Filippo Mazzarella

Filippo Mazzarella

Filippo Mazzarella (1967) va al cinema da circa 49 anni e da almeno venti macina una media di due film al giorno senza sapere perché né tantomeno capendo esattamente cosa vede. Allo stesso modo, possiede 12.000 dischi che non ha mai ascoltato e 40.000 albi a fumetti che non ha mai letto. Nonostante il vizio del millantato credito, oltre che a FilmTV collabora anche a Corriere della Sera – ViviMilano, alle riviste Ciak e SegnoCinema e al prestigioso Dizionario Mereghetti. Direttore artistico di Cartoomics e consulente di Asti Film Festival, nel tempo libero vorrebbe completare la sua collezione di giocattoli vintage di Star Wars. Ma non ne ha, di tempo libero.
Profilo Facebook

Cattivi pensieri - FilmTv n° 52/2011

Zappando (sta per “facendo zapping”), m’imbatto per caso in un signore di mezza età impegnato nella televendita di un montascale per signori di terza età. Me ne serve uno, per motivi che a voi non interesserebbero mai. Per cui, sto a guardare per qualche secondo. E riconosco l’imbonitore: è...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 51/2011

Caro Gesù Bambino, stavolta devi stupirci. Ché malgrado il rischio default ancora lì che ci guarda, di regali belli nell’ultimo mese (dal 12 novembre 2011 in qua, diciamo) ne abbiamo già ricevuti parecchi. Per esempio, ma cito a caso: il canone televisivo nell’Unico delle Imprese. Sabina...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 50/2011

«Non si può vivere senza una scena politica. Quando questa non c’è, come in Italia, emerge allora la necessità di una finzione di scena politica. E, per renderla credibile a chi non ci crede, si esagerano gli effetti: in assenza di cause e anche di idee, si è deciso di calcare appunto la mano e...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 48/2011

La lunga estate calda che si indicava come responsabile unica dei mancati incassi d’inizio stagione è finita. [Tragicamente, direi: ché a furia di piovere e governo ladro, il debito pubblico non è certo aumentato in conseguenza di opere di prevenzione del dissesto...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 47/2011

Spira un’aria dimessa, evviva. Ma per un Caimano che lascia e raddoppia, c’è un Leviatano morente che tira colpi di coda. Come, per esempio, l’ultimo regalo al Paese in extremis del ministro della cultura uscente: ovvero il decreto di nomina della nuova commissione per il cinema...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 46/2011

Premettendo che i giudizi di valore personali sui singoli film non hanno alcun peso sul senso delle righe che seguono (così come il sindacare l’operato delle commissioni di selezione), devo capire bene perché ho la sensazione che quest’anno a Venezia sia scattata quella sindrome sciovinista di...

Cinerama - FilmTv n° 45/2011

Storia vera. 1° giugno 1970: in un'Italia all'indomani di Piazza Fontana e già nel cono d'ombra degli Anni di Piombo, tre militanti pisani di Lotta Continua si convincono della imminenza di un golpe in stile Papadopoulos 1967. Uno è il tormentato cantastorie Pino Masi (Santamaria, bravo),...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 45/2011

Il 1° settembre 2011 il Comune di Milano ha aumentato il costo del biglietto ordinario urbano per i mezzi di superficie e la metropolitana: da € 1, il titolo di viaggio è passato a € 1,50. In termini percentuali, un rincaro del 50% dall’oggi al domani di un servizio pubblico che (potrò...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 44/2011

Io confesso. Sarà forse uno shock per le anime belle che compulsano i 400 Colpi e inevitabilmente ci trovano cifre da minime all’estero, ma il sottoscritto venera da sempre Massimo Boldi pur non avendo alcuna indulgenza per quello spettacolo avvilente che sono i suoi film post De Sica...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 42/2011

Ai tempi in cui Italia OnLine del gruppo Olivetti regalava una striminzita homepage personalizzabile, ero solito “postare” (il termine però non si usava ancora) brevi considerazioni, micro recensioni, mini provocazioni. Poi mandavo una mail agli amici con il link alla pagina e aspettavo un’...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 41/2011

Gioca, precario, tutto va bene. Qualche cattivo pensiero addietro, mi rivolgevo a un trasformista Gregor Samsa indispettito dalla nonchalance ideologica che lo ha visto passare a testimonial di quella macchina della fortuna a cui gli italiani meno abbienti e più illusi devolvono...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 40/2011

Citiamo. «Quando facevo il critico, pensavo che un film per essere riuscito dovesse esprimere simultaneamente un’idea del mondo e un’idea del cinema» (François Truffaut). E anche. «Il cinismo è l’arte di vedere le cose come sono e non come dovrebbero essere» (Oscar Wilde). Un criticocinico...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 39/2011

Con un comunicato laconico e sobrio, com’è da sempre loro stile, i R.E.M. hanno annunciato il loro scioglimento. «The skill in attending a party is knowing when it’s time to leave» («L’arte dello stare a una festa è capire quand’è ora di andare») dice Michael Stipe. Santo pensiero, che per...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 38/2011

Un giovanissimo blogger musicale di L.A. mi mostra pavone la sua collezione di 21 mila e rotti “album”. Virgolette. Ché per quanto maniacalmente completi di copertine, testi e perfino eventuali inserti, gli “album” stanno tutti in una scatolina nera grande come due pacchetti di sigarette:...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 37/2011

…à rebours, per decenni. 1951: Rashomon di Kurosawa. 1961: L’anno scorso a Marienbad di Resnais. 1971: Mostra non competitiva. 1981: Anni di piombo della Von Trotta. 1991: Urga. Territorio d’amore di Mikhalkov. 2001: Monsoon Wedding...

Cinerama - FilmTv n° 36/2011

Sarà che il cinema di Gaglianone ruota da sempre attorno a un'idea di urgenza morale che già nel romanzo di Massaron emerge a fatica malgrado il tema forte della pedofilia; sarà che dopo il balzo in avanti di Pietro tornare a misurarsi a livello di struttura narrativa con quelle...

Editoriale - FilmTv n° 35/2011

…e si perpetua l’officio del rito veneziano, con l’attenzione tricolore tutta concentrata al solito sulle luci dei tre titoli in Concorso (e le ombre dell’annunciato quarto, Amelio, che se n’è andato in trasferta altrove…) e sull’extraterritorialità da coloristi del VascoRossiMovie che va a...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 34/2011

L’invisibile überflop (devo riconoscere il copyright della definizione ad Andrea Fornasiero) negli Stati Uniti di Milo su Marte, che da noi in sala ha fatto solo un’uscita tecnica per poi finire (male) sugli scaffali delle poche videoteche ancora esistenti, è stato la goccia che ha...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 32/2011

Domenica, e niente da fare. Zampetto per ore tra blog, Facebook, siti di critica online. Passo in rassegna i film più importanti dell’ultimo mese. E vedo e sento e avverto che dietro la superficialità e la tronfia presupponenza di quasi ogni parola e opinione e posizione di recensori a me...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 31/2011

Anders Behring Breivik. Nome perfetto per un regista “dogma”, se ancora ne esistesse qualcuno. Ma anche per passare alla cassa dei quindici minuti di fama e Storia che a nessuno più si negano come quello di un giovine nazi-idealista che da solo è stato capace di fare cento morti in un colpo...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 30/2011

Già da qualche mese mi ero ripromesso di utilizzare il pulpito dei cattivi pensieri di questa settimana solo per unirmi ai festeggiamenti (che spero siano stati adeguati) per gli ottant’anni del maestro Ermanno Olmi, rinunciando di fatto alla normale funzione di servizio della rubrica e...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 29/2011

All’ultima edizione della Milanesiana, Piergiorgio Odifreddi ha rispolverato per un attimo il suo “ateismo provocatore“ definendo la Bibbia come una delle grandi opere di finzione della storia della letteratura. La battuta era vecchia e, giustamente, non ha generato reazioni (anche gli esegeti...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 28/2011

Ecco. Viviamo nell’era del caos sistemico enunciato dal compianto Giovanni Arrighi come (più o meno) «l’incapacità di un sistema economico di dare risposte equilibratrici agli shock esterni che non riescono più a essere assorbiti e producono caos esponenziale». Solo che, oggi, la definizione...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 27/2011

Domanda: quando, oggi, un film è brutto? Capiamoci: non parlo di contenuti, etica, politica, “messaggio”. Solo di forma. La risposta, se confrontiamo la confezione media del cinema di consumo italiano e straniero degli anni Duemila anche solo con quella di un decennio fa, è:...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 26/2011

Prendete un genere, il fantasy storico, che normalmente non è che sia proprio sinonimo di “cool”. Prendete ora un regista senza nome, una onesta nullità. Poniamo: un Dominic Sena. Ora prendete un attore che invece un nome (e pure un Oscar) ce l’ha ma che automaticamente non garantisce sfracelli...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 25/2011

Ah, però. Ultimo segno in ordine di tempo, anche se non si capisce bene perché (del resto non si capisce neanche cosa c’entri il titolo Manifesto futurista della nuova umanità col testo dell’orrido brano), nel finale del nuovo video di Vasco, un’Origine du Monde di Courbet...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 24/2011

Succedono cose. Per esempio. Schivata la “tassa di scopo” sul cinema che avrebbe portato gli spettatori di, che so, Angelopoulos a sborsare un euro in più per agevolare i Vanzina, è in ballo un decreto sulla presenza obbligata di «personale addetto ai servizi di controllo» (leggi: buttafuori)...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 23/2011

Quattro convinzioni e un funerale. Sono convinto che se anziché «Regia di Jodie Foster» ci fosse stato scritto «Un film di Jonathan Demme» in molti avrebbero salutato Mr. Beaver come un capolavoro. Sono convinto che se Benigni al Tg1 non lo avesse paragonato a Michelangelo, Emanuele...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 22/2011

Due obnubilanti settimane di Croisette hanno fatto sì che il nuovo attacco al Festivàl del Cinema di Roma del neonato ministro della Cultura Galàn passasse inosservato dai più e ampiamente censurato dai meno. Ovvero. È successo che, durante una visita al Salone del Libro di Torino e quindi...

Cattivi pensieri - FilmTv n° 21/2011

Come si fa ad avere cattivi pensieri in questa settimana dei miracoli? Non si può. Non si deve. Nelle sale, c’è un film gigantesco, immenso, infinito, The Tree of Life, che sembra venire dal passato ma che in realtà è una sonda dal futuro avanzata come e più e meglio e oltre Avatar...

Pagine

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy