Fabrizio Tassi

Fabrizio Tassi

Critico cinematografico, giornalista professionista, ma anche scrittore, autore di opere teatrali, direttore artistico di festival culturali, docente di cinema per scuole, enti, associazioni. Vicedirettore di Cineforum, rivista e sito, oltre a collaborare con FilmTv scrive anche per Micromega. L'incontro con l'animatore marchigiano Simone Massi ha prodotto un libro (Nuvole e mani per minimum fax), un documentario (Animata resistenza, regia di Girotto-Montagner, Leone nel 2014 per il Miglior documentario sul cinema ) e la sigla della Mostra del cinema di Venezia. Appassionato di montagna, libri e filosofia (soprattutto orientale). Ottimo camminatore. 

Cinerama - Articolo per il sito - Solo online

“Donne, Vita, Libertà!”. Come non essere d’accordo? Le combattenti curde contro i fondamentalisti invasori, assassini, stupratori. Come non amarle? Poi ci dovrebbe essere anche un po’ di cinema, e qui cominciano i problemi. Eva Husson ce la mette tutta (se la mettiamo sul piano della quantità...

Cinerama - Articolo per il sito - Solo online

La famiglia migliore è quella che scegli. Povera, magari, costretta a vivere di furti e sotterfugi, ma pur sempre felice. Come quella raccontata da Hirokazu Kore-eda nell’ennesimo film dedicato al tema delle relazioni famigliari. C’è una bocca in più da sfamare - una bambina maltrattata – e la...

Cinerama - FilmTv n° 40/2018

La piccola Amal dice di non saper raccontare. Ma poi disegna con il suo corpo e le sue parole un grande albero che non esiste più, un sicomoro di 150 anni almeno, che stava al centro della strada dei Samouni. Intorno solo macerie e case diroccate. Ciò che è sopravvissuto all’operazione Piombo...

Servizio - FilmTv n° 38/2018

«Quasi emblema, ormai, l’urlo della Magnani,/sotto le ciocche disordinatamente assolute,/risuona nelle disperate panoramiche,/e nelle sue occhiaie vive e mute/si addensa il senso della tragedia». In quanti film possiamo dire che risuoni «il canto degli aedi», per usare le parole di Pasolini?...

Speciale - FilmTv n° 33/2018

Un cinema che sia solo cinema. Ma non per chissà quale ambizione estetica fine a se stessa. Un cinema capace di farci guardare oltre. Oltre la storia, i personaggi, la morale, il significato. In cui “il messaggio” sia il film, e stia dentro il suo linguaggio, la sua capacità di aggirare l’...

Cinerama - FilmTv n° 23/2018

Un guerriero solitario agita la spada nel vuoto. Ma è solo un videogame. La realtà, invece, è quella di un laboratorio letterario per ragazzi a La Ciotat, condotto da una celebre scrittrice. A cui partecipa anche Antoine, aspirante guerriero, ammalato di solitudine, rabbia, noia. Da una parte c...

Lost Highway - Piccole storie di cinema - FilmTv n° 20/2018

«Non mi interessa il cinema, ma la vita». Diceva così Ermanno Olmi, e in quelle parole non c’era nessuna malizia. Non aveva certo bisogno di darsi un tono (difficile incontrare una persona più umile e trasparente). Non ambiva a farsi dei nemici, neanche ideali (la cinefilia, l’arte per l’arte,...

Cinerama - FilmTv n° 03/2018

Lei, lui e il camper. L’arte della fuga a ottant’anni. Lei lucida, determinata, pronta a guardare la fine negli occhi. Lui stranito, smemorato, perso in un mondo di citazioni letterarie e fissazioni. Il camper si chiama Leisure Seeker (il “cercatore di svago”), e arriva dritto dagli anni 70....

Cinerama - Articolo per il sito - Solo online

La Terra soffre e la specie umana è sempre più ingombrante. La soluzione? Rimpicciolirla. Idea paradossale, e molto cinematografica. Giocare con le dimensioni, il campo (grande) e il controcampo (piccolo), la satira-distopia for dummies. Peccato che Payne sia, in realtà, un fuoriclasse...

Cinerama - Articolo per il sito - Solo online

A proposito di registi che non hanno bisogno di esibire il proprio talento. Che amano davvero i loro personaggi e le storie che raccontano, e non danno mai l’impressione di usarli per “fare cinema”. L’inglese Andrew Haigh racconta una storia americanissima, tenendo una pudica distanza da cose,...

Cinerama - Articolo per il sito - Solo online

“Era meglio prima”. Con tutte le sue illusioni (ideali), le tragedie (umane), la gioventù perduta (anche quella del mondo). Era meglio quando in quella piccola baia, dalle parti di Marsiglia, si cucinavano ottimi pasti a prezzi popolari, e c’era un’idea di comunità, una voglia di comunismo. Ora...

Cinerama - Articolo per il sito - Solo online

Dentro un bianco e nero insieme limpido e “pastoso”, in cui sprofonderesti volentieri, Hong ospita la storia di un uomo, a capo di una piccola casa editrice, e di tre donne: la moglie, l’amante e la nuova dipendente (la prossima amante?). E ancora una volta, “l’azione” per lo più si svolge...

Il Sassolino - FilmTv n° 21/2017

Avete presente quel tizio molto simpatico e molto intelligente che dice solo cose ganze (“ganzo” è abbastanza vintage?), e fa tutto in quel suo modo ironico e ammiccante, e ogni due minuti ti dà una pacca sulla spalla per coinvolgerti nel suo divertimento irresistibile? Quel tizio che magari...

Cinerama - FilmTv n° 12/2017

Un “vuoto” che parla, ricorda, riflette. Che benedice. Un’assenza incarnata in una stanza disabitata, il luogo in cui il cardinale Carlo Maria Martini ha vissuto i suoi ultimi istanti. È da lì che parte il film di Olmi, ed è lì che torna continuamente, a sottolineare ciò che è venuto a mancare...

Cinerama - FilmTv n° 06/2017

Nicola III è un re scentrato. Una marionetta nelle mani del protocollo. Silenzioso, perplesso, forse un po’ stupido, sicuramente fuori posto. Soprattutto in Turchia, dove è in viaggio di Stato, nel nome dell’Europa. Nicola III è il re del Belgio, nonché il protagonista di un film che dovrebbe...

Cinerama - Articolo per il sito - Solo online

[Concorso]

Lui, lei e il cinema. Che è il luogo dei sogni. Anche se a dirlo (farlo) oggi rischi di passare per un nostalgico o un ingenuo. La La Land è il sogno di un sogno che si chiama musical. È l’impresa cinefila di un giovane regista sognatore (31 anni) che usa il massimo...

Cinerama - Articolo per il sito - Solo online

[Concorso]

Nel giardino in cui fioriscono le parole, nel pieno dell’estate, una pièce di Peter Handke incontra le canzoni di Nick Cave, dentro l’illusione di uno spazio reso profondo dal 3D, che in realtà imprigiona lo sguardo, perché qui la vita e la realtà si possono solo dire, evocare...

Cinerama - Articolo per il sito - Solo online

[Concorso]

La morte e l’eternità. Il racconto delle origini e la celebrazione rituale della fine. I limiti dell’uomo e le sue illimitate capacità di creare, cercare, lottare, conoscere. Tra i Lakota o le meduse immortali, nella fabbrica dei suoni di due artigiani-musicisti o tra le...

Cinerama - Articolo per il sito - Solo online

[Fuori Concorso]

Tommaso fa l’attore, un giorno forse farà il regista. Intanto è ossessionato dalle donne, senza riuscire ad avere con loro un rapporto normale, equilibrato, vagamente soddisfacente. Kim Rossi Stuart dirige se stesso, tenta la commedia, sfiora il dramma, imbastisce sogni...

Servizio - FilmTv n° 49/2016

Al cinema è arrivato quando aveva 30 anni. Grazie a una raccomandazione. Fu Lauren Bacall a convincere Hollywood che quell’attore di Broadway, con una fossetta clamorosa sul mento, era perfetto per il grande schermo. Occhi azzurri, spalle da atleta, voce profonda. Terribilmente vanitoso e...

Cinerama - FilmTv n° 48/2016

Guardare il mondo con gli occhi di un bambino di nove anni. Guardare anche la morte, il dolore, l’abbandono. Con la sincerità disarmante, l’angoscia senza reti, la gioia pura, di un bambino di nove anni. Incontriamo Zucchina (al secolo Icaro) nella sua casa, insieme a una madre alcolizzata,...

Cinerama - FilmTv n° 48/2016

Comincia da un applauso, una sala teatrale che si svuota, un uomo che passeggia nella notte, prima in compagnia di Dostoevskij e poi di Kafka. Quell’uomo è Giorgio Pressburger, nato a Budapest nel 1937, fuggito in Italia nel 1956, simbolo di una cultura mitteleuropea incarnata nella città di...

Cinerama - FilmTv n° 47/2016

Agostino lotta contro la montagna. Tutti se ne vanno da quel luogo inospitale, dove la roccia oscura il sole, e nella terra inaridita crescono solo le tombe. È una vita miserabile, ma lui vuole rimanere, insieme alla moglie e al figlio. Siamo nel Medioevo, in un luogo imprecisato. Siamo sempre...

Cinerama - FilmTv n° 43/2016

Dal passato remoto del cinema a tesi, edificante e moralista, in cui conta solo il contenuto (la forma è archeologia televisiva), ecco spuntare un film che illustra in modo esemplare quanto il “religioso” possa diventare involontariamente anti-spirituale e anche un po’ greve. È la storia di...

Cinerama - FilmTv n° 40/2016

Tra la quinta Era glaciale e il terzo Kung Fu Panda, tra tentativi maldestri di tradurre i videogiochi in cartoon (Angry Birds o Ratchet & Clank) e la solita Pixar che sforna classici istantanei, emerge un film che ha la grande virtù di non prendersi...

Cinerama - FilmTv n° 27/2016

Ci sono film che hanno bisogno delle istruzioni per l’uso. Chi non frequenta il mondo PlayStation, non può sapere che Ratchet & Clank è un must per gli appassionati di platform game, dotato di umorismo, trama fantascientifica avventurosa e modalità “sparatutto”. D’altra...

Cinerama - FilmTv n° 23/2016

Oltre lo specchio non c’è più Humpty Dumpty. Non ci sono fiabe, miti, mondi paralleli, inconsci collettivi. L’immagine riflessa ha intrappolato la realtà dentro una superficie senza profondità. La Bellezza, quella pura, innocente, primigenia, creativa, è stata cannibalizzata dall’ossessione per...

Cinerama - FilmTv n° 23/2016

Un tradimento. Un matrimonio che finisce. Una morte atroce e misteriosa. Dieci minuti di cinema, senza enfasi, senza strappi, ed è già accaduto di tutto. Eppure siamo solo all’inizio di un dramma umano e di un’odissea giudiziaria lunghi 27 anni. Il film di Vincent Garenq si muove, con misura e...

Servizio - FilmTv n° 22/2016

Un film sul carcere? No, un film sull’amore. In Fiore (già nelle sale di Milano e di Roma, dal 1° giugno 2016 in uscita nel resto d’Italia) il carcere è “l’antagonista”, il luogo in cui i desideri sono proibiti, i sentimenti un lusso, la felicità un’illusione. Ma a due ragazzi si può...

Cinerama - FilmTv n° 14/2016

Avete presente Lo Zoo di 105? Ecco, dimenticatelo. Perché altrimenti vi viene l’acquolina in bocca pregustando l’irriverenza scema e la volgarità virtuosistica del programma radiofonico più ascoltato d’Italia. E invece vi dovrete accontentare della storia (di successo) del suo...

Pagine

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy