Filippo Mazzarella

Filippo Mazzarella

Filippo Mazzarella (1967) va al cinema da circa 49 anni e da almeno venti macina una media di due film al giorno senza sapere perché né tantomeno capendo esattamente cosa vede. Allo stesso modo, possiede 12.000 dischi che non ha mai ascoltato e 40.000 albi a fumetti che non ha mai letto. Nonostante il vizio del millantato credito, oltre che a FilmTV collabora anche a Corriere della Sera – ViviMilano, alle riviste Ciak e SegnoCinema e al prestigioso Dizionario Mereghetti. Direttore artistico di Cartoomics e consulente di Asti Film Festival, nel tempo libero vorrebbe completare la sua collezione di giocattoli vintage di Star Wars. Ma non ne ha, di tempo libero.
Profilo Facebook

Mulholland Drive - FilmTv n° 52/2015

Arriva Checco Zalone. Un genio, a scanso di equivoci. Quo vado?, dal 1° gennaio 2016 in sala, è la sua quarta fatica col fedele sodale (regista e cosceneggiatore) Gennaro Nunziante. Mentre scrivo, gli ooooh di meraviglia sono tutti per gli otto milioni e mezzo d’incasso nel primo...

Mulholland Drive - FilmTv n° 50/2015

Rapallo. 2 luglio 1980. Ero al mare da un giorno. Avevo 13 anni e dal 1978 già leggevo le riviste americane di cinema di genere come “Starlog”, “Fangoria” o “Famous Monsters”. Gli spoiler erano ancora solo gli alettoni delle macchine da tamarri. La parola “rete”, nell’immaginario collettivo,...

Mulholland Drive - FilmTv n° 48/2015

Fino a pochi anni fa credevo di essere ateo. O meglio: che Dio mi avesse voluto ateo, per tenere aperta una possibilità, hai visto mai. Poi ho scoperto che, come molti, probabilmente sono solo agnostico. Che in parole (molto) povere può anche voler significare che vorrei credere e non ci riesco...

Mulholland Drive - FilmTv n° 46/2015

Un giorno, un maestro zen radunò i discepoli e, agitando loro un bastone sotto il naso, disse: «Cosa è questo? Rispondetemi che è un bastone: vi bastonerò. Rispondetemi che non è un bastone: vi bastonerò. E se non risponderete nulla, io vi bastonerò. Ebbene, ora voglio ascoltare una risposta...

Mulholland Drive - FilmTv n° 44/2015

«Noi dei quotidiani siamo i critici della prima eco. In termini militari siamo come i guastatori e i ricognitori che precedono il grosso delle truppe, aprendo la strada. Dunque, i più esposti agli errori di percorso e di tiro». È una riflessione contenuta nella singolarmente fondamentale...

Mulholland Drive - FilmTv n° 44/2015

In certe stanze d’albergo così perfette e anonime da risultare inospitali, càpita, la notte, d’imbattersi in film che mai scientemente sceglieremmo di rivedere. Tipo La scelta di Sophie (opera minore di un regista sopravvalutato come Pakula, di cui i più giovani nemmeno sospettano l’...

Mulholland Drive - FilmTv n° 42/2015

Molti critici/giornalisti di cinema (c’è differenza) della mia generazione hanno inizato a scrivere quando “Ciak” vendeva otto miliardi di copie e le recensioni di “Repubblica” o del “Corsera” erano in grado, se non di orientarle, almeno di spostare le masse. Un’epoca in cui si guardava un fax...

Mulholland Drive - FilmTv n° 40/2015

«E sei sempre lì a parlare dell’età... ma è proprio necessario poi?» cantava Enzo Jannacci in Parlare con i limoni. Un titolo che era il suo modo sublime per dire che prima o poi a sbattere contro un qualche mulino a vento o a chiacchierare con una mucca al passaggio a livello ci si...

Muzik - FilmTv n° 38/2015

Non c’è niente da fare. Wayne Coyne (ovvero il signor Flaming Lips, ovvero una delle band più assurdamente incontrollabili e seminali di ogni tempo) si è votato a far incazzare l’ortodossia rock con progetti sempre più folli e in apparenza gratuiti. Non che non ci avesse mai provato: nel 2009,...

Mulholland Drive - FilmTv n° 38/2015

Ansa.it/Cultura. Copio pari pari un lancio di venerdì 11 settembre 2015. «Il film tra bianchi e nero, colore e interventi surreali, arriva ad un finale a cui non manca amarezza e speranza. Gaudino, classe 1957, torna a Venezia dopo 30 anni, quando aveva portato il corto Alvis. Il suo ultimo...

Mulholland Drive - FilmTv n° 36/2015

Sarà che non ci sono più le vacanze di una volta. Sarà che la Crisi con cui ci terrorizzano ha contorni e confini e declinazioni strani che saranno tristemente e sorprendentemente chiari solo quando non ci saremo più («Si lamenta l’impresario che il teatro più non va/ma non sa rendere vario lo...

Mulholland Drive - FilmTv n° 34/2015

A Berlino, tre settimane fa, ho rivisto Vizio di forma di P.T. Anderson. Proiettato da Blu-ray, in originale con sottotitoli, su un luminoso schermo di 8 x 4, nel giardino di un immenso centro sociale. In compagnia di 400 spettatori educati e silenziosi, che al termine dello spettacolo...

Muzik - FilmTv n° 32/2015

Dischi per l’estate 3. In pista da un quarto di secolo, felici di suonare come se ogni volta fosse l’ultima (o la prima), gli irlandesi Therapy? sono stati l’unico gruppo d’impronta alt/metal (con tendenze power pop) espresso da quelle lande a distinguersi a livello mondiale (e a vendere...

Mulholland Drive - FilmTv n° 32/2015

Qualche settimana fa è diventato virale un breve video in cui Arnold Schwarzenegger, truccato da Terminator, terrorizza i visitatori di un museo delle cere animandosi improvvisamente dopo aver finto per un po’ di essere una statua. Reale o meno che fosse la situazione (le reazioni del pubblico...

Mulholland Drive - FilmTv n° 30/2015

Non so quanti di voi sappiano cosa sia una steelbook. Mi perdonino i già edotti, ma lo spiego: una steelbook è una particolare custodia in metallo (generalmente con artwork realizzato ad hoc) che sostituisce la tipica amaray di plastica azzurra e racchiude, impreziosendolo, un...

Mulholland Drive - FilmTv n° 28/2015

Considerando il periodo della stagione cinematografica alla vecchia maniera (cioè dal 1° agosto dell’anno precedente al 31 luglio di quello successivo) anziché misurarlo sull’anno solare, nel corso della stagione 2014/2015, in procinto di chiudersi, sono usciti in sala (salvo errori) 41 titoli...

Mulholland Drive - FilmTv n° 26/2015

Dati d’ascolto alla mano, la premiazione dei David di Donatello 2015, andata in onda in differita in seconda serata su Rai1 venerdì 12 giugno 2015, ha totalizzato 900.000 e rotti spettatori per uno share del 9,50% (a quell’ora la media dell’ammiraglia Rai è del 15%) malgrado il traino di...

Mulholland Drive - FilmTv n° 24/2015

La critica cinematografica (Carocci, pp. 128, € 12) di Alberto Pezzotta è un piccolo e prezioso volumetto del 2007 che ogni lettore di Film Tv dovrebbe possedere (e per cui l’autore non è mai stato adeguatamente ringraziato dal nostro piccolo mondo) che per fortuna mi è tornato tra le...

Mulholland Drive - FilmTv n° 22/2015

La cultura può essere perfezionata solo dallo spirito critico, e si può anzi dire che faccia tutt’uno con essa. Perché chi altri è il vero critico se non colui che porta dentro di sé i sogni, le idee e i sentimenti di miriadi di generazioni, e a cui nessuna forma di pensiero è aliena,...

Mulholland Drive - FilmTv n° 20/2015

Tu lo rifai, io lo ridico: perché si sa che certi signori leggono poco, ma magari hanno degli amici che possono riferire (l’editore si ritenga libero di corrispondere gli emolumenti relativi a questo pezzo in misura ridotta). Allora, caro signor X., se io compero due biglietti da € 7,50 in uno...

Mulholland Drive - FilmTv n° 18/2015

Niente di grave, suo marito è incinto. Uhm. Non drammatizziamo... è solo questione di corna!. Sembra un dialogo demenziale, ma sono due film che i lettori più attempati ricorderanno. Il primo, una commediola che in originale faceva L’événement le plus important depuis que...

Mulholland Drive - FilmTv n° 16/2015

Una delle cose più divertenti (e ce ne sono molte) di Mia madre di Nanni Moretti è l’apparentemente incomprensibile/irrealizzabile indicazione di regia agli attori su cui l’autrice Margherita (Buy: tranne John Turturro, tutti i personaggi della storia reale del film hanno i veri nomi...

Mulholland Drive - FilmTv n° 14/2015

Vedere o non vedere, questo è il problema. Non vedere o fingere di vedere, eccone un altro. Morire, certo. Dormire, anche. Sognare, forse: ma sì, è qui l’ostacolo. Perché in quel sonno di morte (al lavoro), quali sogni possano venire dopo che ci siamo cavati di dosso questo groviglio mortale...

Mulholland Drive - FilmTv n° 12/2015

Sembra incredibile, ma tanti anni fa, quando esisteva il Cinema, il pubblico (un certo tipo di pubblico, oggi numericamente a rischio d’estinzione o già estinto) riusciva a eleggere a suo beniamino anche un autore. Sì. Mentre l’universo mondo amava/desiderava le star, come...

Mulholland Drive - FilmTv n° 10/2015

Alla fine l’importante è non prenderli troppo sul serio. Gli Oscar, dico. Ché già ci pensano loro a farsi ridere alle spalle. Prendete questa storia delle nomination al miglior film. Sono state cinque per decenni, ovvero lo stesso numero delle candidature alla miglior regia (due premi che,...

Mulholland Drive - FilmTv n° 08/2015

Qualsiasi cosa “è”, sarà “era”. Al termine di Piccolo Buddha di Bertolucci, una mano disfa un mandala. Ve lo ricordate? Probabilmente no, a meno che all’epoca della sua uscita non siate rimasti in sala fino alla fine dei titoli di coda o non abbiate fatto la stessa cosa (ri)vedendolo...

Mulholland Drive - FilmTv n° 06/2015

Faccio parte di una categoria per cui stare tre giorni a letto ammazzato da quaranta di febbre non è una disgrazia, ma un vantaggio. E già di questo dovrei ringraziare Dio o chi per lui. Per esempio (giorno 1): ho saltato (giustificato, come si diceva a scuola) ben tre anteprime stampa di...

Mulholland Drive - FilmTv n° 04/2015

«È andata così. Proprio come sentivo che poteva andare». Sta andando così. Sono terrorizzato. Siamo terrorizzati. [Non solo dai fuoricampo delle immagini dei tg, ormai prive anche del fascino perverso e kolossal e mozzafiato della moltiplicazione infinita dei punti di vista dell’attacco alle...

Mulholland Drive - FilmTv n° 02/2015

Caro Esercente, alla luce di quanto accaduto in questi giorni […] con il nostro film XXX, pensiamo sia indispensabile mettervi al corrente che riteniamo giunto il momento di sancire una regola che in futuro tuteli e legittimi l’operato di YYY Pictures Italia: d’ora in avanti, a qualsiasi...

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy