Filippo Mazzarella

Filippo Mazzarella

Filippo Mazzarella (1967) va al cinema da circa 49 anni e da almeno venti macina una media di due film al giorno senza sapere perché né tantomeno capendo esattamente cosa vede. Allo stesso modo, possiede 12.000 dischi che non ha mai ascoltato e 40.000 albi a fumetti che non ha mai letto. Nonostante il vizio del millantato credito, oltre che a FilmTV collabora anche a Corriere della Sera – ViviMilano, alle riviste Ciak e SegnoCinema e al prestigioso Dizionario Mereghetti. Direttore artistico di Cartoomics e consulente di Asti Film Festival, nel tempo libero vorrebbe completare la sua collezione di giocattoli vintage di Star Wars. Ma non ne ha, di tempo libero.
Profilo Facebook

Mulholland Drive - FilmTv n° 51/2020

Fine anno, tempo di classifiche e bilanci. Sappiamo bene come il 2020 sia stato - ahinoi - “particolare” e vale la pena soffermarsi su alcune delle cose che ci ha insegnato. Per esempio, che una volta in Italia uscivano al cinema circa 500 film all’anno di cui neanche un terzo...

Servizio - FilmTv n° 50/2020

THE COMPLETE 1969 RECORDINGS KING CRIMSON, DGM, DA €153
Dopo una serie infinita di ristampe, protrattasi negli anni per regalare nuove esperienze di ascolto del capolavoro In the Court of the Crimson King, arriva l’orgia definitiva, con la raccolta di tutte le...

Mulholland Drive - FilmTv n° 49/2020

Riapro per caso Tempo di uccidere di Ennio Flaiano, e mi metto a cercare le mie sottolineature di gioventù (a matita, come un tempo si usava). Per un nutrito numero di pagine non ne trovo nemmeno una, poi per caso mi cade l’occhio su tre righe in cui il segno della grafite è calcato...

Mulholland Drive - FilmTv n° 47/2020

Confusi e infelici. L’ormai famigerato Mulan esce in Blu-ray e dvd (quest’ultimo formato anche in allegato a “TV Sorrisi e canzoni”, a un prezzo inferiore di quello a cui lo si trova su Amazon, dove è diventato disponibile pure su Prime Video Store che lo noleggia a meno di quanto...

Cinerama Piattaforma - FilmTv n° 47/2020

Il protagonista di The Head Hunter è un cacciatore di mostri: un po’ perché è il suo “mestiere” (un corno/sirena che risuona nel nulla lo chiama a un “dovere” sporadicamente operaio), un po’ perché una delle creature che non è riuscito a sconfiggere gli ha ucciso la figlia e la sua...

Mulholland Drive - FilmTv n° 45/2020

Il “piano B”, per affrontare l’imprevisto. Tutti ne dovremmo avere uno, ché nella vita, si sa, non c’è niente che dura. Certo, se gli eventi con cui confrontarsi sono la malattia o la morte è noto che si possa fare ben poco; ma a tutto il resto, come ci dicevano i nonni, c’è...

Mulholland Drive - FilmTv n° 43/2020

Forse l’ho già scritto da qualche parte, probabilmente proprio qui. La prima volta che ho visto Au hasard Balthazar è stato su un vecchio televisore Mivar da 15” che avevo in cameretta. Questo non mi ha impedito di rimanere astratto dal mondo per 95 minuti al termine dei quali avevo...

Mulholland Drive - FilmTv n° 41/2020

Anni e anni a sostenere (magari non a torto) che lo strapotere di Hollywood ha progressivamente tolto spazio alla diffusione delle cinematografie altre. Che i blockbuster soffocavano il prodotto nostrano. Che il futuro sarebbe stato dei multiplex a 200 schermi di avidi esercenti lieti...

Cinerama - FilmTv n° 39/2020

Gli anni 80 di Lacci film stanno agli anni 60 di Lacci romanzo come più o meno l’età anagrafica di Luchetti a quella di Starnone. L’operazione di aggiornamento/aderenza autoriale (?) è quindi legittima, sia che si tratti di una traslazione intima e/o...

Mulholland Drive - FilmTv n° 39/2020

Quindi, ricapitolando. Mentre Mulan ha dato risultati superiori alle aspettative (incremento di abbonati alla piattaforma e introiti VOD a Disney+ per centinaia di milioni di dollari, pare), il flop relativo nelle sale di Tenet su cui erano...

Mulholland Drive - FilmTv n° 37/2020

Come già saprete (e se non lo sapete conviene che vi informiate altrove prima di proseguire perché non basterebbero tre pagine per riassumere tutto), l’Academy ha definito nuove regole in nome dell’inclusività per quel che concerne le caratteristiche che dal 2024 dovrà possedere ogni...

Mulholland Drive - FilmTv n° 35/2020

Si parla di frontloading, al cinema (ormai anche da noi), quando il pubblico potenziale di un film si riversa nelle sale compatto per vederlo durante il suo weekend di apertura generando incassi cospicui ma che poi paradossalmente potrebbero non...

Mulholland Drive - FilmTv n° 33/2020

Una regola aurea per ogni bene che non sia di prima necessità: «Il prezzo lo fa chi vende, i soldi li amministra chi compra». Vale per il collezionismo, per esempio. E per lo spettacolo? Vale. Assolutamente. Poi lo so anch’io che 90 euro per il parterre di Nick Cave ad Assago sarebbero stati...

Mulholland Drive - FilmTv n° 31/2020

L’algoritmo. Concetto matematico (e semiotico): per farla breve, sennò mi va via tutto lo spazio, un metodo per sviluppare un modello scientifico su basi di calcolabilità. Gli algoritmi si usano per risolvere il cubo di Rubik, per dire: o anche, in letteratura, per determinare schemi narrativi...

Mulholland Drive - FilmTv n° 29/2020

Conti da bar. Stando a Wikipedia (eh, vabbe’), ad aprile 2020 Netflix avrebbe superato i 180.000.000 (lo scrivo in cifre che fa più paura) di abbonati nel mondo. Probabilmente mentre sto scrivendo sarà più vicina ai duecento milioni (lo scrivo così, così fa meno paura). Il che significa che per...

Mulholland Drive - FilmTv n° 27/2020

Ci sono diverse cose che avrei voluto fare in questo numero. La prima era una lettera aperta ai distributori. Titolo: Perché i film che continuate a buttare in streaming non li avete dati in blocco alle sale che hanno deciso di riaprire lasciandole a rattoppare l’offerta con roba scaduta o...

Servizio - FilmTv n° 27/2020

Lo avevamo lasciato a Triplicate (2017), la ciclopica antologia di cover del...

Mulholland Drive - FilmTv n° 25/2020

Si è parlato molto, per motivi diversi, di due film sgangherati e “brutti”: Da 5 Bloods - Come fratelli di Spike Lee e Artemis Fowl di Kenneth Branagh (vedi Film Tv e n. 24 e 25 / 2020). Vedo già le vostre facce. Il primo è una produzione Netflix, e come tutte...

Mulholland Drive - FilmTv n° 21/2020

Col finale del celeberrimo Il carcerato n. 13 (chi sta pensando «Mmmh... qual è?!» corra su YouTube che tanto è gratis; quelli che se lo ricordano come Saltarello e la forca elastica sono dispensati per anzianità), Buster Keaton introduce nel suo cinema un espediente canonico...

Mulholland Drive - FilmTv n° 19/2020

Ultimamente faccio sogni stranissimi (e non bisogna essere zio Sigmund per capire il perché). Tipo che l’altra notte sogno che ho un cinema nella Fase 3 (nella 2, be’, la vedevo dura anche nella fantasia). Una saletta, niente di che. 300 posti. Sono lì col mio bel protocollo che dice «una fila...

Mulholland Drive - FilmTv n° 17/2020

Due sere fa ho cercato di rivedere Zootropolis. Voi capirete. Gli inediti delle piattaforme nella maggior parte dei casi mi deprimono, i titoli importanti usciti dritti in streaming li ho già visti quasi tutti, non ho più Sky da tre anni (e vivo benissimo) e quello che passa nei...

Mulholland Drive - FilmTv n° 15/2020

Sembra sia già arrivato il momento di tirare alcune somme. Nel senso. La distribuzione si è ormai fermata a livello mondiale: il nuovo 007, No Time to Die, già pronto, ha aperto le danze più di un mese fa annunciando il rinvio dell’uscita a novembre. Il Mulan live action della...

Punti di vista - FilmTv n° 14/2020

[09:36, 31/3/2020] Emanuele Sacchi
Anche se fosse stata registrata nel 2013, come dicono, la canzone ora assume un significato diverso. È come se spostasse l’asse dell’inizio della fine universalmente riconosciuto, il 1969, a sei anni prima. Non più Manson e...

Mulholland Drive - FilmTv n° 13/2020

Prendiamo Hegel, per esempio, che è sempre un bel rifugiarsi, perdersi, interrogarsi. Per la precisione, l’idea dello spirito di sistema: ovvero la condizione per cui si presume che una parte sia comprensibile solo a patto di partire dal tutto a cui attiene. Secondo Hegel, ogni...

Servizio - FilmTv n° 11/2020

il consiglio di PEDRO ARMOCIDA
Bertolucci secondo il cinema di Gianni Amelio (su RaiPlay), che ruba - parole sue - il cinema di Bertolucci sull’incredibile set di Novecento. La suadente voce off di Bernardo (che il 16...

Mulholland Drive - FilmTv n° 09/2020

Diciamoci la verità. Tutte le volte che il cinema ha provato a immaginare seriamente un possibile scenario futuro tecnologico/avveniristico, non è che ci abbia mai preso troppo. Certo, il 2001 di Kubrick sembrava davvero un 2001 possibile: poi il 2001 è arrivato e l’...

Mulholland Drive - FilmTv n° 07/2020

Allora. Parasite è un film straordinario, soprattutto in senso puramente etimologico. È uno di quegli ormai rari film-mondo in grado di creare un sistema universale a sé (di segni, luoghi, significati) e di catturare il plauso di qualunque pubblico a qualsiasi latitudine con la sola e...

Musicabilia - FilmTv n° 05/2020

30 anni fa esatti era perfettamente normale che si salutasse come un piccolo capolavoro l’album d’esordio dei Black Crowes Shake Your Money Maker (Def American, 10t, 54:53). E si capisce. Intanto perché chi ascoltava rock non era ancora visto come una mosca bianca o,...

Mulholland Drive - FilmTv n° 05/2020

Piano sequenza (andrebbe scritto staccato): un’inquadratura unica, generalmente lunga, senza stacchi, in unità di tempo, che sfrutta la molteplicità dei piani interna al quadro e che da sola ha valenza narrativa di un’intera scena, normalmente ottenuta al cinema mediante il montaggio....

Musicabilia - FilmTv n° 03/2020

A gennaio del 1980, il punk da copertina (quello del 1977, ovviamente, ché altrimenti datare con precisione il genere diventa impresa titanica, con la lente analitica da spostare indietro di almeno un lustro) è già una specie di ricordo. La new wave è uscita dalla nicchia, il post-punk bussa...

Pagine

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy