy Lau, anche...

Scanners - FilmTv n° 43/2014

Prima di New World, l’altro recente affresco gangster del cinema coreano prende vita ancora attraverso il volto di un gigantesco Choi Min-sik, dal lato opposto della barricata, ma con le medesime fattezze sfigurate e respingenti. Qui (nel suo ruolo migliore di sempre) è un doganiere...

Scanners - FilmTv n° 43/2014

Non saranno più gli sfavillanti tempi della New Wave di inizio millennio, ma chi crede che il cinema coreano abbia svenduto autori, volti e impulso corrosivo a un pubblico facile e svogliato, che vuole solo velocità, azione, belle facce e storie romantiche probabilmente non vede i film giusti....

Cinerama - FilmTv n° 42/2014

Che sia l'ambizione più nobile o solo quella più radicata è irrilevante: raccontare la vita al cinema è assioma indissolubile. Linklater sulla questione ha detto molto - e bene - in passato, con una sensibilità a volte trascurata, ma non più trascurabile. Boyhood segna uno scarto...

Cinerama - FilmTv n° 41/2014

Tre fratelli, la perdita di una madre, l'handicap mentale di un figlio, l'eredità da gestire, la malinconia napoletana e il solito campionario umano di ansie, incomprensioni e piccolezze. Con la bellona di turno (Margareth Madè, in versione non vedente) inutile ai fine della storia e il verbo...

Cinerama - FilmTv n° 41/2014

Marithé lavora in un istituto di formazione per adulti aiutandoli a trovare la loro vera vocazione, a seguito di un licenziamento, o semplicemente di un profondo disagio. Un giorno si presenta Carole, direttrice di sala e proprietaria di un ristorante di lusso, ma soprattutto moglie infelice e...

Cinerama - FilmTv n° 40/2014

Il parco urbano di Gezi, a Istanbul, è un luogo simbolo dell'identità turca: qui rimangono gli ultimi acri che rievocano la demolizione del serraglio militare ottomano. Çapulcu - Voci da Gezi racconta l'occupazione pacifica degli abitanti - e la relativa repressione - seguita al...

Cineteca - FilmTv n° 40/2014

Frank Bullitt è un tenente di polizia incaricato di sorvegliare il pentito Johnny Ross, che - dopo avere derubato la banda di cui faceva parte - ora si dichiara disposto a “collaborare”. Questo non impedisce a due killer di uccidere Ross, ma Bullitt scopre che il defunto era in realtà un tale...

Cinerama - FilmTv n° 39/2014

Botte, strip, poker, fumo, whisky, sangue (bianco), donne sexy e brutali, anime incenerite e un pugno di volti ciancicati. Il ritorno alla città del peccato è come te l'aspetti, ma contemporaneamente ti sorprende. Centra l'obiettivo più dell'originale e riaggiorna l'estetica messa in campo un...

Pagine

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy