Alberto Pezzotta

Alberto Pezzotta

Alberto Pezzotta si è occupato di cinema italiano (Ridere civilmente. Il cinema di Luigi Zampa; Il western italiano; Regia Damiano Damiani; Mario Bava; la curatela, con Stefania Parigi, di Il lungo respiro di Brunello Rondi), di storia della critica (La critica cinematografica; la curatela, con Anna Gilardelli, di Alberto Moravia, Cinema italiano. Recensioni e interventi 1933-1990), di cinema orientale (Tutto il cinema di Hong Kong). Ha collaborato alla Storia del cinema mondiale di Gian Piero Brunetta e alla Storia del cinema italiano del CSC, oltre che a riviste come “Bianco e Nero”, "Imago", “8 1/2”. Scrive di cinema e musica su "Blow Up". Ha tradotto libri, tra gli altri, di Chinua Achebe, Eric Bogosian, Harry Crews, James Dickey, Barry Gifford, Jim Harrison, Hanif Kureishi, Lorrie Moore, Joyce Carol Oates, Hugues Pagan, Derek Raymond, Colm Tóibín.
Twitter: @APezzotta.

Editoriale - FilmTv n° 51/2015

Il mistero non è il successo di Masha e Orso. È il fatto che la serie di animazione russa sia esplosa solo nel 2015, a quattro anni dalla prima programmazione su un canale italiano. Dopodiché siamo stati invasi (parlo a nome di chi ha figli piccoli) da tutto il merchandising del caso. Perché l’...

Leggo - FilmTv n° 51/2015

Un po’ mi sorprende trovare Beppe Viola (foto sopra) nel catalogo Quodlibet, insieme a Henri Michaux e Giacinto Scelsi. Quindi non sono l’unico a leggerli tutti e tre. Ben venga, in ogni caso, la ristampa di Vite vere compresa la mia, che uscì nel 1981 per Milano Libri, un anno prima della...

Leggo - FilmTv n° 49/2015

Non so quanti ricordino uno spot della Apple in cui una ragazza rompeva con un martello lo schermo da cui vigilava il Grande fratello. Iniziava l’era del Mac: era l’orwelliano 1984, e il regista del promo era Ridley Scott. Io me l’ero dimenticato. Ma Ruggero Eugeni parte da qui, con pertinenza...

Leggo - FilmTv n° 47/2015

Perché ho deciso di leggere Il popolo di legno (Einaudi, pp. 192, € 18) di Emanuele Trevi? Penso di essere uno dei pochi che non ha amato Qualcosa di scritto, con le sue elucubrazioni misteriosofiche sulla morte di Pasolini. Il nuovo libro ha anche un paratesto poco invitante...

Leggo - FilmTv n° 45/2015

Che cosa aveva ancora da dire sull’Olocausto Martin Amis, l’autore di La freccia del tempo, che raccontava i lager con l’espediente del tempo a ritroso (quello di Il curioso caso di Benjamin Button di Francis Scott Fitzgerald e di In senso inverso di Philip K. Dick)?...

Servizio - FilmTv n° 43/2015

Perché quando si parla di Fantozzi si parla così poco di Luciano Salce? In fondo ha diretto i primi due capitoli della serie e, senza nulla togliere al genio di Paolo Villaggio, il confronto con i successivi dovrebbe essere lampante. A parte il fatto che nessuno, se non un uomo colto e ironico...

Leggo - FilmTv n° 43/2015

Da giovane non ero certo un compagno (la prima volta che votai, feci la croce sul garofano di Claudio Martelli), ma neanche un fascio. Anche perché di fasci, al Parini di Milano e poi alla Statale, negli anni 80 se ne vedevano davvero pochi. E quei pochi avevano scarso appeal: ascoltavano...

Leggo - FilmTv n° 41/2015

Decido di leggere L’ultimo arrivato (Sellerio, pp. 212, € 15) di Marco Balzano a scatola chiusa. So solo che ha vinto il Campiello, e voglio verificare che cosa premia una giuria che dovrebbe essere di comuni lettori. Spero di capire qualcosa del gusto medio, di ciò che passa oggi per...

Leggo - FilmTv n° 39/2015

Una voce del Dizionario dei luoghi comuni di Flaubert potrebbe essere: «BIOGRAFIE - Sono sempre più appassionanti dei romanzi». E un po’ è vero, anche se preferisco le autobiografie alle vite scritte da altri. Queste ultime sono spesso pettegole, invadenti, ottuse. Mentre trovo...

Leggo - FilmTv n° 37/2015

Volevo, per una volta, vedere solo le figure e leggere il meno possibile. Così mi cade l’occhio sul graphic novel (o come lo volete chiamare) Qui di Richard McGuire (Rizzoli Lizard, pagine non numerate ma parecchie, € 25), di cui so solo che piace a Chris Ware (l’autore di Jimmy...

Leggo - FilmTv n° 33/2015

Lo so, la nuova edizione di Scrittori e popolo di Alberto Asor Rosa, seguita dall’inedito Scrittori e massa (Einaudi, pp. 432, € 32) non è una lettura da spiaggia. Ma solo in estate si ha tempo per affrontare certi tomi. Nel 1965 Scrittori e popolo sferrò un attacco...

Leggo - FilmTv n° 31/2015

L’estate infinita di Edoardo Nesi è un romanzo come deve essere un romanzo: divorabile, storicamente e sociologicamente preciso, con una lingua originale nel suo toscaneggiare hard (chi capisce, all’impronta, cosa vuol dire «becco di ganza»?), ma mai leziosa o intorcinata, pieno di...

Leggo - FilmTv n° 29/2015

Ho sempre usato e consigliato Il cinema secondo Sonego di Tatti Sanguineti, che tra l’altro mi sembra imprescindibile per capire come nasce la commedia all’italiana (mentre la storiografia ha sempre privilegiato la linea Age-Scarpelli). Inizia tutto al tavolo di sceneggiatura di Il...

Leggo - FilmTv n° 27/2015

Alla fine la data promessa per la prima di The Other Side of the Wind (maggio 2015) non è stata rispettata. E mentre si allunga l’attesa degli inediti dell’autore di Quarto potere, ci si consola con A pranzo con Orson Conversazioni tra Henry Jaglom e Orson Welles,...

Leggo - FilmTv n° 25/2015

L’imprevisto apprezzamento di La solita commedia: Inferno mi spinge a recuperare Osnangeles (Baldini & Castoldi, pp. 308, € 15) di Francesco Mandelli, con buona pace per la relativa inattualità. Per quanto mi riguarda poteva essere candidato allo Strega, che una volta vinse A...

Leggo - FilmTv n° 23/2015

Due persone che conoscevo e che erano stati partigiani non hanno fatto in tempo a festeggiare il 70° anniversario della Liberazione: mio zio Battista, astigiano, e il bergamasco Giulio Questi. Uno poi divenne carabiniere, l’altro regista. Mio padre invece mi raccontò la stessa cosa che molti...

Cinerama - FilmTv n° 23/2015

Un film in cui la voce narrante (quella dalla dizione idiosincratica di Fausto Paravidino) ha più spazio e peso dei dialoghi. Un film ambientato non si sa bene quando (dagli anni 70 si piomba ai nuovi grattacieli milanesi) e dove (da Milano si salta alla Sapienza di Roma). Un film dove si passa...

Leggo - FilmTv n° 21/2015

Perché Atti osceni in luogo privato di Marco Missiroli (Feltrinelli, pp. 256, € 16) piace tanto? L’aletta dice che sembra un film di Truffaut, i protagonisti vedono film di Truffaut (e sembra che nel 1980 abbiano già a disposizione le VHS: è uno dei tanti anacronismi di un libro...

Leggo - FilmTv n° 17/2015

In momentanea fuga dall’attualità, dai titoli che incombono e di cui tutti parlano, mi imbatto in Kew.Rhone. di Peter Blegvad (pp. 192, www.uniformbooks.co.uk) e decido di recensirlo, anche se è un libro inglese, e anche se – sono realistico...

Leggo - FilmTv n° 15/2015

Umberto Eco romanziere ha spesso suscitato dubbi e soprattutto invidie. E Numero zero (Bompiani, pp. 224, € 17), nella sua forma di divertissement dalla mole ridotta, è più difficile da incasellare rispetto ai suoi libri precedenti. È ambientato nel 1992 di Mani pulite e delle...

Leggo - FilmTv n° 13/2015

Lo ammetto: lo aspettavo al varco, Slavoj Žižek, sul tema del terrorismo islamico. Anni fa ricordo su “Il manifesto” suoi articoli demenziali in cui diceva che il vero pericolo non stava nell’integralismo ma nel liberalismo multiculturale. Ora, sull’onda delle stragi di Parigi, ci propone come...

Leggo - FilmTv n° 11/2015

La censura cinematografica parrebbe una cosa del secolo scorso. Oggi le sfumature di grigio escono con un divieto ai minori di 14 anni impensabile anche solo dieci anni fa (sennò come si vende in televisione?). E chi ha meno di quarant’anni, temo, non ha mai provato l’impareggiabile...

Leggo - FilmTv n° 09/2015

Visto che Il pappagallo di Flaubert di Julian Barnes esce per Einaudi (pp. 232, € 19) in una nuova traduzione (di Susanna Basso), avevo voglia di leggerlo e le mie scelte per questa rubrica sono all’insegna dell’arbitrio, vi servo 2.386 battute di recensione che non hanno altro senso se non...

Leggo - FilmTv n° 07/2015

Inizio Sottomissione (Bompiani, pp. 254, € 17,50) di Michel Houellebecq cercando di saperne il meno possibile, di ignorare le stragi del 7/1 (c’entrano con questo romanzo? No e sì. Comunque Sottomissione aveva forza prima, e ce l’ha dopo). È da un po’ che non leggo un suo...

Leggo - FilmTv n° 05/2015

Sandro Veronesi è un grande scrittore, e sa fare cose che non riescono a molti suoi colleghi tanto cari ai recensori. Per esempio, rendere credibili personaggi che fanno strani mestieri (rivenditore di auto usate), senza dare l’impressione di essersi frettolosamente documentato. E poi, più che...

Leggo - FilmTv n° 03/2015

Il capitano Bellodi diceva che bisognava andare in Sicilia per capire l’Italia. Oggi bisogna andare in Puglia? Da più di dieci anni abbondano i romanzi (e film) che cercano di rendere emblematica Taranto con i suoi crimini ecologici, Bari con la sua borghesia avida, improduttiva e ignorante per...

Leggo - FilmTv n° 01/2015

Scrive Leonardo Gandini che nella scuola contemporanea ogni discorso sulla violenza viene esorcizzato «parlando insistentemente di tolleranza e solidarietà». Da cui l’idea di un saggio per affrontare questo tabù, dalla prospettiva del mondo delle immagini: Voglio vedere il sangue - La...

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy