Roy Menarini

Roy Menarini

Roy Menarini fa troppe cose, ma non ne può fare a meno. Né di meno. Insegna cinema a studenti universitari, scrive di cinema per i lettori, organizza incontri di cinema per gli appassionati, studia cinema per la ricerca, parla di cinema per gli amici sui social, vede cinema per il bene di se stesso e dei suoi cari. Farebbe fatica anche senza musica, libri e sport, ma senza il cinema... proprio no, grazie. 
Pagina Facebook

Visioni dal fondo - FilmTv n° 25/2019

Si dice che un tempo le sale chiudessero da giugno a settembre, mentre in questi ultimi anni i multiplex (prima) e anche altre sale (poi) si sono dotate di aria condizionata e offrono le prime visioni che finalmente la distribuzione mette a disposizione. Ma non...

Visioni dal fondo - FilmTv n° 23/2019

Una delle regole più importanti per la critica è argomentare il proprio giudizio. Siamo capaci tutti di dire che un film ci è piaciuto oppure no. Siamo capaci tutti di aggiungere motivazioni personali, come «per me è noioso» o «non fa ridere». Ma il critico deve andare oltre, e spiegare in che...

Servizio - FilmTv n° 23/2019

«La nostra guardia si è conclusa» direbbero i guardiani della notte: a serie terminata, dopo un’ottava e ultima stagione che ha visto in egual numero entusiasti e detrattori, quattro firme di Film Tv fanno il punto su Il trono di spade, fenomeno televisivo forse irripetibile.

Speciale - FilmTv n° 23/2019

La leggenda narra che quando Quentin Tarantino invitò a casa gli amici per vedere Top Gun, notando che loro sghignazzavano come se fosse una proiezione ironica, li abbia severamente rimproverati perché non comprendevano quanto per lui Tony Scott fosse una cosa seria. Ecco, per...

Visioni dal fondo - FilmTv n° 21/2019

Sto scrivendo queste righe in treno. Viaggio da Termoli (dove ho incontrato prima una comunità di coraggiosi cinefili e poi una sorprendente scolaresca) verso Bologna, e da tre ore cerco di farmi venire un’idea per la rubrica di questa settimana. Non ho quasi mai la crisi da pagina bianca, e mi...

Visioni dal fondo - FilmTv n° 19/2019

La lettura politica dei film ha sempre creato fraintendimenti. Per lo più si pensa che queste interpretazioni tradiscano categorie grossolane (del tipo che L’esorcista è di destra e Star Trek di sinistra). In verità, qualsiasi film contiene tracce di discorsi...

Visioni dal fondo - FilmTv n° 17/2019

L’uscita del pur dignitosissimo Sarah & Saleem - Là dove nulla è possibile riapre la questione: il cinema d’essai è il settore più conservatore dell’industria? La condizione di fragilità endemica di questa area del consumo è tale da aver spinto il...

Visioni dal fondo - FilmTv n° 15/2019

La questione dell’autore al cinema è ancora irrisolta. Se non fosse stato accolto dagli sbadigli, Dumbo di Tim Burton sarebbe un tempo diventato terreno di scontri critici sulla coerenza o meno del percorso poetico del regista. Il problema della fedeltà a se stesso di...

Visioni dal fondo - FilmTv n° 13/2019

Ha resistito a lungo un vecchio pregiudizio contro la parola al cinema secondo cui troppi dialoghi non farebbero altro che frenare la potenza della macchina da presa e le forze cinematiche del movimento. Poi la cinefilia, e con lei l’accademia, hanno compreso l’importanza della...

Visioni dal fondo - FilmTv n° 11/2019

Che estetica ha il nostro cinema popolare? Per estetica intendiamo proprio “aspetto”, senza scomodare questioni legate alla filosofia, al gusto o alle categorie del bello. Il pensiero è venuto guardando Croce e delizia, film non particolarmente...

Visioni dal fondo - FilmTv n° 09/2019

Se non fosse inquietante, la deriva del populismo sarebbe esilarante. Al momento in cui scrivo, la coda polemica su Sanremo non accenna a diminuire. Quando si legge che per il futuro “anche le selezioni” dovranno essere votate dal popolo e non da qualche gruppetto che protegge...

Servizio - FilmTv n° 08/2019

The Prick 

Prick, nei vari dizionari inglesi consultati, con accezione volgare definisce brutalmente le qualità di una persona: “cazzone”. Earl Stone è un cazzone. È uno dei pochi, veri prick che Clint Eastwood ha interpretato nella sua carriera. Un...

Visioni dal fondo - FilmTv n° 07/2019

In un episodio di Il metodo Kominsky, Norman - il personaggio interpretato da Alan Arkin - è sdraiato sul divano, intento a guardare Cocoon - L’energia dell’universo di Ron Howard. Rifiutando l’invito a uscire dell’amico Sandy, gli spiega al telefono quanto sia diverso...

Visioni dal fondo - FilmTv n° 05/2019

Ogni volta che parlo di critica con qualche appassionato, l’interlocutore confessa sempre la stessa perplessità. Quella di trovarsi di fronte a una pletora di giudizi diversi, anche opposti, dove un critico può dare 2 a un film e un altro 10. Un mondo in cui, a parte qualche algoritmo del...

Visioni dal fondo - FilmTv n° 03/2019

I Golden Globe, assegnati nella notte tra il 6 e il 7 gennaio 2019, vengono valutati come i più importanti premi della stagione americana prima che arrivino gli Oscar. Per le serie televisive, il prestigio non è lo stesso degli Emmy (dove si vota anche per categorie tecniche sorprendenti e...

Visioni dal fondo - FilmTv n° 01/2019

Il sistema cinematografico italiano continua a essere attraversato da follie e paradossi. Per un 2019 che sta cominciando sotto i migliori auspici (listini pieni di titoli appetibili e finalmente un’estate all’altezza), rimangono rigidità e oligopoli di tipo feudale. Qualche...

Speciale - FilmTv n° 52/2018

Il bello della carriera di Bertolucci è che non è mai stata, proprio mai, uguale a se stessa. The Dreamers si incastona nell’ultima parte della carriera del regista con una sincerità disarmante. Buffo, perché proprio di formalismo e di condiscendenza letteraria è stato spesso accusato...

Cinerama - FilmTv n° 52/2018

Nella stroncatura del “The New Yorker”, Richard Brody parla di «equivalente cinematografico di una t-shirt di Che Guevara creata da un designer». Visto che è antipatico farsi scudo di colleghi stranieri, spieghiamo con parole nostre perché Suspiria ci pare un mezzo disastro. Pur...

Il Sassolino - FilmTv n° 51/2018

«Perché piangi?», chiede a un certo punto Nanni Moretti a uno degli intervistati di Santiago, Italia (recensione su Film Tv n. 50/2018). È evidente a tutti perché piange: sta ricordando un passato doloroso, come tutti i cileni ascoltati dal regista, e...

Visioni dal fondo - FilmTv n° 51/2018

Ode alla curiosità. Di recente, mi è capitato di partecipare in Emilia Romagna a un progetto pilota, finanziato dalla regione e sostenuto da associazioni di categoria e sale d’essai, grazie al quale abbiamo provato a fare formazione del pubblico. La cosa in sé non è certo una...

Visioni dal fondo - FilmTv n° 49/2018

Dunque, in queste ore, una Cineteca (quella di Bologna) sta distribuendo in sala un film di Netflix, prima che il titolo in questione approdi in esclusiva sulla nota piattaforma. Se usciamo per un attimo dalle opposte tifoserie - con le categorie del settore molto contrarie e i...

Visioni dal fondo - FilmTv n° 47/2018

La nuova frontiera dell’auto-aiuto sarà quella di riuscire a disinteressarsi di qualche cosa. Non so voi, ma io sono ormai in balìa dei troppi interessi. Una cosa bella, ovviamente. È importante non limitarsi al proprio orticello e aprirsi a letture, ascolti, dibattiti,...

Visioni dal fondo - FilmTv n° 45/2018

Il fascino discreto della borghesia di Bonduel. Le notti di Cabrina di Fellini. Quella finestra sul cortile di Hitchcock. Hitchcoc. Hickox. Hixcox. Hitchokc. David Kronenberg. Kevin Kostner. La donna che visse due volte parla di una morta vivente. Fellini è...

Visioni dal fondo - FilmTv n° 43/2018

Il cinema è un dispositivo soggettivo. Nel senso che la sua storia è anche una lunga vicenda di sensazioni, suggestioni, esperienze, punti di contatto con il sensibile. Le neuroscienze hanno ampliato il loro raggio di azione sulle arti rappresentative, e il cinema non a caso ne è diventato...

Visioni dal fondo - FilmTv n° 41/2018

Diffidiamo, nel cinema come nella vita, delle persone prive di sfumature. Che giudicano i film senza mai concedere uno spiraglio. Che trovano tutto bello o tutto orrendo. Per esempio, esistono brutti film che possiedono raggi di luce innegabili. Magari una sola sequenza, magari un dialogo,...

Visioni dal fondo - FilmTv n° 39/2018

Tra le tante discussioni di queste settimane sul rapporto tra film visti in streaming (legale, s’intende) e film visti in sala, molto si è insistito sulla superiorità della visione su grande schermo. L’Associazione nazionale esercenti cinema ha scritto che «è noto a tutti che lo spettatore...

Visioni dal fondo - FilmTv n° 37/2018

Tempo fa, chiacchierando con il mio edicolante (una scena ormai d’altri tempi), mi sono sentito porre una domanda sorprendente: «Ma tu, parli mai bene di un film?». Al mio sconcerto, e all’insistenza del giornalaio, ci siamo presto resi conto dell’equivoco. Lui pensava che io,...

Visioni dal fondo - FilmTv n° 35/2018

Come sempre, la concomitanza con la Mostra del cinema di Venezia ci suggerisce una riflessione sui festival. Quest’anno la discussione pubblica ha dato il meglio e il peggio di sé. Da una parte, infatti, si è avvertito un consenso generalizzato verso il cartellone della rassegna, sulla carta...

Visioni dal fondo - FilmTv n° 33/2018

Dopo i mondiali di calcio, una delle poche trasmissioni in grado di sollevare la magra audience della televisione generalista estiva è stato Temptation Island. Non ho particolari snobismi di fronte ai programmi popolari, anche se fatico a resistere più di mezz’ora...

Speciale - FilmTv n° 32/2018

Chi ha avuto la fortuna di vedere Full Metal Jacket da giovanissimo cinefilo in sala, ricorda la potenza cinematica espressa dal film su grande schermo. Seccamente diviso in due parti, il Vietnam di Kubrick appariva da subito principalmente mentale, e molto differente dai war movie...

Pagine

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy